F1 | Vettel: “Guidare per la Ferrari è qualcosa di speciale”

"Ritiro? Mi piace quello che faccio" ha aggiunto

F1 | Vettel: “Guidare per la Ferrari è qualcosa di speciale”

In un’intervista rilasciata ai microfoni di PlayBoy, Sebastian Vettel ha affrontato l’argomento ‘ritiro’, sottolineando come, al momento, non sia nei suoi pensieri una soluzione di questo tipo. Il tedesco prova passione per quello che fa e vuole continuare a correre finché questo non diventerà un obbligo. Il ‘divertimento’ è un fattore cruciale nelle corse, soprattutto quando devi affrontare venti viaggi nel giro di otto mesi, e finché Vettel troverà piacere nei duelli e nelle ruotate, allora continuerà a battagliare in Formula Uno. Il quattro volte Campione del Mondo ha inoltre precisato come guidare per la Ferrari sia qualcosa di speciale e unico, soprattutto per la storia che c’è dietro questa squadra, ragion per cui vuole assolutamente centrare l’obiettivo mondiale con il Rosso addosso.

Ecco le parole di Sebastian Vettel: “Ritiro? Non ci ho pensato onestamente, ma vedo come una decisione estremamente ponderata. E’ una cosa grande e non penso sia una cosa da prendere con spontaneità. Mi eccita correre e non penso di riuscire a farne a meno. Guidare per la Ferrari è qualcosa di speciale e finché ne avrò voglia resterò al volante. Il futuro si vedrà. Mi piace quello che faccio”.

“E’ un team speciale” ha aggiunto sulla Ferrari. “Guidare qui ti regala emozioni e voglio assolutamente centrare il titolo con questi colori. Non penso di cambiare squadra finché non raggiungerò questo obiettivo”.

Roberto Valenti

F1 | Vettel: “Guidare per la Ferrari è qualcosa di speciale”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

3 commenti
  1. W McLaren

    11 ottobre 2017 at 12:46

    Perché dovrebbe pensare al ritiro, tanto basta che va a fare la gara e si ritira subito.

  2. Daytona

    11 ottobre 2017 at 14:31

    Purtroppo devo darti ragione..

  3. tisvernicio

    15 ottobre 2017 at 19:59

    Grande Vettel… leccatina però eh

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati