F1 | Alpine, Budkowski: “La gara di Fernando è stata rovinata dopo una curva”

"Esteban è stato bravo a gestire le gomme", ha aggiunto

F1 | Alpine, Budkowski: “La gara di Fernando è stata rovinata dopo una curva”

Il decimo posto di Esteban Ocon ha salvato il weekend dell’Alpine a Istanbul, continuando tra l’altro a rimpinguare il record di gare consecutive a punti della squadra francese quest’anno, sempre in top ten eccezion fatta per la prima tappa in Bahrain. La domenica di Alonso è stata pessima: partito dalla quinta posizione, il due volte campione del mondo si è girato in partenza dopo un contatto fortuito con Gasly, e successivamente ha speronato Schumacher. Molto bene invece Ocon, decimo al traguardo senza essere mai rientrato ai box.

“E’ stato un risultato piuttosto magro per il team – ha detto Marcin Budkwoski, direttore esecutivo dell’Alpine. Fernando è stato colpito da Gasly alla prima curva e poi c’è stato un altro incidente con Schumacher. Da quel momento, la sua gara è stata fortemente compromessa. Non è riuscito a trovare il ritmo, neanche dopo il graining delle gomme. Dobbiamo verificare se la monoposto non sia stata danneggiata dai due contatti. Il risultato è frustrante, in quanto partiva in quinta posizione, e lo è ancora di più se si considera come si è piazzato Gasly. Esteban invece ha fatto una splendida prestazione a livello di gestione degli pneumatici. Ha fatto tutta la gara con un set di gomme intermedie per conquistare un punto. Ė un buon risultato, dato che è partito in dodicesima posizione, in una gara in cui nessuno si è ritirato. Anche se continuiamo la serie di piazzamenti in zona punti per la quindicesima gara consecutiva, abbiamo perso terreno nella lotta per il quinto posto in classifica nel campionato. Ora ci concentriamo sul prossimo appuntamento ad Austin, dove cercheremo di rifarci”.

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati