F1 | AlphaTauri, Lawson ad un passo dalla zona punti in Giappone

Tsunoda tenta l'undercut, ma resta dodicesimo

F1 | AlphaTauri, Lawson ad un passo dalla zona punti in Giappone

Liam Lawson conferma la sua posizione di partenza al traguardo: il neozelandese si è classificato undicesimo in qualifica, a soli quarantatré millesimi dal Q3, e in gara a Suzuka si riconferma, mancando di poco la zona punti. Lawson è stato probabilmente penalizzato dalla strategia: Tsunoda, più indietro rispetto a lui, è stato richiamato prima ai box per tentare l’undercut, con Liam sacrificato ad allungare lo stint.

“Oggi non siamo stati all’altezza della prestazione sulla lunga distanza, non abbiamo avuto la velocità delle Alpine davanti a noi. Ho lavorato duramente insieme alla squadra questo fine settimana e abbiamo fatto dei passi avanti a ogni sessione – ha spiegato Liam – la lotta con Yuki è stata dura ma corretta. Purtroppo, non è bastato, credo che nessuno dei due avesse il passo per entrare nella Top 10. Ovviamente continuo a puntare a fare punti per il team e dimostrare quanto valgo ogni volta che salgo in macchina e penso di averlo fatto oggi”.

Nonostante la strategia Tsunoda non riesce a recuperare posizioni, e anzi, Yuki scivola dalla nona alla dodicesima posizione.

“È un po’ frustrante perché oggi avevamo il passo, ma non l’opportunità di sfruttarlo pienamente. Su questa pista è difficile stare vicini agli avversari perché le gomme si surriscaldano facilmente e credo che abbiamo tardato troppo nel fare la sosta per montare le gomme dure e, a quel punto, ero dietro a tutti e ho dovuto recuperare sul gruppo. Credo che oggi non avessimo alcuna possibilità di raggiungere la P10. È un peccato non essere riuscito a fare una buona prestazione e ottenere un buon risultato davanti ai tifosi giapponesi, ma da loro ho ricevuto molta energia positiva e per questo li ringrazio”.

4/5 - (2 votes)
Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati