F1 | GP Sakhir, incognita strategie per la gara sull’Outer Circuit

Bottas e Russell scatteranno con gomme medie, tutti gli altri con soft

GP Sakhir, partenza fissata per le 18.10 di questo pomeriggio
F1 | GP Sakhir, incognita strategie per la gara sull’Outer Circuit

Strategia variabile per il prossimo Gran Premio di Sakhir, penultimo appuntamento di questo mondiale 2020 di Formula 1. A causa delle caratteristiche uniche dell’Outer Circuit, squadre e piloti si aspettano una gara ricca di incognite, soprattutto per quello che riguarda il consumo delle mescole più morbide. Quasi tutte le vetture che sono entrate in Q3, ricordiamo, scatteranno con gomme soft, mentre sarà da seguire con attenzione la scelta di Valtteri Bottas e George Russell, visto che i due piloti della Mercedes scatteranno con mescole medie.

GP Sakhir, le possibili strategie

Una strategia a due soste sembra essere quella più veloce per gli 87 giri del Gran Premio di Sakhir, la gara con il maggior numero di giri dell’anno. Anche se i pneumatici sono un po’ meno stressati rispetto al Gran Premio del Bahrain, i livelli di usura e degrado sono ancora relativamente elevati dato l’asfalto abrasivo. La strategia a due soste più ottimale dovrebbe essere quella che prevede due stint da 26 giri ciascuno su P Zero Yellow medium, più uno stint (che potrebbe essere quello centrale) da 35 giri su P Zero White hard.

In alternativa, un’altra strategia a due soste potrebbe essere quella con uno stint di 21 giri con P Zero Red soft e poi due stint di 33 giri ciascuno su hard. Molto vicina a questa è la terza strategia possibile: 25 giri su medium e due stint da 31 giri ciascuno su hard.

Quella invece più lenta prevede l’utilizzo di tutte e tre le mescole: 23 giri su soft, 27 giri su medium e 37 giri su hard. Per ogni strategia è valida qualsiasi permutazione possibile: i due piloti Mercedes partiranno su pneumatici medium, con diverse opzioni disponibili a seconda dei livelli effettivi di degrado che incontreranno durante la gara, con temperature asfalto che potrebbero scendere nel corso della serata.

“È stata una sessione di qualifiche molto combattuta a causa del giro di pista molto breve, con il traffico che ha rappresentato un problema con le vetture così vicine tra loro”, ha affermato Mario Isoa. “Trovare uno spazio è stato fondamentale e tutte e tre le sessioni di qualifica sono state combattute fino all’ultimo, il che dovrebbe permettere di assistere domani a una gara emozionante. Le due Mercedes partiranno dalla prima fila e saranno le uniche nella top 10 al via su Yellow medium, quindi sarà affascinante vedere se riusciranno a trasformarlo in un vantaggio per il Gran Premio, soprattutto all’inizio con così tante vetture su pneumatici soft”.

“Tutte e tre le mescole si sono comportate bene, e la strategia a due soste dovrebbe essere la più veloce per domani. In Formula 2 si è assistito a una bella battaglia a livello strategico per quanto riguarda la scelta dei pneumatici: entrambi gli aspiranti al titolo iridato si sono qualificati più indietro di quanto si aspettassero ma hanno preso decisioni tattiche opposte per risolvere il problema. Di conseguenza, il campionato si deciderà nell’ultima gara, finale degno della competizione serrata che abbiamo visto in F2 tutto l’anno. Congratulazioni a Prema per aver vinto il titolo per Team”, ha concluso.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati