Formula 1 | Red Bull, Verstappen sulle mappature Mercedes: “Hanno svolto un gran lavoro ed è giusto che sfruttino questo vantaggio”

"Vietarle? Capisco il disappunto di Horner, ma non sarebbe corretto" ha aggiunto

Formula 1 | Red Bull, Verstappen sulle mappature Mercedes: “Hanno svolto un gran lavoro ed è giusto che sfruttino questo vantaggio”

In un’intervista rilasciata ai giornalisti presenti in Bahrain, Max Verstappen è tornato a parlare della famigerata “party mode” di Mercedes, andando un pò contro alle dichiarazioni rilasciate qualche giorno fa dal proprio team principal, Christian Horner. L’inglese, infatti, chiedeva alla Federazione il divieto di queste mappature, introducendo una modalità unica da sfruttare in Q3 e in gara.

Secondo l’olandese, invece, Mercedes è riuscita a sfruttare meglio di cinque altro questi buchi nel regolamento, ragion per cui è giusto che godano di questo vantaggio. In Formula Uno vince chi riesce a svolgere un lavoro migliore rispetto ai propri avversari e i campioni del mondo in carica, grazie allo sviluppo invernale, sono stati bravi a mettere insieme un pacchetto estremamente competitivo. Verstappen ha sottolineato come vietare adesso queste “party mode” sarebbe ingiusto nei confronti di una squadra che, nel concreto, non ha studiato nessuna soluzione irregolare.

Ecco le parole di Max Verstappen: “Ho sentito le parole di Christian (Horner.ndr) e condivido le sue stesse preoccupazioni, ma allo stesso tempo bisogna essere onesti e ammettere che Mercedes ha svolto un lavoro migliore di chiunque altro. Perchè dovrebbero perdere il loro vantaggio? Non sarebbe giusto. Allora, se ragioniamo in questo modo, dovremmo dare lo stesso motore a tutti e non penso che qualcuno prenda davvero in considerazione una soluzione di questo tipo. Ammetto che la FIA dovrebbe far qualcosa per evitare il ripetersi di mappature “boost” di questo tipo, ma non avrebbe senso vietarle ora solo perchè Mercedes riesce a sfruttare meglio questi buchi nel regolamento”.

Roberto Valenti

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati