F1 | Hamilton critico su un “salary cap” per i piloti

"Un tetto salariale per i piloti? Non sapevo nemmeno che fosse in discussione", ha affermato l'inglese

Hamilton non si è detto a favore di un tetto spese anche per gli stipendi dei piloti
F1 | Hamilton critico su un “salary cap” per i piloti

Intervistato dai media britannici, Lewis Hamilton ha criticato l’idea di inserire un “salary cap” anche per i piloti, sottolineando come quest’ultimi, essendo in Formula 1, dovrebbero ricevere un corrispettivo in linea e non inferiore alle altre stelle dello sport.

La proposta, ricordiamo, è stata messa sul tavolo da Liberty Media qualche settimana fa e riguarderebbe i salari, i quali non potrebbero superare i 45 milioni di euro per l’intera line-up. Una cifra estremamente bassa se si pensa che il solo Lewis Hamilton, in Mercedes, guadagna quasi 50 milioni di euro, bonus esclusi.

“Un tetto salariale per i piloti? Non sapevo nemmeno che fosse in discussione”, ha dichiarato Lewis Hamilton. “Penso che dal punto di vista dei piloti sia una sorpresa. Abbiamo sentito dell’idea qualche tempo fa, penso sia stato l’anno scorso in Francia, e siamo tornati a sentirne parlare solo questa settimana. Riteniamo importante che la GPDA lavori a stretto contatto con la F1 per discutere e entrare nelle discussioni di come si muoveranno”.

“I team di F1 dovrebbero essere in grado di durare più a lungo, ma d’altra parte i piloti di Formula 1 sono i migliori al mondo e dovrebbero guadagnare lo stipendio che ottengono anche le altre stelle dello sport”, ha aggiunto l’inglese.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento

Articoli correlati