F1 | McLaren, Vandoorne: “Anno ricco di alti e bassi, ma sono contento dei miei progressi”

Il belga presenta l'ultimo weekend dell'anno a Yas Marina: "Il circuito è tecnico e complicato, vogliamo concludere al massimo"

F1 | McLaren, Vandoorne: “Anno ricco di alti e bassi, ma sono contento dei miei progressi”

A pochi giorni dal via del Gran Premio di Abu Dhabi, ultima tappa del Mondiale 2017 di Formula 1, Stoffel Vandoorne ha parlato al sito ufficiale della McLaren, illustrando il weekend di Yas Marina: “Dopo aver corso su due piste sconosciute (Messico e Brasile, ndr), è bello concludere la stagione su un circuito che conosco bene. Ho corso a Yas Marina diverse volte, nei test e anche in GP2: ho vinto qui due volte, ho dei ricordi davvero speciali. Non vedo l’ora di tornarci nuovamente con una monoposto di Formula 1: è un circuito tecnico e complicato, ma gratificante: a causa della sua configurazione, è piuttosto difficile superare.

“Correre dal giorno alla notte non è qualcosa che ho vissuto molto ad Abu Dhabi, a causa dei tempi in cui venivamo disputate le gare della GP2, ma guidare con il sole che tramonta è davvero bello” – ha proseguito il 25enne belga. Sono contento di disputare questo Gran Premio, è speciale: uno strano mix tra le sensazioni di fine anno e le grandi aspettative per il weekend che ci attende; prima che tutti tornino a casa per una pausa e poi tornino a lavorare sulla macchina del prossimo anno”.

Quest’anno è stato pieno di alti e bassi per noi – ha dichiarato Vandoorne in relazione al suo 2017. “Ho avuto un inizio difficile, ma con il passare del tempo ho lavorato molto duramente con il team e ho cominciato a sentirmi a mio agio sulla vettura. Il mio tasso di progressione nella seconda parte della stagione è stato molto soddisfacente. È stato un anno impegnativo, ma anche gratificante perché ho imparato molto e sono curioso di vedere cosa ci porterà il 2018. Spingeremo forte durante questo weekend per chiudere al massimo la stagione”.

Federico Martino

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati