F1 | Bottas sicuro di sé: “Posso diventare campione del mondo”

"Credo di poter battere Lewis e Sebastian come ho già fatto quest'anno, credo molto in me stesso"

F1 | Bottas sicuro di sé: “Posso diventare campione del mondo”

Valtteri Bottas non vuole rimanere all’ombra del suo compagno di squadra e considerando le sue prestazioni, i punti in classifica e i risultati ottenuti in questa prima parte di campionato, il finlandese crede di poter avere serie possibilità per la conquista del titolo iridato. Non vuole essere soltanto il terzo incomodo nella lotta tra Vettel e Hamilton, ma in una lotta a tre da cui potrebbe anche uscirne vincitore.

“Sì, posso diventare Campione del Mondo“, ha detto a Sport Bild. “Ci sono ancora nove gare da fare e credo di poter battere Lewis e Sebastian come ho già fatto quest’anno. Sto sempre meglio. Non c’è limite per me. Non direi mai che uno dei miei avversari è migliore di me, credo molto in me stesso”, ha continuato Bottas dimostrandosi molto sicuro di sé e delle sue reali possibilità di riuscita a fine anno per il campionato.

Secondo il finlandese, inoltre, già che è successo con Lewis Hamilton nel GP di Ungheria con la restituzione finale della posizione ha dimostrato come sia davvero in lotta per il titolo insieme al suo compagno di team e alla Ferrari del tedesco: “Non tutti i compagni avrebbero fatto quello solo per un podio, ma d’altra parte sarei stato arrabbiato se Lewis non avesse accettato l’accordo. La squadra ha chiarito fin dall’inizio che siamo entrambi trattati e rispettati allo stesso modo. Abbiamo gli stessi strumenti, la stessa macchina, non c’è il numero uno e il numero due. Io sto combattendo per il Campionato del Mondo. Non voglio rimanere nell’ombra di Lewis“, ha concluso molto deciso.

Fabiola Granier

F1 | Bottas sicuro di sé: “Posso diventare campione del mondo”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento
  1. pirotab

    7 agosto 2017 at 05:07

    Grandissimo!!! E allora adelante!!!! Vamos a ganar Vallteri!!!!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati