F1 | Marko: “Il DAS non è semplice da progettare”

"Stiamo discutendo se lo faremo ma ci vorrà del tempo"

F1 | Marko: “Il DAS non è semplice da progettare”

All’inizio della stagione, Red Bull aveva fatto un reclamo nei confronti della Mercedes per il sistema DAS, utilizzato per la prima volta durante i test invernali a Barcellona. La FIA ha respinto la protesta precisando però che il DAS sarà bandito a partire dalla prossima stagione.

Solo allora, il team austriaco ha deciso di iniziare a lavorare su un sistema molto simile:

“Il più grande vantaggio di questo sistema è che è molto più facile portare le gomme alla giusta temperatura”, ha dichiarato il consulente della Red Bull, Helmut Marko a Motorsport-magazin.com.

“Con un riavvio dopo una safety car, ad esempio, il vantaggio è della Mercedes. E poiché in questa stagione correremo principalmente in Europa, dove le temperature in autunno sono più basse, i vantaggi di avere il DAS, aumenteranno”. 

Marko ha affermato che Red Bull sta lavorando alla propria versione, ma ha ammesso anche che “non è facile riprodurlo”.

“Stiamo discutendo se lo faremo ma ci vorrà del tempo. Non vogliamo solo ricrearlo, vogliamo migliorarlo. Il vantaggio è chiaro, ma lo svantaggio è che è molto difficile progettarlo”.

L’austriaco ha ammesso però che con la crisi della pandemia e la stagione abbreviata, c’è anche il fattore costo da valutare:

Sarà bandito il prossimo anno. Trovo la situazione un po ‘strana perché la FIA ha dato alla Mercedes il via libera per svilupparla comunque. Forse dovrebbe essere istituito un comitato in modo da poter prendere decisioni più neutrali in futuro. Dobbiamo essere più consapevole dei nostri costi ora, è una scelta difficile”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

News F1

F1 | La Red Bull rinuncia al DAS

"Inutile svilupparlo per una questione di peso e di regolamento", ha detto Helmut Marko
La Red Bull ha deciso di lasciar perdere con il DAS, il sistema inventato dalla Mercedes e portato in pista