F1 | Red Bull, Max Verstappen: “Ogni strategia sarebbe stata inutile”

"Non sono totalmente deluso, ho fatto tutto ciò che potevo, ma erano più veloci" ha detto l'olandese, secondo al Montmelò

F1 | Red Bull, Max Verstappen: “Ogni strategia sarebbe stata inutile”

Si spezza la consuetudine dei primi tre weekend della stagione, che hanno visto il pole man perdere la leadership e la vittoria in gara. Lewis Hamilton conquista la terza vittoria stagionale proprio qui, dove Max Verstappen celebra il Gran Premio numero cento con la Red Bull, e dove aveva vinto la sua prima gara in carriera nel 2016. Il pilota olandese ci ha provato, ed infatti è restato in testa al gruppo per ben cinquantaquattro tornare, dopo lo splendido spunto in partenza ai danni proprio di Hamilton. Il pilota Mercedes, però, ha optato per un secondo pit-stop, al quale la Red Bull non ha reagito, anzi: il muretto comincia all’olandese che “ti prenderà all’ultimo giro”. In realtà Lewis agguanta Verstappen a dodici giri dalla fine, sorpassandolo abilmente in curva uno. Una sconfitta amara per l’olandese, che monta un nuovo set di gomme solo alla fine per conquistare almeno il punto per il giro veloce.

Ho provato tutto ciò che potevo oggi e mi sono preso la leadership in curva uno, ma da li in poi ci mancava il ritmo rispetto alle Mercedes – ha rivelato Verstappen – ovviamente volevamo vincere, ma non posso sentirmi totalmente deluso perché ho fatto tutto ciò che potevo, massimizzando ogni opportunità. Anche se avessimo optato per una strategia a due soste, fermandoci prima di loro, non ce l’avremmo fatta per erano più veloci. So quanto posso essere veloce e quali sono i limiti della vettura e hanno avuto la finestra a disposizione per una sosta e hanno cambiato strategia.

Sapevo, quando ha fatto il secondo pit, che mi avrebbe raggiunto con le gomme fresche, un po’ come è accaduto in Ungheria nel 2019 e nonostante avessi provato di tutto, restavo un bersaglio facile – ha spiegato Max – la differenza di performance sulle gomme ha reso il sorpasso facile per Lewis e almeno sono riuscito a tenermi la seconda posizione e a fare il giro veloce. Oggi semplicemente ci mancava il ritmo e la seconda posizione era il massimo che potessimo fare, ora abbiamo bisogno di capire perché sono tornati ad essere più forti di noi in termini di passo gara“.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati