F1 | McLaren, Alonso: “Siamo stati lenti per tutto il weekend, ma oggi è stato divertente”

Vandoorne: "Inizio difficile, nel finale abbiamo gestito bene gli pneumatici"

F1 | McLaren, Alonso: “Siamo stati lenti per tutto il weekend, ma oggi è stato divertente”

Altra gara da dimenticare per la McLaren, che con Alonso e Vandoorne non è riuscita a fare meglio del quattordicesimo e quindicesimo posto al traguardo. Anche a Suzuka ci sono stati evidenti problemi per il team di Woking, assolutamente poco competitivo anche per la zona punti. Si sta già lavorando in ottica 2019, quando al volante della MCL34 (?) ci saranno Norris e Sainz, ma sarebbe importante poter fare dei risultati positivi da qui a fine stagione per la McLaren, non tanto per la classifica costruttori (anche), quanto per il morale di una squadra che porta un nome glorioso ma che ormai da anni si è persa per le piste di tutto il mondo.

“Oggi mi è piaciuto guidare qui a Suzuka nonostante il risultato negativo – ha ammesso Alonso. Il primo giro è stato intenso, specialmente alle Snake abbiamo guadagnato qualche posizione. Negli ultimi giri c’è stata una bella battaglia con la Williams ed Ericsson, avevano le gomme vecchie e hanno faticato. Siamo stati lenti per tutto il weekend, ma è stata una gara divertente. Purtroppo la penalità di cinque secondi mi ha fatto perdere alcune posizioni. Non è stato un dramma perché eravamo comunque fuori dai punti, ma è difficile capire la decisione dei commissari, perché non sapevo dove andare dopo che Stroll mi ha spinto fuori. Non mi ha visto, almeno così mi ha detto”.

“Non è stata una grande gara per noi – ha detto Vandoorne. All’inizio è stato difficile, non c’era la possibilità di resistere alle macchine più veloci di noi, eravamo dei passeggeri sui rettilinei. La gara è andata meglio verso la fine, siamo riusciti ad essere più veloci di altri piloti. Siamo stati in grado di gestire bene il degrado delle gomme, recuperando qualche posizione e tenendo dietro altre macchine. Abbiamo fatto il massimo possibile”.

 

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati