F1 | Verstappen, concluso il suo periodo di punizione dopo l’incidente con Ocon

"Questa è stata una buona lezione per me e ho imparato molto"

F1 | Verstappen, concluso il suo periodo di punizione dopo l’incidente con Ocon

Max Verstappen ha terminato finalmente il suo periodo di punizione ricevuto dopo aver spintonato Esteban Ocon nel GP del Brasile. Il pilota Red Bull, infatti, era ricorso alle mani nei confronti di Ocon dopo il testa-coda che gli aveva fatto perdere il primo posto, ricevendo così due giorni di “punizione” conclusi oggi. L’olandese ha partecipato al FIA International Stewards Programme di Ginevra per saperne di più sul lavoro dei commissari in ogni gara. L’olandese ha lavorato al fianco del tre volte campione del mondo Turismo Andy Priaulx, del capo della M-Sport Richard Millener e del boss della BMW Motorsport Jens Marquardt in un gruppo di discussione. Il primo giorno, invece, si era svolto in occasione della gara di Formula E a Marrakech.

L’attività a cui Verstappen ha partecipato consiste nel valutare un incidente in pista, deliberare e decidere una misura appropriata. Dopo questa esperienza il pilota della Red Bull ha confessato di aver compreso al massimo il lavoro dei commissari: “Noi facciamo il nostro lavoro in pista, cerchiamo di ottenere il meglio dalla macchina ed è chiaro che i commissari fanno il loro lavoro per trovare una decisione giusta nel miglior modo possibile”, ha detto Verstappen in un discorso al sito ufficiale della FIA. Questa è stata una buona lezione per me e ho imparato molto, anche nella mia giornata trascorsa a Marrakech, mi è piaciuto molto e mi ha dato una buona impressione dei commissari”, ha osservato.

Questo programma è stato sviluppato a partire dalla stagione 2017. L’incontro serve affinché i commissari delle diverse discipline nel mondo dei motori possano condividere le loro esperienze e il loro lavoro.

F1 | Verstappen, concluso il suo periodo di punizione dopo l’incidente con Ocon
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati