F1 | Ferrari, Binotto: “Soffriamo l’aria sporca, ed è lì che dobbiamo concentrare la nostra analisi”

"Ci sono cose che possiamo migliorare, ma stiamo progredendo", ha sottolineato il TP di Maranello

F1 | Ferrari, Binotto: “Soffriamo l’aria sporca, ed è lì che dobbiamo concentrare la nostra analisi”

Quello concluso a Baku è stato un weekend difficile per la Ferrari che però si era aperto al sabato con la pole position (un po’ a sorpresa) fatta registrare da Charles Leclerc. Mattia Binotto, commentando l’appuntamento svoltosi sul tracciato cittadino della capitale dell’Azerbaijan, ha ammesso come la SF21 non riesca ancora ad esprimersi ad alti livelli sul passo gara soffrendo inoltre l’usura della gomme quando si trova in aria sporca.

Sapevamo che sulla morbida avremmo faticato – ha dichiarato Binotto, citato da RaceFans – Penso che con le gomme dure, quando eravamo in aria libera, il passo di Carlos fosse rappresentativo. Eravamo competitivi. Non credo che nel complesso siamo stati limitati dal punto di vista prestazionale. Soffriamo l’aria sporca ed è lì che dobbiamo concentrare la nostra analisi. Come al solito potrebbe essere una lezione imparata. Ci sono cose che possiamo migliorare. Sono abbastanza sicuro che rivedendo l’intera gara, troveremo aree di miglioramento. È stato un buon fine settimana”.

Con i risultati maturati nel GP d’Azerbaijan, la Ferrari ha scavalcato la McLaren portandosi al terzo posto nel Mondiale costruttori. Discutendo dell’avvicendamento in classifica iridata, avvenuto tra Woking e Maranello, Binotto ha poi aggiunto: “Abbiamo fatto la pole, che penso sia stata eccezionale, la seconda consecutiva, che mostra i progressi della squadra e della macchina e, infine, siamo terzi. Dall’inizio della stagione non è mai accaduto, sono soli due punti, ma dimostra che stiamo progredendo. Ora abbiamo tre gare di fila nelle prossime settimane, che saranno importanti. Quindi sicuramente la squadra rimarrà concentrata sul migliorare in futuro”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati