F1 | Alfa Romeo, Raikkonen: “Non c’era niente che potessimo fare”

Giovinazzi: "Deludente terminare senza punti"

F1 | Alfa Romeo, Raikkonen: “Non c’era niente che potessimo fare”

Nel Gran Premio di Monza, vinto da Pierre Gasly, va data comunque una nota di merito al team Alfa Romeo Racing ORLEN, per aver regalato delle emozioni ai tifosi italiani. Kimi Raikkonen, dopo il secondo start è stato nelle posizioni di vertice ma purtroppo la gomma morbida si è deteriorata in fretta, costringendo il finlandese a chiudere tredicesimo.

“Alla fine è stato un risultato molto deludente però non c’era niente che potessimo fare. Quando c’è stata la bandiera rossa ci sono rimaste solo le gomme soft, dopo aver usato le medie in partenza, e quelle ci hanno messo in una posizione molto difficile. Andavano bene per lottare e difendersi nei primi giri dopo la ripartenza, ma quando si sono deteriorate, siamo rimasti esposti. Fino alla bandiera rossa eravamo in una buona posizione: la macchina si comportava bene e le cose stavano andando in positivo per noi, ma dopo non abbiamo più potuto lottare”.

Gara sfortunata anche per Antonio Giovinazzi che ha ricevuto la stop and go penalty di 10 secondi per essere entrato ai box nonostante la pit-lane fosse ancora chiusa; ha concluso 16 esimo:

“Abbiamo terminato la gara senza punti dopo una gara pazza, ed è un peccato, perché all’inizio andava tutto bene. Sapevamo che un piazzamento nei primi dieci sarebbe stato improbabile, ma è comunque deludente che una penalità ti faccia scivolare in fondo al gruppo quando sei nelle prime posizioni. Dovremo indagare su come si è svolta la situazione che ha determinato lo stop&go: nei momenti successivi alla chiamata di una Safety Car accade tutto molto velocemente e si reagisce a ciò che succede intorno. Io ero solo concentrato nel tornare ai box. Devo lasciarmi tutto alle spalle e concentrarmi sulla gara della prossima settimana, un altro Gran Premio di casa, per cercare di fare un lavoro migliore”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati