F1 | Max Verstappen: “Monza è la più difficile per noi”

"Penso che il divario da Mercedes e Ferrari sia troppo grande per fare molto domani, ma vedremo cosa accadrà"

F1 | Max Verstappen: “Monza è la più difficile per noi”

Max Verstappen ha concluso le sue qualifiche a Monza conquistando la quinta posizione con il tempo di 1: 20.615. Questo circuito è, per le due Red Bull, una sfida molto difficile poiché la macchina fa fatica ad adattarsi perfettamente alla configurazione del circuito.

Dopo le Q3 l’olandese ha commentato: “Monza è la pista più difficile per noi, la quinta posizione era quello che ci aspettavamo già prima del weekend. È abbastanza normale essere dove siamo, quindi non è una delusione per noi, abbiamo solo cercato di fare le migliori qualifiche che potevamo fare. Non possiamo davvero fare molto di più, è piuttosto brutto vedere quanto perdiamo sul rettilineo, ma è quello che è”, ha confermato un deluso Verstappen ma comunque soddisfatto di aver ottenuto il miglior risultato possibile considerate le premesse.

“Ho notato una differenza con il nuovo motore oggi, forse un decimo e mezzo, è un piccolo miglioramento e almeno sono contento di questo, ma di sicuro abbiamo bisogno di fare passi molto più grandi per essere davvero competitivi. Abbiamo cercato di massimizzare il risultato, ma sono abbastanza lontano dai ragazzi davanti. Non avevo una scia nella Q3 anche se in realtà non avrebbe cambiato la posizione finale, almeno saremmo stati un po’ più vicino. Penso che il divario da Mercedes e Ferrari sia troppo grande per fare molto domani, ma vedremo cosa accadrà”, ha continuato il pilota Red Bull parlando delle sue qualifiche e di quello che ha in meno la Red Bull dalle sue avversarie. “Non sai mai cosa succede davanti a te, devi solo essere lì. Avremo una strategia one-stop, credo come tutti. Non penso che importi davvero quello che facciamo, se restiamo fuori a lungo o per poco, penso che proveremo solo a partire bene”, ha concluso.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati