F1 | Botta e risposta tra Russell e Verstappen, l’inglese: “Fanno passare Albon per idiota”

Max: "Russell pensi alla sua vettura, non fa parte della nostra squadra"

Duro botta e risposta a distanza tra Verstappen e Russell
F1 | Botta e risposta tra Russell e Verstappen, l’inglese: “Fanno passare Albon per idiota”

I risultati di Alex Albon stanno facendo discutere nel paddock di Formula 1. Il pilota thailandese, escluso in Q2 nelle qualifiche del Gran Premio d’Ungheria sta prendendo costantemente paga da Verstappen, e dopo la batosta ricevuta in Stiria, anche a Budapest si preannuncia un’altra giornata no per il giovane pilota della Red Bull. L’ombra di Sebastian Vettel sembra farsi sempre più grande, e sappiamo come nel team austriaco ci siano pochissimi margini d’errore. A prendere le difese di Albon ci ha pensato George Russell, pilota della Williams, che ha commentato così dopo le qualifiche.

“Conosco bene Alex da 15 anni – ha detto Russell su Sky Sports. Abbiamo passato molto tempo insieme e posso dire che è uno dei migliori piloti con i quali abbia mai corso. Gente del calibro di Verstappen o Leclerc possono confermare come lui sia stato sempre nelle posizioni di vertice in ogni categoria. Non ho idea di cosa gli stia succedendo, mi sento a disagio per lui, perché sembra che lo facciano passare per idiota, ma non è così! Ha vinto in tutte le categorie nelle quali ha partecipato, quindi non so cosa stia accadendo: credo che in Red Bull debbano mettere a posto le cose”.

In difesa della Red Bull si è schierato il buon Max Verstappen, che ha così risposto a Russell su Autosport: “George non sa nulla della nostra squadra! Penso che sia meglio che si concentri solo sulla sua vettura e sulle sue prestazioni invece di parlare di qualcun altro. Da parte mia, penso di provare sempre a ottenere il massimo, cercando di spingere il più forte possibile. Questo non vuol dire che se la mia macchina non è da pole position allora mi arrendo. Cerco comunque di spingerla al limite”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati