F1 | Berger all’attacco: “Troppe regole e penalità inutili, sono tutte str*****e!”

L'austriaco ne ha per tutti: "Le corse sul bagnato hanno fatto la storia, basta Safety Car!"

F1 | Berger all’attacco: “Troppe regole e penalità inutili, sono tutte str*****e!”

Quanto accaduto nell’ultimo weekend di Imola non è andato giù a Gerhard Berger. L’ex pilota della Ferrari attacca la Formula 1 per i troppi regolamenti che mirano a penalizzare i piloti. I track limits alla Piratella e alla Prima Variante ovviamente sono stati attenzionati dall’austriaco (il caso Norris è emblematico, ndr), ma non si è certamente risparmiato per quanto riguarda la Safety Car e il suo eccessivo utilizzo, specialmente nella ripartenza dopo l’incidente tra Bottas e Russell, laddove si sarebbe potuti partire tranquillamente da fermo.

“Credo che la pioggia faccia parte del nostro sport – ha spiegato Berger al podcast di F1 Nation. Sta al pilota andare più veloce o meno! Se vogliamo dimostrare ai milioni di fan che ci seguono di essere in grado di guidare una vettura in situazioni difficili, penso che la pista bagnata possa aiutare in tal senso. La Safety Car a volte è in gara e la pista è quasi da slick. Le corse sul bagnato hanno creato la storia della Formula 1. Chiaramente c’è un punto in cui l’aquaplaning è troppo, ma penso che ultimamente ci sia troppa cautela”.

Poi sui regolamenti in generale: “Se non stai attento e abusi delle normative sportive, ai fan non piacerà più guardare le gare. Quando vedi tutte queste penalità inutili, sono tutte str*****e, non le sopporto. Voglio dire, andare oltre il cordolo solitamente non ti porta vantaggio, anzi ti penalizza. Ora quando superi i limiti di 10 centimetri ti inchiodano subito, è insopportabile”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati