Stefano Domenicali: “Non credo che il titolo si assegnerà questa domenica”

Stefano Domenicali: “Non credo che il titolo si assegnerà questa domenica”

Il Brasile ospiterà nei prossimi anni i due più grandi eventi sportivi a livello mondiale – i Giochi Olimpici nel 2016 e la Coppa del Mondo di calcio nel 2014 – ma entrambi dovranno lottare per raggiungere l’interesse generato dalle ultime edizioni del Gran Premio del Brasile di Formula 1.

Quella del 2010 sarà l’edizione numero 38 di questa gara che, per tanti anni, è stata collocata nella parte iniziale del calendario prima di slittare, dal 2004 in quella finale, trasformandosi così molto spesso nel palcoscenico di tante battaglie decisive per il titolo iridato. Così come l’anno scorso, anche in questa sessantesima edizione del Mondiale la gara sarà la penultima della stagione mai come questa volta riserverà tanta suspense nella lotta per il campionato, con cinque piloti ancora in lizza. La classifica vede in testa Fernando Alonso con 231 punti ma il quarto in classifica, Sebastian Vettel, è lontano soltanto 25 lunghezze, il punteggio che va al primo classificato. Dietro al tedesco c’è il detentore del titolo, davanti Mark Webber e Lewis Hamilton.

In teoria Fernando avrebbe la chance di conquistare la certezza del mondiale già a San Paolo ma ci vorrebbe davvero una combinazione di risultati abbastanza improbabile, come sottolinea il Team Principal della Scuderia Ferrari Marlboro Stefano Domenicali: “Non credo che il titolo si assegnerà questa domenica ma certamente sarà una gara molto importante: chi dovesse perdere troppi punti in Brasile sarebbe in grave difficoltà ad Abu Dhabi.”

Nella squadra di Maranello tutti hanno seguito il consiglio dato dallo stesso Domenicali subito dopo il successo nel Gran Premio di Corea: tenere i piedi per terra. “L’approccio che il team avrà in queste ultime due tappe sarà quello giusto, tenendo presente la forza dei nostri rivali McLaren e Red Bull” – continua Domenicali – “Abbiamo visto quanto possano essere complicate le gare durante questo campionato, il che significa che dovremo essere molto prudenti. Per quanto riguarda la F10, ci saranno alcuni piccoli aggiornamenti aerodinamici ma nulla di particolarmente significativo: la differenza la faranno l’affidabilità e la tenuta mentale. In ogni caso, penso che la F10 potrà essere competitiva e i rapporti di forza non dovrebbero essere tanti diversi da quelli visti nelle ultime gare: ci aspettiamo una Red Bull come sempre molto forte e una McLaren che potrebbe avere degli aggiornamenti ed essere quindi più veloce ed in piena lotta per il vertice.”

La Scuderia ha vinto già dieci volte la gara del Brasile, di cui due con Felipe Massa, nel 2006 e nel 2008. “E’ la sua gara di casa e, conoscendolo, sono sicuro che avrà una motivazione in più per far bene” – dice Domenicali del suo pilota brasiliano – “Vorrà dimostrare ai suoi tifosi il suo valore e quindi mi aspetto di vederlo pienamente in lotta e pronto a fare il possibile per vincere. Sarà molto veloce ed è quello che ci serve adesso per raggiungere i nostri obiettivi.”

Lo stesso Felipe non vede l’ora di correre davanti ai suoi supporter: “Questa è la gara che mi è mancata di più l’anno scorso, quando sono rimasto fuori dopo l’incidente di Budapest. Dopo l’assenza del 2009 sarebbe bello tornare a lottare per il primato, soprattutto perché sarebbe vitale per la classifica dei due campionati.”

Alonso non ha mai vinto qui ma un terzo posto ad Interlagos fu sufficiente per dargli il primo titolo iridato nel 2005 mentre un secondo gli valse lo stesso traguardo l’anno successivo. “Fernando affronterà la gara di Interlagos nello stesso modo con cui ha approcciato le ultime, avendo bene in mente che la cosa più importante sarà finire la gara e che, a meno che qualcosa di imprevedibile accada, ciò significherebbe portare a casa un buon bottino di punti” – afferma Domenicali.

“Andiamo in Brasile con lo stesso spirito con cui siamo andati a giocarci le nostre carte nelle ultime gare: concentrati sul nostro lavoro, determinati ad ottenere il massimo da ogni opportunità, consapevoli che i conti si faranno ad Abu Dhabi” – dice Fernando – “La pista è molto interessante e, di solito, offre corse molto spettacolari. Le condizioni meteorologiche, che possono essere molto variabili, potrebbero giocare un ruolo importante e dovremo essere pronti ad ogni eventualità. Con un tracciato così veloce e corto, i distacchi saranno ridotti e ci potranno essere tanti piloti racchiusi in pochi decimi.”

Sono state tante le edizioni del Gran Premio del Brasile di cui Domenicali è stato testimone nella sua ormai lunga carriera in Formula 1 quindi gli abbiamo chiesto quali sono i ricordi più belli e più brutti legati a questa gara. “Credo che il ricordo più bello sia senza dubbio il 2007. Era la tappa finale e solo due gare prima Kimi era 17 punti indietro in classifica: vincere il titolo Piloti con il finlandese e quello Costruttori insieme a Felipe fu davvero memorabile da un punto di vista sportivo” – racconta Domenicali – “Il peggiore è legato all’edizione successiva, a quella che si potrebbe definire l’ultima curva di Felipe. Quando tagliò il traguardo era campione del mondo poi, alcuni secondi dopo, il titolo passò in mano a Lewis Hamilton. Fu un momento difficile, anche se l’amarezza fu leggermente alleviata dal fatto che vincemmo il titolo Costruttori. Per Felipe e tutta la squadra fu davvero durissima. Quello che è rimasto un momento straordinario nel nostro sport è stato il modo in cui lui reagì pochi minuti dopo la fine della corsa, quando salì sul podio mostrando un grande autocontrollo, come fece del resto la squadra, e un enorme senso di sportività.”

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

10 commenti
  1. naranchio

    2 Novembre 2010 at 13:31

    “Il Brasile ospiterà nei prossimi anni i due più grandi eventi sportivi a livello mondiale – i Giochi Olimpici nel 2016 e la Coppa del Mondo di calcio nel 2014 – ma entrambi dovranno lottare per raggiungere l’interesse generato dalle ultime edizioni del Gran Premio del Brasile di Formula 1.”

    😀 spero che sia una battuta! ma si rende conto dell’importanza di olimpiadi e campionati di calcio in confronto a un gp??????????????????

  2. schubaffo

    2 Novembre 2010 at 14:18

    non credo proprio sia una battuta…. anche in Corea del Sud le autorità hanno sottolineato il fatto che, con la gara di Yeongam, il paese si sarebbe trovato ad aver ospitato le 3 grandi manifestazioni sportive per antonomasia: olimpiadi (1988), mondiali di calcio (2002) e formula 1(2010)…

    Forse tu non te ne rendi conto…

  3. gh

    2 Novembre 2010 at 14:20

    per quanto mi riguarda questo gp mi interessa molto di più di quello che sportaccio che è diventato il calcio 🙂
    per quanto riguarda i giochi olimpici no. quelli restano al di sopra di tutto ^^

  4. manu91

    2 Novembre 2010 at 14:25

    ti faccio notare che nell’articolo la frase e scritta senza virgolette, quindi probabilmente non si tratta delle parole di domenicali, ma di un’introduzione fatta dall’autore dell’articolo…

    P.S.: Posso concordare sulle olimpiadi, ma non sui mondiali di calcio (che io metterei alla pari).

  5. leonardo

    2 Novembre 2010 at 14:33

    Quoto Schubaffo. La F1 è il terzo evento planetario più seguito.

  6. Federico Barone

    2 Novembre 2010 at 20:36

    Nel 2005 e nel 2006, quando Lui divenne prima “campeon” e poi “bicampeon”, il GP del Brasile fu l’evento più seguito, non solo in tutto il mondo, ma in tutto l’universo conosciuto. Lo giuro! 😉

  7. cosimo

    3 Novembre 2010 at 00:06

    le olimpiadi non se le fila nessuno, le guardano solo chi non ha altro da vedere in tv…o magari per spulciare i fisici degli atleti…

    sai chi se ne frega chi vince il salto in lungo o il lancio del martello!!!

    invece importa eccome chi vince il mondiale gp

  8. beppe

    3 Novembre 2010 at 09:04

    @ cosimo
    attenzione non tutti sono appassionati di motori come noi, anche le olimpiadi hanno il loro fascino, certo non il business e lo spettacolo della F1 comunque …

    Beppe
    Redbull

  9. Daniele

    3 Novembre 2010 at 11:58

    Sarà ma a me il calcio fa proprio cag***…

  10. Federico Barone

    3 Novembre 2010 at 12:40

    cosimo, ti sbagli di grosso.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

News F1

F1 | Aston Martin, Alonso ipotesi per il 2021?

Vettel e Alonso potrebbero sfidarsi per un sedile in Aston Martin nel 2021
Potrebbe esserci Fernando Alonso nell’immediato futuro del team Aston Martin. Secondo quanto riportato dalla stampa britannica, il marchio inglese starebbe