10 anni di Formula 1 per Fernando Alonso

10 anni di Formula 1 per Fernando Alonso

Finalmente ci siamo! Non vedevo l’ora di arrivare alla prima gara: il rinvio del Gran Premio del Bahrain ha reso questa attesa più lunga del previsto. Certo, i tecnici hanno avuto più tempo per prepararsi e c’è stata la possibilità di lavorare con più calma ma per noi piloti – credo che lo stesso discorso valga anche per tutti i miei colleghi – il desiderio di ritornare a gareggiare era fortissimo.

E’ stato un inverno molto intenso. Dopo Abu Dhabi non c’è stato molto tempo per dispiacersi di com’era finito il campionato 2010. C’era subito da rimboccarsi le maniche e lavorare sullo sviluppo delle gomme e sulla nuova macchina, senza pensare troppo a quello che era accaduto. Quella sconfitta ci ha dato ancora più motivazione e, ne sono sicuro, ora siamo più forti. La Ferrari è sinonimo di passione per le corse e tutti noi abbiamo una gran voglia di reagire e di lottare per la vittoria.

Abbiamo fatto tantissimi chilometri nei test e abbiamo dimostrato di aver raggiunto un buon livello di affidabilità, il che è sempre importante. C’è ottimismo, anche se non possiamo sapere dove realmente siamo rispetto agli altri. A Barcellona nell’ultimo test abbiamo portato un bel pacchetto di novità e qui a Melbourne c’è ancora un ulteriore aggiornamento sull’ala anteriore. Vedremo se darà i frutti attesi, anche se penso che ci vorranno tre o quattro gare per avere un quadro preciso della situazione.

Ci sono tante novità quest’anno, dall’ala posteriore mobile al ritorno del KERS e, soprattutto, ci sono delle nuove gomme, le Pirelli. Per quanto abbiamo potuto vedere nei test, il degrado è molto più elevato rispetto alle Bridgestone: ci saranno quindi più pit-stop e la strategia sarà il punto chiave per il risultato finale. La qualifica sarà meno decisiva, visto che le tante soste renderanno più incerto lo svolgimento della gara: sicuramente i nostri ragazzi al pit-stop avranno molto più lavoro da fare!

Si è parlato tanto in queste settimane di possibili difficoltà nella gestione di tutti i comandi che abbiamo in macchina, in particolare sul volante. Francamente non credo che ci saranno dei problemi, tantomeno legati alla sicurezza. In fondo siamo dei piloti professionisti e dobbiamo saperci adattare alle diverse situazioni. Anche per quanto riguarda la gestione dell’ala posteriore mobile non penso che avremo dei problemi. Mi sembra una buona idea ma è ovviamente troppo presto per dire se servirà davvero a rendere i sorpassi più agevoli e, quindi, ad aumentare lo spettacolo. Cominceremo a vederlo domenica pomeriggio.

Sono arrivato a Melbourne lunedì sera, al termine di un viaggio lunghissimo, il più lungo della stagione. Sono contento di iniziare il campionato proprio qui, peraltro senza voler togliere nulla al Bahrain: per tanti anni questa è stata la prima gara, c’è un’atmosfera particolare e piacevole ed è un luogo per me ormai familiare. Il circuito è molto divertente e offre gare spettacolari ed incerte, con la safety-car spesso protagonista. Ho vinto nel 2006 e altre tre volte sono riuscito a salire sul podio: speriamo di ripeterci.

Qui, dieci anni fa, è iniziata la mia avventura in Formula 1. Dei miei ventinove anni, ventisei li ho passati dietro ad un volante e su quattro ruote, dieci nella categoria regina, i più belli. Non avrei mai pensato di arrivare fino qui e ho ottenuto molto più di quanto sperassi da piccolo. Ora voglio continuare ancora a lungo e cercare di rendere quelli a venire gli anni più belli!

10 anni di Formula 1 per Fernando Alonso
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Eventi

Lascia un commento

16 commenti
  1. F1 for ever

    23 marzo 2011 at 11:48

    Vai Fernando!!!
    Questi dieci anni devono essere festeggiati nel modo migliore, no 😉 ?
    Mi ricordo benissimo del giovane Alonso in Minardi e di strada indubbiamente ne hai fatta da allora (con due titoli mondiali giusto per rendere il viaggio più interessante 😀 ). Mi raccomando, continua a tenere alta la bandiera della classe 1981!
    Da una coetanea e tua tifosa da sempre!

  2. MSC the best

    23 marzo 2011 at 12:53

    @F1 forever

    cambia pilota è meglio, uno con la P maiuscola!

  3. adriano

    23 marzo 2011 at 13:19

    msc ….lasciamo perdere va’ ,…. P maiaiuscola

  4. danylrome

    23 marzo 2011 at 13:29

    E’ interessante notare come Alonso parli positivamente delle novità introdotte…

    riferendosi al volante scrive che per lui non è un problema in quanto un professionista…

    leggendo tra le righe si potrebbe dire che dice esattamente tutto l’incontrario di quanto sta dicendo ormai Vettel con quel disco incantato, che personalmente mi ha anche annoiato, che va di moda nel suo entourage dall’inizio delle prove di Valencia: “troppi comandi, l’ala mobile, le gomme, ecc…”

    Su questo Alonso sembra più serio del tedesco, è non solo come professionista!

  5. Simo

    23 marzo 2011 at 14:12

    @danylrome
    OTTIMA ANALISI

  6. MSC the best

    23 marzo 2011 at 14:48

    @adriano

    alonso ha vinto il 1* campionato con la macchina non del tutto regolare e il secondo perchè Schumy ha fuso il motore!

  7. MSC the best

    23 marzo 2011 at 14:49

    e non è un pilota con la P maiuscola!

  8. MSC the best

    23 marzo 2011 at 14:50

    it is ridiculous

  9. sebar1

    23 marzo 2011 at 17:11

    Alonso, fa parte dei pochi PILOTI che riescono a farci venire la pelle d’oca,con guida e determinazione.
    chi non riesce ad ammettere questo è tifoso con i paraocchi di un altra squadra.

  10. r26

    23 marzo 2011 at 18:33

    ancora con la storia che la renault era inregolare

    innanzitutto nel 2005 la renault non montava il mass dumper e poi il muss damper non era inregolare l’hanno fatto diventare inregolare per far vincere la ferrari e poi tutti c’e l’avete con schumacher che ha rotto a suzzuca ma vi siete dimenticati di quanto alonzo a rotto a monza o della penalizazione assurda del gp d’ungheria e dell’abolizione assurda e ingiustificata dell muss dumper nell 2006 la FIA ha fatto di tutto x far vincere la ferrari ma non’ostante ciò non ce riuscita quindi ancor piu merito alla renault

  11. mik

    23 marzo 2011 at 19:41

    sicuramante msc è stato un grande pilota e rimarra nella storia ma non bisogna dimenticare il periodo e gli avversari che ha avuto dal dopo senna fino ad alonso

  12. Vittorio

    23 marzo 2011 at 21:49

    @r26: in Ungheria semmai fu ingiusto il trattamento a Schumacher, che ricevette la stessa penalizzazione di Alonso (che invece aveva fatto un gesto molto brutto – come suo solito) tagliando volutamente la strada a Speed solo perchè lo aveva ostacolato nelle prove libere… questo la dice lunga su come si comporta(va) Alonso
    E non dimenticare la penalizzazione di Monaco.
    O il fatto che il Mass Dumper illegale sia stato bandito ma non punito (vedi Bar inizio 2005 per intenderci)

  13. Manuel (tifoso Vettel-RedBull)

    23 marzo 2011 at 21:56

    Alonso è il numero 1 a parlare con i giornalisti, a manipolare i media è il migliore

    ……. un arte anche questa che può sempre servire

  14. r26

    23 marzo 2011 at 22:45

    a monaco la penalizazione a schumacher fu sacrosanta il muss dumper non era inlegale come ho gia detto e cmq sia la renault aveva presentato il proggetto x il muss dumper e fu decretato regolare dalla fia poi appena ferrari e mclaren sono andate a piangere alla FIA improvvisamente e diventato inregolare quindi la fia non poteva punire la renault in quanto furono loro stessi a decretarlo regolare

  15. olivetis

    24 marzo 2011 at 06:29

    ….beviamoci ‘ste due lattine, Nando. Alla tua salute!
    Buon Campionato a tutti

  16. schumacher in pensione subito

    24 marzo 2011 at 09:21

    a tutti i tifosi sfegatati di schumacher

    ringraziate che AYRTON SENNA non c’è piu’
    altrimenti il vostro beniamino era ad arare i campi
    quello che dovrebbe fare adesso….

    W 11 Lugio 1999 (SILVERSTONE)
    IL REGALO PIU’ BELLO DI COMPLEANNO CHE ABBIA RICEVUTO QUEL GIORNO
    1 GAMBINA KAPUT

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati