F1 | Alfa Romeo Sauber, Ericsson elettrizzato: “Rispetto a dodici mesi fa è cambiato il mondo”

Parla il pilota svedese: "La squadra ha avuto una crescita impressionante: tutto nasce da una piattaforma finanziaria più forte"

F1 | Alfa Romeo Sauber, Ericsson elettrizzato: “Rispetto a dodici mesi fa è cambiato il mondo”

Sotto l’aureola di Ferrari e Alfa Romeo, la Sauber quest’anno è finalmente tornata a battagliare con i team di metà classifica. Soprattutto Charles Leclerc, all’esordio in Formula 1, ha trovato con la C37 un feeling particolare, manifestato con ben cinque piazzamenti a punti; anche Marcus Ericsson, seppur in maniera ridotta, ha dato segnali di risveglio dopo due annate da incubo.

Proprio al pilota svedese, in Sauber dal 2015, è stato chiesto in quali aree il team elvetico ha fatto il maggior salto di qualità rispetto al passato: “C’è una grande differenza. Prima di tutto, la piattaforma finanziaria è molto più forte: tutto nasce da lì. Inoltre, abbiamo inserito alcune persone fantastiche nel team e le motivazioni sono cresciute. Ora siamo in un mondo completamente diverso rispetto a dodici mesi fa ed è bello da vedere. Penso che sia stata impressionante la crescita della squadra in dodici mesi: è una grande ricompensa per tutto il duro lavoro svolto nel team”.

Ericsson, inoltre, è convinto che il trend positivo di questo inizio 2018 potrà proseguire nell’arco del campionato: Non vedo ragioni per cui dovremmo regredire più delle altre squadre di centro classifica. Portiamo aggiornamenti più o meno ad ogni gara, non grandi pacchetti, bensì continuamente piccoli pezzi per migliorare la macchina. A quanto ho capito, è quello che continueremo a fare. Stiamo combattendo con la concorrenza di metà classifica e dovremmo essere in grado di fare lo stesso sviluppo. Poi, ad un certo punto, l’attenzione verrà spostata sul prossimo anno”.

F1 | Alfa Romeo Sauber, Ericsson elettrizzato: “Rispetto a dodici mesi fa è cambiato il mondo”
5 (100%) 2 votes
Leggi altri articoli in Alfa Romeo Sauber

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati