F1 GP Giappone, Qualifiche: pole di Hamilton, prima fila tutta Mercedes

Terzo Verstappen davanti a Raikkonen. Vettel beffato dalla pioggia, solo nono

F1 GP Giappone, Qualifiche: pole di Hamilton, prima fila tutta Mercedes

Ottantesima pole position in carriera per Lewis Hamilton, che porta a casa la partenza al palo nel GP del Giappone. Al suo fianco partirà l’altra Mercedes, con il compagno di box Bottas, mentre la seconda fila se la sono conquistata Verstappen e Raikkonen, in una qualifica che ha visto il muretto Ferrari sbagliare il timing dell’ultima uscita in Q3. L’azzardo con le intermedie ha infatti impedito ai due piloti della Rossa di avere il tempo a disposizione per completare un giro come si deve, prima dell’effettivo arrivo della pioggia. Solo il nono tempo così per Vettel, alle spalle di Grosjean, Hartley, Gasly e Ocon. E la Force India di Perez a completare la top ten.


Cronaca – Q1 – Nuvole sul cielo di Suzuka, quando prendono il via le qualifiche del GP del Giappone, con Vandoorne primo a lasciare i box. Il belga è anche il primo a fermare il cronometro, unico con la gomma soft, in 1:32.170. Subito dentro anche le due Ferrari e il resto dei piloti, con la mescola supersoft. Vettel si mette davanti in  1:29.049, seguito da Raikkonen, Grosjean, Leclerc, Magnussen, Stroll, Ericsson, Sirotkin e Vandoorne. Hamilton detta il passo in 1:28.702, ma sventola bandiera rossa: Vettel si gira alla curva Hairpin, riuscendo però a ripartire senza danni. Poco dopo, la sessione si interrompe di nuovo: Ericsson finisce fuori pista danneggiando la Sauber in più punti. Hamilton guida la lista dei tempi davanti a Vettel, Bottas, Verstappen, Kimi, Ricciardo, Ocon, Grosjean, Leclerc e Magnussen. La pioggia comincia a interessare alcuni punti della pista, e i primi dieci si rifugiano in pit lane. Leclerc si prende la sesta posizione, quando sventola la bandiera a scacchi e rimangono esclusi Hulkenberg, Sirotkin, Alonso, Vandoorne, Ericsson.

Q2 – Semaforo verde e le due Mercedes si lanciano subito con la gomma soft, così come Grosjean e Magnussen. Supersoft invece per tutti gli altri. Raikkonen e Hamilton sono i primi a fermare il cronometro, portandosi a turno in testa, ma poi è Bottas a far segnare il miglior tempo, 1:27.987. Terzo Vettel. Ricciardo lamenta perdita di potenza e rientra ai box: l’australiano è costretto ad abbandonare il campo. Con lui rimangono esclusi dalla lotta anche Leclerc, Magnussen, Sainz e Stroll.

Q3 – Bottas, Hamilton, Vettel, Raikkonen, Verstappen, Ocon, Perez, Grosjean, Gasly e Hartley si giocano la pole position. La pioggia intanto sembra sempre più minacciosa e consistente in alcuni punti: la Ferrari azzarda subito le intermedie, mentre Hamilton sceglie la supersoft, così come il resto dei rivali. Subito ci si rende conto che la mescola slick è in realtà quella giusta, e le due Rosse tornano ai box per passare a loro volta alla supersoft. Ma è troppo tardi. Hamilton intanto si è messo davanti in pole provvisoria in 1:27.760, seguito da Bottas, Verstappen, Hartley, Gasly. Raikkonen riesce a infilarsi al quarto posto, solo il nono tempo invece per Vettel! Passaggio box per un nuovo set di gomme, ma la pioggia comincia a scendere davvero, impedendo così a chiunque di migliorare.

Hamilton conquista la pole position davanti a Bottas e Verstappen.

F1 GP Giappone – Tempi e risultati Qualifiche

1 Lewis Hamilton Mercedes 1m27.760s
2 Valtteri Bottas Mercedes 1m28.059s 0.299s
3 Max Verstappen Red Bull/Renault 1m29.057s 1.297s
4 Kimi Raikkonen Ferrari 1m29.521s 1.761s
5 Romain Grosjean Haas/Ferrari 1m29.761s 2.001s
6 Brendon Hartley Toro Rosso/Honda 1m30.023s 2.263s
7 Pierre Gasly Toro Rosso/Honda 1m30.093s 2.333s
8 Esteban Ocon Force India/Mercedes 1m30.126s 2.366s
9 Sebastian Vettel Ferrari 1m32.192s 4.432s
10 Sergio Perez Force India/Mercedes 1m37.229s 9.469s
11 Charles Leclerc Sauber/Ferrari 1m29.864s 2.104s
12 Kevin Magnussen Haas/Ferrari 1m30.226s 2.466s
13 Carlos Sainz Renault 1m30.490s 2.730s
14 Lance Stroll Williams/Mercedes 1m30.714s 2.954s
15 Daniel Ricciardo Red Bull/Renault
16 Nico Hulkenberg Renault 1m30.361s 2.601s
17 Sergey Sirotkin Williams/Mercedes 1m30.372s 2.612s
18 Fernando Alonso McLaren/Renault 1m30.573s 2.813s
19 Stoffel Vandoorne McLaren/Renault 1m31.041s 3.281s
20 Marcus Ericsson Sauber/Ferrari 1m31.213s 3.453s

F1 GP Giappone, Qualifiche: pole di Hamilton, prima fila tutta Mercedes
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

3 commenti
  1. braysen

    braysen

    6 ottobre 2018 at 09:45

    Muretto ferrari imbarazzante! Urgono cambiamenti drastici cominciando da Arrivabene ormai ridotto allo sbando come tutta la struttura tecnica! Come se non bastassero gli aiuti avuti alla Mercedes da parte dalla FIA che ha limitato la P.U. Ferrari e permesso ai tedeschi antichi giochetti come le sospensioni illegali che hanno risolto i loro problemi di gomme e di trazione! Mi viene il vomito….

    • Francesco

      6 ottobre 2018 at 10:56

      …e allora vomita, ma girati dall’altra parte!!!
      LA Ferrari è ANNI che fa queste figure, anche se forse è una tra le migliori scuderie di questa F1 strampalata, ma servono cambiamenti drastici… quando è arrivato ‘sto Arrivabene io mi sono chiesto subito: ma che caxxo fanno??? Ma chi è ‘sto qui??? A parte su come si esprime quando lo intervistano…
      Però i 5 anni CINQUE che Alonso ha BUTTATO nel cesso in Ferrari, per tutti sono stati responsabilità di Fernando che invece, dopo aver tentato di salvare il salvabile con quasi DUE mondiali persi all’ultima gara si è deciso a mollare tutto… Bene ha fatto a mollare tutto, solo che ancora oggi tutti lo offendono e lo considerano la causa di tutti i mali…
      Per me il prossimo anno anche Vettel farebbe bene ad andarsene…

  2. Magu

    6 ottobre 2018 at 12:56

    Ancora con i piagnistei..è sempre colpa dell’arbitro…ma guardate il calcio che è meglio..

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati