F1 | Haas, Schumacher rifila 50 secondi a Mazepin in Spagna

I due hanno concluso la gara di Barcellona in ultima e penultima posizione

F1 | Haas, Schumacher rifila 50 secondi a Mazepin in Spagna

Dopo “l’exploit” di Portimao, la Haas è tornata ad occupare le ultime due posizioni al termine del Gran Premio di Spagna. Schumacher ancora una volta ha fatto il suo, compiendo una bella partenza e sorpassando le due Williams e l’AlphaTauri di Tsunoda. Dopodiché ha resistito finché ha potuto, e alla fine si è dovuto accontentare di rifilare la bellezza di 50 secondi a Mazepin, costantemente troppo indietro rispetto al compagno di squadra tedesco.

“Poteva andare meglio, ma sapevamo che sarebbe stata una gara difficile per noi – ha ammesso Mick. Comunque possiamo essere soddisfatti di alcune cose. La partenza non è stata eccezionale da parte mia, ma sono riuscito a fare un bel primo giro, sorpassando all’esterno alcuni piloti bloccati da altri. Sotto questo aspetto quindi posso essere contento, sfortunatamente però sapevamo che sarebbe stato impossibile tenerli dietro. Abbiamo faticato con le soft al posteriore, quindi dovevamo concentrarci solo sulla nostra gara e fare il meglio possibile. Ogni weekend è diverso dall’altro, ma vado a Montecarlo con la mente aperta, vedremo come andrà dopo le FP1″.

“E’ stata una giornata difficile – ha dichiarato Mazepin. Ad essere onesti in qualifica abbiamo faticato molto a sterzare a metà curva, mentre ho sofferto di sovrasterzo con tutti i set di pneumatici usati in gara. Dobbiamo capire perché il cambiamento sia stato così netto, forse dovuto a temperature e vento. E’ compito di ogni pilota principiante continuare a imparare in ogni sessione, ricordo nelle categorie inferiori come il secondo e il terzo anno fossero più positivi, conoscendo la categoria. C’è molto da imparare, ma ho fatto una gara piuttosto pulita, senza grandi errori e una guida costante”.

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati