F1 | Ferrari, Vettel: “Facciamo troppa fatica a mandare in temperatura le gomme”

"Abbiamo fatto il possibile", ha ammesso il tedesco

F1 | Ferrari, Vettel: “Facciamo troppa fatica a mandare in temperatura le gomme”

Altra giornata da dimenticare per la Ferrari e Sebastian Vettel. La SF1000 anche sul bagnato si è dimostrata essere molto indietro rispetto alla concorrenza, e il tedesco non è riuscito ad andare oltre la decima posizione, che gli varrà dunque la quinta fila in griglia di partenza, una posizione davanti a Leclerc (poi penalizzato, ndr), sintomo di una vettura davvero al limite della guidabilità. Seb non fa misteri sui problemi avuti oggi, avendo preso ben 2.3 secondi dalla pole straordinaria di Hamilton.

“Sono contento che la qualifica non sia stata rimandata a domani, anche se di sicuro ci aspettavamo di più – ha detto Vettel. Penso che abbiamo fatto tutto quello che era nelle nostre possibilità oggi, ma abbiamo fatto troppa fatica a mandare in temperatura le gomme, specie quelle anteriori. Di conseguenza bloccavo spesso le ruote in frenata, mentre in rettilineo facevo acquaplaning. Nel Q3 all’ultimo giro ho rischiato il tutto per tutto ma ho commesso un errore in curva 8 perdendo la possibilità di migliorare. Se non altro abbiamo imparato come si comporta la vettura in queste condizioni e saremo preparati per la prossima volta. Le previsioni meteo per domani ci dicono che in gara sarà asciutta e il nostro passo dovrebbe essere migliore. Resta il fatto che non siamo ancora dove vorremmo essere a livello di performance”.

Leggi altri articoli in Ferrari

Lascia un commento

1 commento
  1. alonsosenna4

    11 Luglio 2020 at 23:22

    Ancora nn hanno capito(la ferrari ) che le gare le vincono le gomme….ancora problemi co stè pirelli….ogni anno ce nè una…ma chi disegna la macchina chi fà il progetto?come può presentarsi così??dal momento che avevano bloccato il motore …dovevano avere un’auto b…è uno schifo x i piloti e x i tifosi…è semplicemente una vergogna…la sf 1000 potrebbe vincere in gp2…..potrebbe…attenzione…scandaloso

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati