Schumi: “L’incidente è stato un mio errore”

Il tedesco spiega che la pioggia ha impedito di capire la pista

Il pilota della Mercedes è stato vittima di uno spettacolare incidente nel finale della FP2: nessuna conseguenza per lui, ma molto lavoro per i meccanici. E per domani le previsioni continuano a dare pioggia
Schumi: “L’incidente è stato un mio errore”

Michael Schumacher ha ammesso di aver perso il controllo della sua Mercedes nelle fasi finali della FP2 al GP di Germania a causa di una sua distrazione.

Il tedesco si è schiantato nella parte finale della pista di Hockenheim, a quattro minuti dalla fine della sessione: nella zona del Motodrom l’ex ferrarista ha toccato la striscia bianca di vernice che delimita l’asfalto ed è schizzato oltre la via di fuga, impattando le barriere sia all’anteriore che al posteriore. Malgrado non abbia riportato conseguenze fisiche, l’incidente ha costretto i commissari di gara a esporre la bandiera rossa. “Fondamentalmente è colpa mia, non ero completamente concentrato. Ero alla radio, stavo facendo altre modifiche alla vettura e ha toccato la linea bianca”, ha detto Schumacher alla fine della sessione.

Schumacher ha chiuso in 23a posizione in una giornata molto difficile per le squadre, con la pioggia che è caduta a intermittenza in entrambe le sessioni di libere. “Le condizioni mutevoli non ci hanno aiutato molto, perché la pista cambiava in continuazione al punto che non abbiamo potuto imparare nulla e questo è un grosso problema”, ha spiegato. “Dovrò fare del mio meglio. Andremo alle Qualifiche probabilmente in condizioni di bagnato ed è per questo che ha avuto senso uscire e provare la vettura sul bagnato, per ottenere il giusto set-up e così via. Ma per domenica ci sono solo congetture, sicuramente”, ha concluso il tedesco.

Lorena Bianchi

Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

12 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati