F1 | AlphaTauri, Pierre Gasly: “La quinta posizione è una piccola vittoria”

Kvyat è diciannovesimo: "Qualcosa non ha funzionato"

F1 | AlphaTauri, Pierre Gasly: “La quinta posizione è una piccola vittoria”

Sono ancora una volta diametralmente opposte le gare dei due piloti dell’AlphaTauri. Se Gasly ha dato un’ulteriore prova di forza, lo stesso non può dirsi per Daniil Kvyat, che termina la gara in diciannovesima posizione. Dei problemi con la temperatura degli pneumatici, insieme alle difficili condizioni della pista, non hanno aiutato il russo, che non può fare altro che portare la vettura fino al traguardo. Discorso completamente diverso per Gasly, che sembra mantenere la scia di buoni risultati, chiudendo la gara in quinta posizione. Il francese supera così Carlos Sainz nella classifica piloti, mettendosi in nona posizione.

Mi è davvero piaciuta questa gara! Mi sono davvero divertito con tutte quelle battaglie ruota a ruota in pista – ha raccontato il francese – ero a mio agio con le gomme morbide e sono riuscito a gestirle bene all’inizio della gara e, quando gli altri hanno iniziato a faticare, io ho potuto spingere per superare Renault, McLaren e una Racing Point alla fine. Per noi, come team del gruppo centrale, questa P5 dietro alle prime tre squadre, è come una piccola vittoria. Sono soddisfatto del risultato, soprattutto dopo il gran lavoro dei ragazzi in garage che venerdì sera hanno praticamente preparato una macchina nuova per me. Si sono impegnati tanto e sono davvero felice di poterli ricompensare con questo quinto posto”.

Parole diverse, invece, per Daniil Kvyat.

È stata una brutta gara, non c’era molto da fare già dopo il primo giro, perché ero in una posizione pessima. È stato abbastanza difficile: qualcosa non ha funzionato con le gomme, come se non fossero state abbastanza calde, così nei primi giri ho faticato a trovare aderenza. Il vento non ha semplificato le cose, ma è normale in condizioni del genere. Capita di fare delle brutte gare e quella di oggi è una di queste. Dobbiamo analizzare i dati e capire cos’è successo nei primi giri con le temperature delle gomme, così da tornare più forti dalla prossima settimana”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati