Le pagelle del GP d’Abu Dhabi

Le pagelle del GP d’Abu Dhabi

Sebastian Vettel – 10 – Non gli diamo la lode solo perché non è stato perfetto in qualifica e nelle libere, ma in realtà si tratta solamente di questione di dettagli. D’altronde cosa si può dire di chi ha vinto il Mondiale?

Mark Webber – 9 – Non sarà un extraterrestre come il suo compagno di team, ma avercene di piloti così. E la fine ormai prossima di questa stagione ce lo fa rimpiangere sempre di più. Partenza non perfetta, ma sa riscattarsi e dà vita a una rimonta da protagonista che gli permette di chiudere secondo, pur distante dal fresco campione del mondo. A noi, però, piace lo stesso.

Romain Grosjean – 8 – Questa volta il podio gli sfugge a causa della strategia a una sosta che non porta i suoi frutti. Il quarto posto non cancella quanto di buono fatto da un pilota che pare aver davvero raggiunto la maturità. Per la gioia della Lotus.

Kimi Raikkonen – s.v. – Dura poco la gara di Iceman. Il weekend non è dei migliori e lui ci mette del suo per renderlo tale, ma in Lotus non è che lo stiano trattando proprio con i guanti bianchi e visto quel che ha fatto Kimi fino adesso, crediamo non se lo meriti.

Nico Rosberg – 8.5 – Secondo podio consecutivo, seconda volta che tiene dietro Hamilton. In Mercedes prendono appunti e ringraziano Nico che “porta avanti la baracca”…

Lewis Hamilton – 6- – Una sufficienza stiracchiata proprio perché conclude la corsa in zona punti, ma non è l’Hamilton che vogliamo vedere. Apatico, senza mordente, poco propositivo e poco competitivo, perennemente dietro al compagno di team e non solo a lui… Ce le ha tutte. Provaci ancora Lewis.

Fernando Alonso – 7 – Non riusciamo a dare di più al ferrarista. Lotta per un quinto posto, ma non è questo che ci aspettavamo da lui e dalla Ferrari. Va bene la rimonta – frutto delle solite qualifiche da dimenticare -, va bene l’accorta gestione delle gomme, va bene la grinta e il coraggio, specialmente nel sorpasso a Vergne dove rischia grosso, ma alla fine chiude comunque quinto. Note positive: le buone condizioni nonostante il volo sul cordolo in occasione del sorpasso al pilota Toro Rosso e i punti conquistati che ancora tengono accesa la lotta nella classifica costruttori.

Felipe Massa – 6 – Parte bene ma finisce… malino. Certo, ottavo è meglio che niente, peccato che nella prima parte della gara faccia sognare e ben sperare, salvo poi “rilassarsi” nella seconda. Qualche punto lo porta a casa, ma per combattere per il Mondiale costruttori serve di più.

Paul di Resta – 8 – Partito 11esimo, chiude sesto tra gli applausi generali. Una strategia a una sola sosta, una gestione delle gomme perfetta e un pilota che sa e può fare bene. Oggi lo dimostra e il mix è vincente.

Adrian Sutil – 6 – Anche lui chiude nella top ten. Parte più indietro rispetto al compagno di team, ma chiude con un decimo posto che comunque può soddisfare la Force India. Ora l’obiettivo è terminare la stagione nel migliore dei modi, mantenendo la sesta piazza in classifica costruttori, ma questo sembra un risultato ormai certo.

Sergio Perez – 6 – La McLaren ringrazia per l’unico punto racimolato nel fine settimana. Il pilota messicano sorride: ha vinto il confronto per la seconda volta consecutiva con il compagno di squadra e si sta conquistando la riconferma.

Jenson Button – 5 – Un 12esimo posto ad Abu Dhabi e un weekend da dimenticare. Costretto a rientrare per aver colpevolmente danneggiato l’ala a inizio gara, la corsa è tutta in salita per il pilota britannico che per il secondo weekend di fila termina fuori dalla zona punti, oltretutto dietro alla Williams di Maldonado, non certo un fulmine di guerra. Chapeau al venezuelano, un po’ meno al campione del mondo 2009.

Pastor Maldonado – 6- – Prima o poi ce la farà Pastor a entrare in top ten. Chiude 11esimo, ancora senza punti, ma fa quel che può e ottiene il massimo dalla vettura a disposizione, tenendo sempre dietro – e di molto – il compagno di team Valtteri Bottas (5). Sarà per le voci di approdo alla Lotus? Sarà che, sponsor a parte, vuol convincere ai piani alti il suo ingaggio? Staremo a vedere cosa succederà.

Daniel Ricciardo, Jean-Eric Vergne – 4.5 – Questa volta neanche Ricciardo si salva e salva il weekend della Toro Rosso.

Esteban Gutierrez, Nico Hulkenberg – 5.5 – Un passo indietro per la Sauber ad Abu Dhabi, dopo gli ultimi positivi weekend, soprattutto per quanto riguarda Hulkenberg. Il tedesco, dopo le qualifiche, sperava in un piazzamento in top ten. Speranza delusa, ma a volte capita.

Giedo van der Garde, Charles Pic – 6 – Nella lotta tra le piccole ottengono il loro obiettivo, tenere dietro le Marussia. E finalmente Pic taglia anche il traguardo.

Jules Bianchi, Max Chilton – 5 – Oggi non era proprio giornata. I due pilota a fine gara lamentano la mancanza di passo e di bilanciamento. La Marussia è sempre decima nella classifica costruttori, ma nelle ultime gare ci si aspetta di vedere i progressi annunciati.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

27 commenti
  1. iL_Prof

    4 Novembre 2013 at 10:50

    D’altronde cosa si può dire di chi ha vinto il Mondiale?

    Si puo e deve dire che:

    Sinceramente i dubbi rimangono. Particolarmente anche quando uno come Anderson ammette qualche dubbio….

    Poi leggo che la FIA controlla il fondo a 300°

    Controllo a mio modo di vedere ridicolo.

    Se la controllano a 1500° si squaglia.

    • 91.

      4 Novembre 2013 at 11:30

      Penso che 300°C siano già abbondanti, i 1500°C sono temperature raggiunte dagli aerei a mach 2 non certo dalle f1.

      Sono comunque d’ accordo su alcuni dubbi.

      Mi è parso anche in questo GP che il rumore in rilascio della RB di Vettel è diverso.

      • Max Bassanet

        4 Novembre 2013 at 17:59

        e poi dare più di 30 secondi al compagno di team con la stessa auto (stessa auto, che parolona. ok è webber ma poi cosi tanto grammo non è) mi puzza parecchio la cosa.

    • mario

      4 Novembre 2013 at 20:30

      Se il buon Gary Anderson fosse un progettista di alto livello sarebbe probabilmente ancora in F1 invece che a fare le supposizioni per le Tv o i giornali inglesi.Per il resto se qualcuno pensa di assistere ad uno sport dove e’ gia’ tutto deciso,mi chiedo perche’ perde il suo tempo e guarda i Gp.

  2. Ele (mclaren)

    4 Novembre 2013 at 12:17

    ..e quanto vogliamo dare di voto a questi commissari “imparziali” e “veloci a prendere le decisioni”.. 😉

    • Lorenz

      7 Novembre 2013 at 01:07

      Guarda caso sono sempre velocissimi tranne quando si tratta di Alonso, che pur facendo manovre spericolate non viene penalizzato. Complimenti.

  3. brambi57

    4 Novembre 2013 at 13:13

    Raikkonen: prima della squalifica (per colpe non sue) il weekend andava bene (ottima qualifica). In gara il contatto poteva evitarlo.
    Massa: se gli avessero montato le soft al secondo pit-stop sarebbe arrivato sesto (finisce malino per le gomme ssbagliate).

    • Chau (tifoso Kimi, Hülkenberg e Mercedes)

      4 Novembre 2013 at 16:01

      Premetto che non so se l’abbiano fatto rivedere nel post-gara o su Sky, io ho guardato su RTL fino a poco più di metà gara (al pit stop con di Hülkenberg per il quale gli hanno poi dato il DT), ma dal camera car di Kimi che si è visto coi replay della partenza mi è parso di notare che ha colpito Van der Garde perché si nota che mentre percorre la prima curva viene colpito da dietro (credo che fosse Bianchi), quindi non so fino a che punto potesse evitare il contatto…

      • robyxx74

        4 Novembre 2013 at 19:53

        Dalla camera car si vede benissimo un primo scossone prima del tamponamento a Van der Garde

      • eliastanlio

        4 Novembre 2013 at 19:57

        è impossibile perchè alla partenza bianchi era davanti a lui, e van der garde era partito male.

      • robyxx74

        4 Novembre 2013 at 21:56

        Dalle immagini si vede benissimo un sobbalzo della macchina prima del tamponamento, poi non so da cosa sia stato causato o da chi, ciò non toglie che ci sia stato, questo è un dato oggettivo, e ognuno può poi trarre le conclusioni che vuole visto che altre immagini non ci sono

  4. ale

    4 Novembre 2013 at 13:37

    perchè Mark Webber non ha quasi mai il Kers che gli funziona? ci sarà una CAZZO di risposta a questa domanda

  5. gianpietro

    4 Novembre 2013 at 14:26

    Scusate, non voglio fare l’alonsista, ma come si fa a dare 7 ad Alonso e 6 ad Hamilton? Fernando ha fatto una grande gara rimontando diverse posizioni ed arrivando dietro redbull, mercedes e lotus, nettamente superiori a questa specie di ferrari. Lewis con una macchina da podio ha fatto mezza gara dietro Gutierrez e mezza dietro Diresta, se fosse successo ad Alonso tutti avrebbero detto che era stato umiliato, dai un po’ di correttezza!

    • pippo

      4 Novembre 2013 at 14:48

      hai ragione, anch’io sono del tuo stesso parare. Qui le pagelle si fanno in base a simpatia ed antipatia e al tifo, che per obiettività.

      • Max Bassanet

        4 Novembre 2013 at 18:00

        concordo

      • Francesco

        5 Novembre 2013 at 20:22

        l’ho sempre detto: dare ad ogni GP 10 al vitello (oggi anche la lode e il bacio in fronte!!!) solo perché svolge il suo bel compitino, per usare una frase che oggi è molto in voga, con una vettura che gli permette di stare davanti agli altri VENTUNO “deficenti” che si scannano per arrivare secondi mi sembra veramente una grandissima presa per il cul@ per tutta la F1, per gli adddetti ai lavori, per il pubblico e per l’onestà sportiva di chi ancora crede a questa parola… sic!!!

      • Francesco

        5 Novembre 2013 at 22:11

        …d’altronde basta vedere che una volta si firmavano gli autori, adesso per non prendere “vagonate” di offese nemmeno mettono il loro nome…

      • Lorenz

        7 Novembre 2013 at 01:09

        wow non l’avrei detto che sei del suo stesso parere. Da uno imparziale come te…che pagliaccio

  6. Gianca

    4 Novembre 2013 at 19:22

    Massa meritava almeno quanto alonso, dato che se lo richiamavano un pò dopo e gli mettevano le soft come ad alonso, faceva la stessa gara, come del resto era stao fino a quel momento, il massimo che la macchina permetteva ai due piloti, in più sabato non dimentichiamo che alonso fuori in fp2 e massa è arrivato in top ten, detto ciò è proprio la macchina che in accellerazione è inferiore, credo quasi a tutti…
    Vettel ottimo 10, ha fatto il massimo di tutto quel che si poteva fare, impossibile dargli meno, bravo lui, ma molto aiutato dalla macchina, dopo dieci giri aveva 30 secondi sul secondo, la sua redbull non è auto di formula uno, è un’altra categoria….
    Hamilton era spento, non so forse aveva problemi, sembrava in difficoltà in staccata, non è da lui, il sei è proprio rosicato, graziato solo perchè è lui…

  7. eliastanlio

    4 Novembre 2013 at 19:56

    IO SONO UN TIFOSO MARUSSIA! SCUSATEMI! MA COM’è POSSIBILE CHE QUESTA DELLE PAGELLE ABBIA DATO 6 ALLE CATHERAM CHE SONO ARRIVATE DICIOTTESIME E DICIANNOVESIME QUANDO IN MALESIA BIANCHI ERA ARRIVATO TREDICESIMO GLI HA MESSO SEI?? MA CHE VOTI SONO! CATHERAM FA SCHIFO COMUNQUE! NON PUOI METTERE 6 AL LORO COME IL SEI CHE AVEVI MESSO A BIANCHI IN MALESIA! MA DAI!

    • mattia

      5 Novembre 2013 at 11:07

      Concordo con te!

      In questo caso avrei dato 5 sia ai piloti Marussia sia a quelli Caterham.

      Della Marussia mi piace molto la livrea rossa e nera, la trovo molto elegante!

      McLaren, Mercedes, Lotus, RedBull e Marussia sono le vetture esteticamente più belle. (parere personale ovviamente!)
      😉

  8. Marcocelli

    4 Novembre 2013 at 21:47

    Pagelle fatte solo sulla base delle antipatie e simpatie.

    Vettel perde la pole per oltre un decimo e gli da 10.

    Ad Alonso gli da solo 7 motivandolo con la mancata qualfica, dove in realtà lo spagnolo ha pagato meno di un decimo ad un Massa che usa, da sempre, un setup prettamente da qualifica, difatti, poi in gara fa sempre cagare.

    Mica lo capisce che la Ferrari è quella …. e lo spagnolo sta solo facendo miracoli?
    No, non lo capisce perché è troppo presa o preso a dare 6 a Hamilton … che facendo i dovuti rapporti con lo spagnolo avrebbe meritato 4.

    La RED BULL è stratosferica per cui i voti sono questi.

    9,5 Vettel
    9,5 Alonso
    9 Rosberg
    9 Webber
    9 Grossogianni
    9 Di Resta, (salvato da una strategia azzeccata)
    7 Massa
    5 Hamilton

    • Marcocelli

      4 Novembre 2013 at 21:50

      I voti si danno in base alla prestazionalità del mezzo e non in base alle simpatie o semplicemente in base all’ordine di arrivo.

    • Lorenz

      7 Novembre 2013 at 01:10

      ah sì, 9, 5 ad Alonso? Ma hai finito di far ridere?

  9. IcePack

    5 Novembre 2013 at 09:48

    dunque Kimi è arrivato venerdi sera convinto da Team Chairman Gerard Lopez a partecipare al Gp…con la promessa di pagamento ..poi dal team radio subito dopo la partenza gli hanno comunicato che Team Chairman Gerard Lopez ha deciso di posticipare ancora il suo compenso e Kimi per protesta la prima macchina utile che ha trovato davanti l’ ha colpita e si è subito fermato , ben fatta se non ti pagano è inutile andare avanti …

  10. eliastanlio

    5 Novembre 2013 at 19:47

    hai ragione mattia! poi l’anno prossimo la marussia avrà il motore ferrari turbo. speriamo sia un pò più veloce!

  11. eliastanlio

    5 Novembre 2013 at 19:47

    hai ragione mattia! poi l’anno prossimo la marussia avrà il motore ferrari turbo. speriamo sia un pò più veloce

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati