Mondiale F1 al via: quanta attesa tra gli appassionati?

Mondiale F1 al via: quanta attesa tra gli appassionati?

Come ogni anno che si rispetti, ad una settimana dall’inizio del Mondiale cresce l’attesa tra gli appassionati e gli addetti ai lavori.

Attesa che, oltretutto, quest’anno è stata prolungata per l’annullamento dell’iniziale GP del Bahrain. Altre due settimane di purgatorio in più, quindi, per gli irriducibili della F1.
Anche se, ultimamente, c’è da dire che tra alcuni spettatori aleggia un sentimento non tanto di nostalgia, quanto di indifferenza o attesa in calo verso l’inizio della Stagione.

Tra chi rimpiange gli anni passati, chi rimembra decenni ormai lontani e chi critica l’attuale organizzazione del Mondiale, di persone davvero contente e soddisfatte di ‘questa’ Formula 1 non è che ce ne siano molte.

I motivi li conosciamo, sono sempre i soliti. Per il calcio si dice che ‘siamo tutti allenatori’, probabilmente siamo anche tutti ‘Presidenti onorari FIA’, eppure di cose che non vanno benissimo ce ne sono, oggettivamente. Uno sport che cambia regolamento ogni anno è uno sport che non riesce a trovare un equilibrio con il quale identificarsi e farsi identificare dal pubblico. I cambiamenti regolamentari che sono stati apportati negli ultimi 3/4 anni hanno stravolto completamente la F1 alla ricerca dello ‘spettacolo’. Ma qui, forse, ci dobbiamo fermare un attimo a riflettere.

Qui si parla sempre di ‘spettacolo’. Ma ci siamo mai chiesti cosa intende la FIA con il concetto di ‘spettacolo’, cosa intendono invece gli appassionati, e se i due significati coincidono? Perchè siamo sicuri che differenze ce ne siano.

Perchè se il concetto di ‘spettacolo’ per la FIA è indurre i piloti a compiere tre o quattro soste a GP per ‘movimentare’ la classifica (con i rifornimenti o con gomme ultramorbide da 10 giri, questo non conta), bagnare artificialmente le piste, introdurre Kers, Ala Mobile e ‘corsie di sorpasso’ manco fossimo in una preferenziale del centro città riservata ai taxi, forse non ci siamo.

Siamo sicuri che per gli appassionati, chi segue cioè le gare da 5, 10, 20 anni o più, lo ‘spettacolo’ sia inteso in modo completamente opposto. E si identifichi cioè nei sorpassi al limite (Gilles Villeneuve), nei rettilinei percorsi ruota a ruota (Mansell-Senna), nell’agitazione che crea una gara come Abu Dhabi 2010 con quattro pretendenti al titolo al di là di qualsiasi regolamento, nelle imprese sul bagnato (Senna e Schumacher) che vanno al di là di dettagli tecnici che variano di anno in anno ma che hanno a che fare con l’abilità unicamente del pilota, nel coraggio e nella sfrontatezza nello sfidare il pericolo.

Spesse volte è stato criticato il nostro essere troppo nostalgici, ma il punto non è tanto quello di rimpiangere quei tempi, quanto le condizioni che permettevano a chi si appostava davanti alla TV di vedere ciò che succedeva dieci o anche vent’anni fa.

Tornando al concetto di ‘spettacolo’, siamo convinti che la FIA ormai lo identifichi come Show ‘televisivo’ più che ‘sportivo’. Da qui tutto l’interesse nel rendere le gare artificialmente più appassionanti, tramite regolamenti che stravolgono apparentemente l’andamento della singola gara, con il rischio di variare in modo indefinibile i valori in campo e gli sforzi che le squadre compiono nei mesi invernali.

E’ anche vero che, come dicono alcuni, anche anni fa si assisteva a gare soporifere, da pennichella pomeridiana (anche se il vero appassionato resta attaccato alla TV comunque). Ma è altrettanto corretto dire che, in presenza dello spiraglio per un sorpasso, almeno il tentativo era possibile. Cosa non proprio agevole oggi, in attesa dei risultati dell’ala mobile, sulla quale abbiamo già avuto modo di esprimere il nostro parere negativo (e anche i piloti paiono darci ragione).

Detto questo, il lungo inverno è ormai terminato, e tra tre giorni inizieranno le prime libere. Le incognite e gli enigmi sono tanti, a cominciare dalle Pirelli che non sappiamo quanto dureranno e quanto incideranno sulle gare, anche se le indiscrezioni che circolano parlano chiaramente di degrado esagerato.

Gli altri cambi regolamentari hanno attirato molte polemiche in una F1 che sta diventando troppo tecnologica e troppo vicina ai videogame, e le recenti uscite di Ecclestone non hanno aiutato ad alimentare il clima di attesa che si dovrebbe respirare a poche ore dal via della Stagione, nonostante la cancellazione del primo GP.

L’attesa cresce, forse meno del solito ma cresce. La fine del 2010 è stata tragica per la Ferrari, che sarà in cerca di riscossa. La Red Bull pare saldamente al suo posto, ma le ‘X’ quest’anno sono talmente tante che è il caso di non dare nulla per scontato. Non sarebbe inusuale un cambio di gerarchie in pista a fronte di un cambio sostanzioso nel regolamento tecnico.

Insomma, un grosso punto interrogativo si leva sopra questo Mondiale, più degli altri anni probabilmente. Speriamo che, con l’accendersi del semaforo verde, polemiche, paure e quant’altro lascino spazio unicamente a ciò che aspettiamo dalla metà di novembre, e che si possa parlare unicamente di sport. E, come diceva il caro Maurizio Mosca, ‘Buon Campionato a tutti!’

Alessandro Secchi
F1Grandprix.it

Mondiale F1 al via: quanta attesa tra gli appassionati?
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

37 commenti
  1. Fabio

    22 marzo 2011 at 21:27

    @Alessandro Secchi come sempre fà centro nella mia stessa linea di pensiero!!!
    Concordo pienamente..

  2. SEZAR

    22 marzo 2011 at 21:32

    Buon Campionato a Tutti… 🙂

  3. Sergio

    22 marzo 2011 at 21:58

    Non vedo l’ora. Forza Ferrari e Forza Fernando

  4. Gianni

    22 marzo 2011 at 21:59

    Gare soporifere o no alla fine sono sempre davanti alla tv per qualifiche e prove, il vero appassionato sa che la f1 è una continua evoluzione della tecnica e che il cambio dei regolamenti è votato alla riduzione delle prestazioni e all’aumento della sicurezza. Da qualche anno ci sono modifiche per lo spettacolo ma come tutti sappiamo non hanno portato a quello che si aspettavano…quest’anno c’è molta carne al fuoco…aspetto fiducioso il weekend, ovviamente ci risentiamo qua per discutere come sempre.

    Un ciao a tutti!
    🙂

  5. ridas22 (tifoso Barrichello e Heidfeld)

    22 marzo 2011 at 22:21

    “Ci hanno promesso” 50 sorpassi a GP, c’era scritto su Autosprint. Vi ricordate a parte Canada 2010 il GP Australia 2009?
    Ci furono parecchi sorpassi grazie alle Bridgestone che fecero una mescola che mi pare andava molto piano finchè non si scaldava. Quindi credo come molti che sarà soprattutto merito delle gomme se quest’anno caso mai dovesse esserci più spettacolo, e forse l’ala mobile. Il kers solo se ci fosse un caso come il 2009 che lo usavano in pochi, se lo usano quasi tutti non credo farà troppa differenza.
    Buon campionato a tutti! 😀

  6. MikeCTF

    22 marzo 2011 at 22:21

    Sì valà speriamo in poche polemiche che un altro 2009 proprio non lo voglio vedere…

    Buon divertimento a tutti!

  7. ale

    22 marzo 2011 at 22:26

    andiamooo!!!!!!non vedo l’ora che inizi!!!!! forza shumi!!!

  8. ridas22 (tifoso Barrichello e Heidfeld)

    22 marzo 2011 at 22:28

    Ho quasi 25 anni, è dal 1997 che seguo la F1. Sarebbe un vero peccato se togliessero Melbourne, per me vuol dire inizio del Mondiale, ha un sapore speciale. Nel 2006 e 2010 quando si iniziò in Bahrain non era per niente la stessa cosa, ma sinceramente il sapore che rendeva speciale il GP Australia era l’orario: le 4 del mattino! Non le 8… 😀

  9. jacvil87

    22 marzo 2011 at 22:29

    Se volete più spettacolo fate tornare Jacques Villeneuve e Juan Pablo Montoya!!! 🙂

  10. F1

    22 marzo 2011 at 22:30

    Ridaz22 hai perfettamente ragione

  11. Max

    22 marzo 2011 at 22:34

    ha ragione ridas22, le levatacce alle 4 di mattina per vedere la prima del Mondiale avevano veramente un loro perché!

    Cmq, bando ai discorsi, non vedo l’ora che inizi la battaglia!!!!!! Oltretutto, la MotoGP quest’anno sarà talmente pallosa che (secondo me) parecchi saranno incentivati a guardare piuttosto la F1.

    FORZA FERRARI, FORZA FERNANDO, FORZA FELIPE!!!!!!!!!!

  12. visce5schumythebest

    22 marzo 2011 at 22:39

    se vogliono lo spettacolo? meglio ritornare alla F1 del 1997 e ripartire da li… perkè la vera F1 è morta nel 1997.

  13. sabbatico

    22 marzo 2011 at 22:40

    Spero di sbagliarmi ma credo vedremo un mondiale combattuto di più in aule per i ricorsi o cmq in aule dovute a incomprensioni per il nuovo regolamento che nè in pista.

    Io me la guarderò cmq ma chi la segue ogni tanto non avrà stimoli ulteriori.
    Grazie Ecclestone

  14. Manuel (tifoso Vettel-RedBull)

    22 marzo 2011 at 22:41

    Alessandro Secchi complimenti per l’articolo, molto bello

    @ridas22
    concordo era stupendo alzarsi alle 4 del mattino ancora mezzi rinco e prepararsi il caffè ( io facevo così), a me quei momenti piacevano molto anche se quando vedevo stella bruno alle 4 del mattino poi avevo incubi per diverse notti 🙂

    Forza RedBull, forza Vettel e Buon campionato a tutti ma cosa più importante SPERIAMO DI DIVERTIRCI E CHE NON CI SIANO POLEMICHE!

  15. D-Lord

    22 marzo 2011 at 23:06

    “me quei momenti piacevano molto anche se quando vedevo stella bruno alle 4 del mattino poi avevo incubi per diverse notti :)”

    ahahahahahaha non smetto più di ridere! 😀

    concordo in pieno per quanto riguarda le polemiche, dopo Valencia sono la cosa che odio di più!
    poi che dire una settimana in più è stata una tortura, ma l’attesa sono sicuro che verrà ripagata!

  16. Simo

    22 marzo 2011 at 23:07

    troppa attesa!!!!!!!!!!!!!!!

  17. olivetis

    22 marzo 2011 at 23:19

    attesa…attesa…attesa…attesa…attesa…Da parte mia, ho affrontato l’attesa della prima gara in modo piuttosto tranquillo, specie da quando mi fanno le punturine calmanti. Oggi, dopo tanti giorni, hanno allentato i legacci di questa strana camicia dalle luuunghe maniche…. Grazie Dottore finalmente anch’io un commento…
    Sono già incollato alla tv +SPORT -GUERRE

  18. adriano

    22 marzo 2011 at 23:58

    VAI VAI VAI !!

    speriamo che tutti vedano il tricolore in pista ! ha ha ha

  19. pgm

    23 marzo 2011 at 01:47

    tanto l’ala mobile la aboliscono per motivi di sicurezza già dopo le prove di venerdì. perchè qualcuno che si schianta a causa di questo dispositivo balordo ci sarà di sicuro

  20. Max

    23 marzo 2011 at 01:58

    @manuel

    le polemiche ci saranno, tanto quanto gli anni passati. Non dipende nè da me nè da te nè da nessun altro, è lo sport che funziona così. Calcio, F1, MotoGP e tutto il resto non se li filerebbe nessuno se non ci fossero le polemiche: la polemica è un trucco mediatico che serve a far parlare il più possibile di un evento, rendendolo…diciamo “metatelevisivo”.
    A noi appassionati sembra che la polemica snaturi la purezza dell’agonismo: in realtà è una strategia che agisce a livello inconscio e cattura ancora di più la nostra attenzione.

    PS. Stella Bruno sembra un camionista, la vedrei bene col pacchetto di MS morbide inguattato nel taschino del bomber.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

Gran Premi

F1 | GP d’Australia: l’analisi della gara

La vittoria di Bottas, i problemi Ferrari e la lotta ravvicinata a centro gruppo: i temi caldi del GP d'Australia
Si apre nel segno di Valtteri Bottas e della Mercedes la stagione 2019 di Formula 1. Sul circuito cittadino dell’Albert