Force India: “Il nuovo Strategy Group della F1 un abuso di posizione dominante”

FIA, FOM e i sei top team decideranno le regole. Esclusi i team minori

Force India: “Il nuovo Strategy Group della F1 un abuso di posizione dominante”

Secondo il vice team principal della Force India, Bob Fernley, il nuovo Strategy Group – il nuovo organismo designato per ideare le regole future della F1 – potrebbe essere illegale.
Lo Strategy Group, che si riunirà per la prima volta domani e che sostituisce lo sporting e il technical working group, è costituito da 18 membri, equamente divisi tra la FIA, la FOM e i sei top team. I sei team sono Ferrari, Red Bull, McLaren, Mercedes e Williams (per ragioni storiche) oltre ad un ulteriore team, tra i primi classificati nell’attuale mondiale costruttori, la Lotus per il momento.

Secondo Fernley è “non etico e non democratico” impedire ai cinque team minori di avere rappresentati e non avere diritto di voto sulle proposte.

“Tutti i team pagano fondamentalmente la stessa somma per correre” ha dichiarato al Daily Telegraph. “Le uniche differenze sono gli stipendi dei piloti e le hospitality. E tuttavia alcuni team non hanno voce in capitolo in fatto di regole. Questa situazione potrebbe sicuramente essere vista come un abuso di posizione dominante”.

Per molti l’istituzione dello Strategy Group è il primo passo verso l’esclusione dalla F1 dei team minori: i top team diventerebbero costruttori che oltre a realizzare vetture per i propri team venderebbero monoposto complete ad altre squadre clienti. “in questo modo i diritti sarebbero divisi solo tra cinque team e i top team incasserebbero revenue anche dai propri team clienti” ha commentato Ferneley.

“Posso dirvi che i team clienti non funzioneranno. E’ un cambiamento troppo grande al DNA della F1” ha concluso.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati