GP Germania: Vettel batte le due Lotus

Raikkonen secondo davanti a Grosjean. Alonso quarto

GP Germania: Vettel batte le due Lotus

Vittoria per Sebastian Vettel nella sua gara di casa. Il pilota della Red Bull ha preceduto le due Lotus di Kimi Raikkonen e Romain Grosjea. Quarto posto per Fernando Alonso con la Ferrari, subito fuori per un testacoda Felipe Massa. Gara negativa per la Mercedes: Hamilton è solo quinto, Rosberg solo nono. Alle spalle dell’inglese la McLaren di Jenson Button e l’altra Red Bull di Mark Webber. Perez, Rosberg e Hulkenberg chiudono la top 10.

Cronaca GP Germania

Al via Vettel e Webber hanno superato subito Hamilton, partito in pole. Alle spalle dell’inglese Raikkonen, Grosjean, Massa, Ricciardo, Alonso.

Al secondo passaggio Perez ha superato Button e al quarto giro Massa finito in testacoda ed è stato costretto al ritiro

Hamilton è rientrato per la sua sosta al settimo giro, montando gomme medium. L’inglese è tornato in pista in decima posizione. Poco dopo anche Vettel è stato richiamato ai box lasciando il comando a Webber davanti a Raikkonen, Grosjean, Alonso, Button e Perez.

Al nono giro sosta anche per Webber ma l’australiano è stato condizionato da un problema alla posteriore destra. Il pilota è ripartito con i meccanici ancora al lavoro e ha perso la ruota in pitlane che è rimbalzata colpendo un cameraman sulla schiena. Webber è stato poi riportato ai box ed è in seguito ripartito mentre il cameraman è stato portato al centro medico.

Poco dopo anche Raikkonen ha completato la prima sosta mentre Vettel si esibiva in una serie di sorpassi su Hulkenberg e Button mentre Hamilton veniva rallentato da Rosberg. Alonso è rientrato al 13mo giro per la sua sosta con un passo non esaltante nel primo stint. Con il secondo treno invece lo spagnolo ha trovato un buon passo.

Dopo la sosta Grosjean è tornato in pista in terza posizione alle spalle di Vettel e Button. Poco dopo il francese ha superato l’inglese e si è buttato all’inseguimento di Vettel.

Al 18mo giro Raikkonen ha superato Hamilton portandosi in quarta posizione. Al 20mo giro è iniziato un bel duello tra Hamilton e Alonso, ruota contro ruota, interrotto dalla sosta ai box dell’inglese al 23mo giro.

Al 24mo giro un principio di incendio sulla Marussia di Bianchi per la rottura del motore ha causato il ritiro del francese. La vettura, in folle in salita, ha attraversato la pista pericolosamente!

E’ quindi entrata in pista la safety car e la classifica vedeva Vettel, Grosjean, Raikkonen, Alonso, Button, Hulkenberg, Hamilton, Maldonado, Perez, Sutil.

Alla ripartenza Vettel ha mantenuto il comando davanti alle Lotus.

Le gomme montate da Vettel, usate di cinque giri, non hanno permesso a Vettel di spingere a fondo, Grosjean e Raikkonen si sono avvicinati in pochi giri ma non hanno trovato il sorpasso ai danni del tedesco.

Grosjean è rientrato per la sua terza sosta al 40mo giro, imitato poco dopo da Vettel.

I due sono rientrati alle spalle di Hamilton in quinta e sesta posizione. Vettel ha superato l’inglese al 45mo giro e poco dopo anche il francese ha superato il pilota della Mercedes.

Al 48mo giro Button è rientrato per montare gomme soft, imitato poco dopo da Raikkonen e Alonso, entrambi su gomme soft.

Vettel è quindi tornato al comando davanti a Grosjean, Raikkonen e Alonso mentre Button superava Perez in quinta posizione mentre Webber risaliva in ottava posizione dopo un’ottima rimonta.

Al 55mo giro Grosjean ha lasciato strada a Raikkonen che si è buttato all’inseguimento di Vettel mentre il francese ha vedeva il ritorno dello spagnolo.

Nel finale Hamilton ha superato le due McLaren portandosi in quinta posizione. Vettel è quindi andato a vincere davanti alle Lotus di Raikkonen e Grosjean. Alonso limita i danni con un quarto posto davanti alla Mercedes di Hamilton. Sesto Button con la McLaren davanti alla Red Bull di Webber e all’altra McLaren di Perez. Nono Rosberg con la Mercedes davanti alla Sauber di Hulkenberg.

F1 GP Germania 2013 – Risultati e ordine di arrivo

Pos  Pilota         Team        
 1.  Vettel         Red Bull-Renault           
 2.  Raikkonen      Lotus-Renault                        
 3.  Grosjean       Lotus-Renault                        
 4.  Alonso         Ferrari                              
 5.  Hamilton       Mercedes                            
 6.  Button         McLaren-Mercedes                     
 7.  Webber         Red Bull-Renault                     
 8.  Perez          McLaren-Mercedes                     
 9.  Rosberg        Mercedes                             
10.  Hulkenberg     Sauber-Ferrari                       
11.  Di Resta       Force India-Mercedes                 
12.  Ricciardo      Toro Rosso-Ferrari                   
13.  Sutil          Force India-Mercedes                 
14.  Gutierrez      Sauber-Ferrari                       
15.  Maldonado      Williams-Renault                     
16.  Bottas         Williams-Renault                     
17.  Pic            Caterham-Renault                    
18.  van der Garde  Caterham-Renault                     
19.  Chilton        Marussia-Cosworth                    
DNF. Vergne         Toro Rosso-Ferrari                   
DNF. Bianchi        Marussia-Cosworth                    
DNF. Massa          Ferrari              

Classifiche Piloti e Costruttori aggiornate al dopo GP di Germania:

Piloti:                    Costruttori:             
 1.  Vettel        157        1.  Red Bull-Renault          250
 2.  Alonso        123        2.  Mercedes                  181
 3.  Raikkonen     118        3.  Ferrari                   180
 4.  Hamilton       97        4.  Lotus-Renault             159
 5.  Webber         93        5.  Force India-Mercedes       59
 6.  Rosberg        84        6.  McLaren-Mercedes           49
 7.  Massa          57        7.  Toro Rosso-Ferrari         24
 8.  Grosjean       41        8.  Sauber-Ferrari              7
 9.  Di Resta       36       
10.  Button         33       
11.  Sutil          23       
12.  Perez          16       
13.  Vergne         13       
14.  Ricciardo      11       
15.  Hulkenberg      7     

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

71 commenti
  1. bobsimbel

    7 Luglio 2013 at 23:15

    mah, giusto per chiarire, ma Alonso che non ha completato il giro di rientro in gara???

    in prova vengono tolti tutti i tempi, se qualcuno lo fa in gara, nulla???? nessuna sanzione? (anche se c’è abbastanza benzina per i controlli fermandosi subito, anche perché completando il giro, magari di benzina non ce ne sarebbe abbastanza…)

  2. Gigetto

    7 Luglio 2013 at 23:36

    uuu come gigetto ha tenuto dietro il nano…emozioni!

    • Ele (mclaren)

      8 Luglio 2013 at 14:59

      cosa dire..momenti bellissimi..perchè c’erano due campioni vicini..perchè sappiamo che sono fortissimi entrambi e che hanno grinta da vendere..quindi spettacolo assicurato..

      Hamilton è stato superlativo…pultroppo concludere il gp 5° è deprimente..ma rimane il pilota che regala il miglior spettacolo..
      E’ un grande..punto e basta..

  3. lucgian84

    8 Luglio 2013 at 00:15

    Ma scusate la domanda veramente la FIA ha dato una multa di 30.000 € alla Red Bull per il rilascio insicuro della macchia di Webber? E se magari il povero cameraman si faceva molto più male mi volete dire che la vita di quella persona vale SOLO 30.000 €? Senza contare che per puro caso ha colpito il cameraman, ma poteva succedere qualcosa di peggiore penso…
    Sbaglio o la FIA adotta le misure più blande possibili quando si tratta di Red Bull o di Vettel?
    Se uno ci pensa una cosa del genere dovrebbe comportare come minimo l’esclusione per una gara della squadra del pitstop della vettura che ha provocato l’incidente…

    • Driver

      8 Luglio 2013 at 09:26

      Il vero danno è aver estromesso Webber dal podio, 30.000€ non hanno significato. Normalmente le multe sono dei deterrenti a commettere errori, non credo che un qualsiasi team di F1 abbia bisogno di questo. Auguri di pronta guarigione al cameraman!

    • Emanuele

      8 Luglio 2013 at 11:17

      Scusa ma cosa c’entra la multa con il valore di una vita.
      Le assicurazioni della pista dei team risarciranno il malcapitato facendo una valutazione del danno, ma la multa alla red bull è un altra cosa.
      Mi aggrego agli auguri di pronta guarigione e vi informo da quello che dicono ha solo un paio di costole inclinate e direi che gli è andata bene.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati