Soldi e profitti attorno alla Formula 1

Soldi e profitti attorno alla Formula 1

Per comprendere tutto il business che la Formula 1 genera, aspetti economici, contratti di sponsorizzazione, tasse delle gare, spese per sanzioni, e tanto altro ancora, esiste il “Formula Money” , guida che aiuta a confrontare attraverso tabelle e diagrammi i vari interessi di ogni squadra e dello sport stesso.

Nel 2010 la Formula 1 ha guadagnato 137 milioni di dollari, dopo aver pagato ai rispettivi team una somma pari a 658 milioni $. L’entrate del 2010 incrementano l’entrata totale della CVC, società che nel 2006 ha acquistato i 2/3 dello sport.

Questi guadagni giustificano il perché dei pretendenti pronti a volersi accaparrare lo sport e non solo, infatti loro intenzione è aumentare questi profitti attraverso nuove piattaforme di diffusione, in particolare attraverso internet.

CVC non è l’unica proprietaria, infatti dei 137 milioni prodotti, la sua parte ammonta a 87 milioni, mentre il resto dei soci ha incassato i restanti 50 milioni di dollari. Ma quanto ha guadagnato in tutti questi anni la CVC? Ed Ecclestone quanto riesce ad incassare con la F1?

La CVC ha comprato la maggioranza pagando 1,2 miliardi di dollari, ma in questi anni il totale dei suoi profitti ha raggiunto poco più di 800 milioni di dollari, cifra vicinissima all’investimento iniziale. In questo periodo Ecclestone e la sua fidata famiglia ha guadagnato circa 150 milioni di dollari( ricordiamo che essa detiene il 13% di CVC), il solo stipendio di Bernie ammonta ad un totale di 31 milioni.

Altra curiosità riguarda la fonte di tutti questi guadagni. Sponsor, diritti televisivi, ma ciò che funge da fabbrica di ricchezza sono le tasse imposte sulle gare stesse, in totale 567 milioni. Attualmente la Formula 1 ha un valore complessivo che si aggira tra i 5 ed i 7 miliardi di dollari. Spiegato il motivo del perché molti ricchi pretendenti vorrebbero accaparrarsi lo sport.

Sebastiano Cucè

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

11 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati