F1 | Toto Wolff su Wehrlein: “Non volevamo essere di intralcio per la sua carriera”

L'austriaco: "Spero di rivederlo in Formula 1"

F1 | Toto Wolff su Wehrlein: “Non volevamo essere di intralcio per la sua carriera”

Qualche giorno fa è stata annunciata l’interruzione consensuale del rapporto pluriennale tra Pascal Wehrlein e la Mercedes per consentire al pilota tedesco di poter sviluppare la sua carriera come meglio crede senza alcun vincolo contrattuale. Il tutto sarà effettivo al termine di questa stagione, ma Pascal può già guardarsi attorno come se non fosse più un pilota Mercedes. Il tedesco, dopo due anni in Formula 1 con vetture tutt’altro che competitive non è riuscito a trovare un sedile per il 2018, spodestato dalla Sabuer con l’arrivo di Alfa Romeo e Charles Leclerc. Il talento non manca rispetto ad Ericsson, anzi, ma gli sponsor e quel contratto che lo legava a Mercedes non hanno aiutato Wehrlein, che anche per il 2019 sembra avere poche opportunità di trovare un sedile, Toro Rosso permettendo. Sì, perché Marko ha sempre straveduto per il pilota tedesco, e ora senza alcun vincolo contrattuale con nessun altro team potrebbe concorrere per un posto nella scuderia di Faenza. Fermo restando che il ritorno di Kvyat sembra ormai certo, c’è ancora un posto, e il tedesco è tra i candidati insieme a Vandoorne, Hartley e Ticktum, ma quest’ultimo visti i recenti risultati in Formula 3 non riuscirà a ottenere almeno per quest’anno la superlicenza.

“Ho parlato con Pascal e pensiamo entrambi che questa rescissione del contratto sia stata la soluzione migliore per tutti – ha detto Toto Wolff, team principal della Mercedes. La mia opinione su di lui è ancora molto buona, e sembrava che fossimo di intralcio sulla sua carriera. Non volevamo questo, e lui si sentiva di dover proseguire da solo. Sarei felice di vederlo nuovamente in Formula 1, spero possa fare una grande carriera”.

 

F1 | Toto Wolff su Wehrlein: “Non volevamo essere di intralcio per la sua carriera”
1 (20%) 2 votes
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati