F1 | Alfa Romeo, Vasseur: “Giovinazzi e non Schumacher? Scelta della Ferrari”

"Il nostro secondo sedile lo decide Maranello" ha ammesso il team principal

F1 | Alfa Romeo, Vasseur: “Giovinazzi e non Schumacher? Scelta della Ferrari”

Il responsabile dell’Alfa Romeo è tornato a parlare della scelta di confermare Antonio Giovinazzi per il secondo anno consecutivo. Frederic Vasseur spiega come la scelta di uno dei sedili dell’Alfa spetti alla Ferrari in base agli accordi di stretta collaborazione tra le due squadre e non nasconde il fatto che a lui avrebbe intrigato impiegare nel 2021 Mick Schumacher, nonostante sia soddisfatto di quanto fatto da Giovinazzi.

Il manager francese ha parlato della crescita di Giovinazzi, migliorato molto nel 2020 e vicino a Kimi Raikkonen nelle prestazioni anche in gara, tallone d’Achille nel primo anno. Il capo della scuderia elvetica ha parlato anche di Mick Schumacher, pilota che con la Alfa Romeo ha comunque disputato alcuni turni di prove libere, sperando che il ragazzo non venga visto solo come il figlio di Michael.

“Il nostro secondo sedile lo decide la Ferrari. Questo fa parte del nostro accordo con Maranello. Il ballottaggio è stato tra Mick e Antonio, e alla fine la Ferrari ha deciso di tenere Giovinazzi con noi e mandare Schumacher in Haas – le parole di Vasseur a GPFans.comAbbiamo avuto un paio di colloqui, posso dire che Antonio merita la conferma perché è migliorato molto ed è molto vicino a Kimi non solo in qualifica ma anche sul passo gara. La scelta non è stata facile, ma la Ferrari ha deciso di mandare Mick in Haas e a me va bene così. Sarebbe stato bello avere Schumi jr con noi ma adesso non voglio concentrarmi su questo; penso che per Mick l’anno prossimo sarà una una grande sfida, dobbiamo pensare a Mick solo come pilota e non perché è il figlio di… Quando ha disputato le prove libere con noi io mi sono sempre approcciato a lui pensando sempre alle sue esigenze, senza pensare al cognome o facendo inutili paragoni”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati