F1 | Williams giustifica Kubica e Russell: “Stanno facendo il massimo”

"Come squadra dobbiamo capire questa situazione e offrire ai piloti il miglior pacchetto possibile", ha aggiunto il Team Principale

Claire Williams ha protetto i piloti dalle critiche avanzate dalla stampa nelle ultime settimane, sottolineando come Kubica e Russell abbiano ben poche responsabilità nella situazione che sta attraversando la scuderia inglese
F1 | Williams giustifica Kubica e Russell: “Stanno facendo il massimo”

Nonostante i pochi risultati raggiunti in questo avvio di stagione e le difficoltà tecniche accusate dalla FW42, Claire Williams non ha voluto puntare il dito contro le performance di Robert Kubica e di George Russell, sottolineando come entrambi stiano facendo il massimo con i pochi mezzi attualmente a disposizione della squadra inglese.

I piloti, ricordiamo, stanno faticando e non poco a trovare il giusto feeling con la monoposto, aspetto che sta fortemente penalizzando le performance di entrambi. Una situazione complessa che la Williams spera di risolvere col pacchetto evolutivo in programma per il prossimo Gran Premio di Spagna, quinto appuntamento di questo mondiale 2019 di Formula 1.

“Abbiamo effettuato diverse analisi sull’auto di Robert e riteniamo che George non abbia il suo stesso feeling”, ha dichiarato Claire Williams. “Ovviamente non so bene il motivo, visto che sono un pilota. Come squadra, però, dobbiamo capire questa situazione e offrire ai piloti il miglior pacchetto possibile. Entrambi devono avere la stessa fiducia col pacchetto”.

Il Team Principal, in ogni caso, non ha voluto dare delle responsabilità ai piloti, sottolineando come questa situazione sia indirizzata totalmente alla squadra: “Vista l’auto che gli abbiamo dato, penso che per loro sia stato un periodo difficile. Entrambi hanno fatto il massimo ed è l’unica cosa che possiamo chiedergli al momento”.

F1 | Williams giustifica Kubica e Russell: “Stanno facendo il massimo”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati