HRT, Pedro de la Rosa alla stampa: “Questo è un giorno speciale per me. Grazie a tutti”

HRT, Pedro de la Rosa alla stampa: “Questo è un giorno speciale per me. Grazie a tutti”

Ieri il team HRT ha annunciato l’arrivo come pilota titolare di Pedro De La Rosa, ed oggi c’è stata la presentazione ufficiale da parte della HRT in una conferenza stampa con il CEO Saúl Ruiz de Marcos, il consulente sportivo Luis Pérez-Sala, il presidente della federazione spagnola dell’automobilismo Carlos Garcia, ed il direttore del consiglio superiore dello sport Matilde Garcia.

De La Rosa si è dichiarato contento dell’opportunità concessagli dal team HRT: “Questo è un giorno molto speciale e sono tanto felice di essere in compagnia non solo di Luis e Saul in rappresentanza del team, ma anche di Carlos Garcia e Matilde Garcia, che sono i massimi rappresentanti delle due organizzazioni che mi hanno sostenuto da quando ho iniziato la mia carriera – ha ammesso – Ritornare alla competizione attiva è un qualcosa che mi rende molto felice ed ancor più farlo con un team spagnolo. La prima volta che abbiamo parlato a luglio non mi sono visto come parte del progetto. Tuttavia incontrare Raul ed il fatto che Luis, uno dei miei idoli, sia parte della squadra, mi hanno fatto scoprire di più sul progetto e vedere che, passo dopo passo, quel che mi dicevano si stava materializzando e così mi hanno convinto”.

Inoltre ha dichiarato che il suo principale scopo è quello di aiutare la scuderia a sviluppare la vettura: “Ho detto a me stesso devi stare qui! – ha poi proseguito nell’intervista – ” È un grosso impegno, ma pure affascinante e meditato. Sappiamo che non sarà facile ma contribuirò col lavoro, l’esperienza e lo sforzo per crescere assieme. E spero che potremo ricevere il supporto di tutti cosicché nell’immediato futuro possiamo sentirci orgogliosi di noi stessi. Sono venuto per rimanere e voglio ringraziare l’HRT per aver creduto in me, ma anche la McLaren Mercedes perché senza loro non sarei qui e li ringrazio perché oggi sono un pilota migliore”.

Stefano Rifici

Leggi altri articoli in Interviste

Lascia un commento

11 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati