Quando Trulli ha detto no alla Ferrari…

Quando Trulli ha detto no alla Ferrari…

Arrivano dei momenti nella vita in cui ti guardi indietro, ripensi alle decisioni che hai preso, a quello che avresti potuto fare ma non hai fatto. Ed è lì che spunta quell’ipotesi odiosa “e se…”. Chissà se anche Jarno Trulli si è posto qualche interrogativo ora che, dopo quindici anni nel circus, si ritrova appiedato, senza una vettura, scaricato dalla Caterham che gli ha preferito Vitaly Petrov e gli sponsor russi. Chissà se il pilota abruzzese si guarda indietro e ripensa a quando ha detto no alla Ferrari, per rimanere in Toyota con cui aveva appena firmato un contratto pluriennale, lui che i contratti li ha sempre rispettati.

Eppure la tentazione c’è stata e forte, perchè la Rossa è un sogno, specialmente per un italiano. E’ proprio Trulli a rivelare i retroscena di una vicenda fino a poco fa sconosciuta, in un’intervista ad Autosprint. “La Ferrari quando ero in Toyota mi ha cercato, davvero per poco non sono stato un pilota della scuderia di Maranello – ha dichiarato il driver -. Devo ringraziare Jean Todt per essere stato uno dei pochi team principal di top team a credere in me. E’ stato lui a offrirmi un posto alla Rossa, ma in quel periodo avevo un contratto piuttosto lungo con i giapponesi e in carriera ho sempre rispettato gli impegni presi”.

Con la Toyota sembrava andasse tutto bene, lo stesso Trulli spiega di aver “iniziato bene il 2005. Sono stato anche secondo nel Mondiale per un certo periodo”. Poi, però, problemi di sviluppo, o forse è il destino che ha deciso così, l’avventura non è proseguita come sperava e alla fine con il team nipponico non ha vinto nulla. Se si pensa che negli stessi anni la rossa faceva furore, qualche rimpianto è normale che rimanga: su quella monoposto avrebbe potuto esserci lui. Ma Jarno ha fatto la sua scelta, giusta o sbagliata che sia, ha mantenuto la sua dignità e la sua correttezza, doti che  non è così scontato trovare, doti che lo rendono ai nostri occhi un uomo ancora migliore.

E chissà che la Toyota quest’anno a Le Mans non lo ripaghi in qualche modo…

Lorenza Teti

 

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

32 commenti
  1. MikeCTF (tifoso Ferrari)

    21 Febbraio 2012 at 19:52

    Sempre piu’ stima per una Persona Vera! Uno che ha creduto e ha onorato SEMPRE quello per cui ci ha messo la faccia.
    C’e’ chi dira’ che quella e’ stata l’occasione della vita persa (e forse un avvocato per un motivo simile il buon Trulli l’avrebbe anche potuto ingaggiare 😉 ), ma l’essere fedele ai propri ideali non ha prezzo.
    Non avra’ vinto un mondiale, ma come caratura personale Jarno vale piu’ di tanti campioni.

    Mi mancherai!

    • StalloneBruno

      21 Febbraio 2012 at 22:16

      …avvocato?!? Siamo proprio in italia… 🙁

    • gabriele

      22 Febbraio 2012 at 18:05

      sono d’accordo che trulli sia una persona seria ma secondo me ha fatto un errore fare il secondo in ferrari è sempre un onore anche se sei tu che devi dimostrare di essere veloce lui avrebbe fatto grandi cose il potenziale non gli mancava e certamente sarebbe restato sempre nel cuore rosso mj sarebbe piacuto vederlo in ferrari peccato

  2. Red John

    21 Febbraio 2012 at 19:55

    e ora dove sono tutti quelli che hanno accusato spudoratamente la Scuderia Ferrari di non aver mai dato una mano ai piloti italiani? come al solito, critiche e offese gratuite, complimenti!

    • cecco

      21 Febbraio 2012 at 20:14

      concordo con te RED… qui purtroppo tante persone scrivono tanto x dire qualcosa…..

    • terminator

      22 Febbraio 2012 at 09:38

      QUOTONE !!!!

      si facciano avanti siore e siori quelli che hanno sempre sostenuto che la Ferrari non ha mai dato occasione ai piloti italiani…Jarno deve si ma mangiarsi le palle a morsi ora…Se avesse corso anche un anno in Ferrari sarebbe stato ricordato a vita come pilota (vedi Alesi che ha vinto UN solo GP e nonostante quello e’ amatissimo dai ferraristi), cosi’ presto andra’ nel dimenticatoio….

      Avanti siore e siori…

  3. Kraven83

    21 Febbraio 2012 at 20:00

    In pratica lo contattarono nel 2005 per affiancare Michael e sostituire Barrichello.
    Grandissimo peccato non aver accettato, forse semplicemente non voleva fare il secondo, altrimenti non me lo spiego con la semplice volontà di mantenere la parola data: i giapponesi avrebbero capito, ne sono sicuro, se Jarno avesse chiesto di svincolarsi.

    • Denis

      21 Febbraio 2012 at 20:04

      nessun secondo visto che avrebbe preso il posto di Massa. e se era veloce abbastanza sicuramente non chiamavano raikkonen.
      ma purtroppo,Jarno, era convinto che la toyota sarebbe divenuta come la RedBull ora. ma i sogni non sempre si avverano.

    • Mattia

      21 Febbraio 2012 at 21:15

      Lo contattarono nel 2005 per sostituire Barrichello nel 2006 (al suo posto è arrivato Massa), ma non ha accettato perché nel 2005 aveva firmato un contratto di alcuni anni con la Toyota e non perché avrebbe fatto da secondo a Schumacher.

  4. 7

    21 Febbraio 2012 at 20:17

    sarebbe passato da secondo di Alonso a secondo di Schumacher, e forse era troppo ambizioso per abbassarsi di nuovo ad essere numero 2. visto il fallimento della toyota avrebbe fatto meglio ad accettare, ma è facile parlare con il senno del poi.

    • ridas22

      21 Febbraio 2012 at 20:51

      Ma in Renault non è mai stato secondo di Alonso O_o

      • Me

        21 Febbraio 2012 at 21:16

        In Toyota ci è finito proprio per questo…

      • Mattia

        21 Febbraio 2012 at 21:18

        Trulli non è stato secondo di Alonso in Renault perché in quella stagione andava più forte lui, ma prima della fine della stagione 2004 Briatore lo ha fatto mandare via in modo poco cristallino e così è passato alla Toyota.

      • ridas22

        21 Febbraio 2012 at 23:28

        Infatti Mattia, ma si vede che visto i pollici versi che mi hanno dato nel 2004 quelle persone non vedevano la F1

    • 7

      22 Febbraio 2012 at 19:30

      appunto come dice Mattia, è stato cacciato per favorire Alonso. più secondo di così…

  5. Arturo

    21 Febbraio 2012 at 20:19

    L’avventura Toyota era sicuramente più affascinante, una sfida che avrebbe potuto scrivere pagine di storia. Se fosse andata come il budget faceva presumere, in Giappone avrebbero fatto un monumento a Trulli.
    Se veramente la motivazione del rifiuto della Rossa è quella che ha detto, allora è un signore, un Signore.

    • Mister_Willy

      21 Febbraio 2012 at 20:53

      Scusa,ma mi permetto di dissentire:per un pilota Italiano può esserci qualcosa di più affascinante che vincere un mondiale con la Ferrari? Chi è stato l’ultimo,Ascari nel 53? Come minimo l’avrebbero fatto santo.
      Nulla da eccepire invece sul fatto che sia un Signore comunque. Ciao 🙂

  6. Me

    21 Febbraio 2012 at 20:21

    Quindi al posto di Barrico per il 2006? (o c’entrano le voci che davano Massa in Toyota per il 2008, magari si pensava a uno scambio?)
    Comunque avrà creduto di poter ottenere di più dalla Toyota (e da una sua eventuale crescita) che dal fare il secondo in Ferrari.

  7. Alef1fan

    21 Febbraio 2012 at 20:26

    L’offerta non è giunta nel 2005 , bensì in un periodo di tempo tra il 2005 e il 2007 . Lui non ha specificato nulla… non è detto che gli abbiano offerto un posto da secondo… anche perchè il quel periodo Schumacher si stava per ritirare , quindi avrebbe avuto la possibilità di giocarsela con Massa…

  8. Michele

    21 Febbraio 2012 at 20:42

    Gli avranno offerto il posto di Massa del 2006 e di nuovo il posto di Raikkonen nel 2007. Magari Todt prima di andare via avrà comunque pensato bene che alla Ferrari un italiano ci poteva anche stare. In quel periodo Trulli era sicuramente considerato uno dei migliori piloti del circus.

  9. mauro

    21 Febbraio 2012 at 22:10

    chissà perchè queste cose escono solo ora….coi ma e coi sè non si và da nessuna parte

  10. Ferrarista

    21 Febbraio 2012 at 22:23

    Non riescho a crederci che abbia rifiutato un posto alla Ferrari. C’è qualcosa altro sotto.

    Sarrebbe stato troppo bello

    Comunque, Forza Ferrari per sempre

  11. Aanto

    22 Febbraio 2012 at 00:07

    …Non è mai troppo tardi…Trulli al posto di Massa già da ora!

  12. osj

    22 Febbraio 2012 at 02:25

    E cosi dopo aver rifiutato la Rossa ti ritrovi con un palmarès scarnuccio e a piedi, sostituito dal pagante ma niente affatto scarso Petrov…bravo Trulli hai preferito i soldoni della Toyota alle glorie della Ferrari… ben ti stà!

  13. Cobra

    22 Febbraio 2012 at 09:26

    Aspetta,cosa ha fatto??mah non posso crederci..

  14. Tommyhommy

    22 Febbraio 2012 at 11:28

    Aspettate però dire di essere un pilota Ferrari non necessariamente prevede che la si guidi ufficialmente. Magari il contratto prevedeva un ruolo per i test ed un pilota (Italiano o meno)se deve scegliere tra un test e un campionato sceglie il campionato.

  15. tHe reAl joK3r

    22 Febbraio 2012 at 16:57

    ….Il treno giusto passa una volta sola….chi è causa del suo “male” rimpianga se stesso…

  16. montis

    22 Febbraio 2012 at 18:44

    se andava in ferrari avrebbe dovuto fare il secondo pilota quindi per onore suo è rimasto dove era

  17. michele

    22 Febbraio 2012 at 19:43

    Mettiamo il caso che un bel giorno qualcuno ti dica che puoi uscire a cena con la donna che più ti piace e mettiamo anche che lo stesso qualcuno di prima ti dica che però, nonostante lei ci stia, deciderà lui quando e se potrai mai amarla (dico fisicamente).

    Vi pare una proposta decente? Andare a fare il galoppino di schumi????

    Che senso ha. Meglio fare il primo pilota alla HRT che sentirsi dire, nonostante sei più veloce, che è meglio se ti dai una calmata?..perchè Jarno era in quel periodo, calante per il tedesco, oggettivamente più veloce.

    Poi ad uno del Cancro! Non lo accetterebbe mai!

    Perciò, onore alla ferrari che ha fatto la proposta ed onore a Jarno che, suo malgrado, l’ha rifiutata.

    Se è vero, qualche notte, povero Jarno, non avrà dormito.

    Ammesso che non ci sia pure lo zampino di schumi, a favore di massa. Io sapevo così; cioè me l’hanno raccontata così.

    A Pescara qualche voce ha girato; però, chi può dire come sia veramente andata?

  18. Dario

    3 Marzo 2012 at 20:05

    Grande Jarno, ma la Toyota probabilmente gli aveva offerto molti soldi e cosi’ sara’ stato piu’ facile rifiutare la Ferrari

  19. Riccardo

    11 Marzo 2012 at 09:40

    Anche un certo Alessandro Nannini ha detto no alla Ferrari.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati