F1 | Haas, Steiner: “Siamo molto soddisfatti fino ad ora. Il merito va all’intero team”

Il team principal della Haas analizza il primo Gran Premio stagionale e guarda con fiducia al prossimo appuntamento in Bahrain

F1 | Haas, Steiner: “Siamo molto soddisfatti fino ad ora. Il merito va all’intero team”

La stagione 2019 è iniziata con un ottimo sesto posto per la Haas, guadagnandosi il titolo di “best of the rest”. Non ci poteva essere inizio migliore in termini di performance per la squadra americana, che anche quest’anno vuole puntare al quarto titolo nel mondiale costruttori dopo esserselo visto sfuggire tra le mani a causa di vari errori nel 2018. Sfortunatamente il team di Kannapolis non è riuscito a concretizzare tutto il potenziale visto a Melbourne per via del ritiro di Romain Grosjean, causato dalla rottura del dado della gomma anteriore sinistra.

Una situazione che ha rimandato alla mente ciò che era successo l’anno precedente, quando nella gara inaugurale della stagione entrambi i piloti della squadra americana furono costretti al ritiro in seguito ad mancato fissaggio di una gomma. Nonostante le difficoltà incontrate in Australia, Gunther Steiner ritiene che la squadra possa riprendersi esattamente come nella passata stagione: “È una di quelle che semplicemente succede, e pare che sembra accadere sempre in Australia. Sembra di essere un posto sfortunato per noi. È stato un problema alla gomma anteriore sinistra. Avevamo già avuto problemi l’anno scorso e di nuovo quest’anno. È stato semplicemente un errore al pit stop. Ma non si può far nulla tranne che fare pratica, rimanere calmi e fare un buon lavoro, come abbiamo fatto tutto l’anno dopo l’Australia. In altre 20 gare nel 2018 non abbiamo avuto problemi nei pit stop, quindi sono fiducioso che possiamo uscire nuovamente da questa situazione” ha commentato il team principal della Haas.

La nuova VF19 si è dimostrata fino ad ora molto competitiva, guadagnandosi il titolo di best of the rest, davanti a team più quotati come la Renault. È chiaramente presto per tirare conclusioni sul come si evolverà la stagione, la Haas ci ha spesso abituato a grandi inizi per poi scemare nella seconda parte di campionato, ma Steiner crede che la nuova vettura possa dare il meglio di sé anche in Bahrain: “La nostra vettura si è dimostrata veloce sia a Barcellona che in Australia, quindi non provedo differenze per il Bahrain. Siamo molto soddisfatti. Il merito va all’intero team, ha fatto un lavoro fantastico nell’adattare la vettura ai nuovi regolamenti e nel disegnare una monoposto che fosse competitiva” sono state le parole di Steiner.

Il duello a centro classifica è molto ravvicinato, con tanti team pronti a lottare per ottenere il quarto posto nel mondiale cotruttori. Tante squadre tutte vicine e, naturalmente, tante battaglie, come le abbiamo viste in Australia con ben 5 piloti al traguardo nel giro di una manciata di secondi: “È ottimo per la Formula 1 avere battaglie come queste a centro gruppo. Sarebbe fantastico se le vedessimo anche davanti, che sia per il primo, secondo o terzo posto. Quasi ogni gara potrebbe avere vincitori diversi. Il podio vedrebbe più di tre team. A centro gruppo la battaglia è molto ravvicinata. È sempre bello scendere in pista e avere qualcosa per cui lottare” ha commentato Steiner nella preview del prossimo Gran Premio in Bahrain. Ma se in qualifica a Melbourne il distacco tra i team di prima e seconda fascia sembrava essersi ridotto, con Romain Grosjean che era riuscito a qualificarsi solamente pochi decimi alle spalle di Charles Leclerc con la sua Ferrari, questo gap è aumentato in gara, ma ciò non toglie che la Haas sia pronta a sfruttare qualsiasi occasioni per salire sul podio: “Siamo più vicini rispetto a prima, ma siamo ancora abbastanza distanti. Il nostro piano è di guadagnare il quarto posto e essere il “best-of-the-rest”. Se accadesse qualcosa agli altri team team, saremmo in una buona posizione per riuscire magari salire sul podio” ha poi concluso il team principal della Haas.

 

 

 

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati