F1 | Alfa Romeo Sauber, Leclerc: “Non mi aspettavo che il salto dalla Formula 2 fosse così grande”

Il giovane talento di casa Ferrari ammette le difficoltà iniziali: "Ci vuole tempo per abituarsi. Avrei voluto capire più velocemente la macchina"

F1 | Alfa Romeo Sauber, Leclerc: “Non mi aspettavo che il salto dalla Formula 2 fosse così grande”

Dopo un fisiologico periodo di smarrimento iniziale, Charles Leclerc ci sta prendendo gusto: tre piazzamenti a punti, quattro qualificazioni consecutive in Q2 e un feeling con l’Alfa Romeo Sauber che cresce a vista d’occhio. Alla prima stagione tra i grandi, in Formula 1, il 20enne monegasco sta rispondendo bene, anche se l’impatto è stato piuttosto traumatico: “Pur essendo in questo sport da quando avevo tre anni, non mi aspettavo che il salto fosse così grande. La quantità di procedure e di cambiamenti nello stile di guida: è tutto un passo in avanti” – ha ammesso il talento di casa Ferrari. “All’inizio è stato difficile per me, forse quello che avrei voluto è capire la macchina un po’ più velocemente, ma due gare, diciamo tre gare, per imparare completamente la macchina non è molto. Se potessi cambiare qualcosa, cambierei questo aspetto”.

Leclerc, inoltre, si è soffermato sulle differenze presenti tra Formula 1 e Formula 2, di cui è campione uscente: “Il weekend nel complesso è molto diverso, molto più occupato con i media e tutto il resto, ma l’obiettivo è lo stesso: fare il miglior lavoro possibile in macchina. Devi imparare a lavorare con così tante persone e per me è stato abbastanza difficile all’inizio. In Formula 2 parli solo con una persona, che è il tuo ingegnere, ma qui ci sono così tante persone che si prendono cura di aree più piccole rispetto alla Formula 2. Ci vuole un po’ di tempo per abituarsi”.

Soffermandosi, invece, su altri aspetti prettamente tecnici: “La gestione degli pneumatici in Formula 2 è allo stesso livello, ma in Formula 1 poi c’è l’energia e bisogna pensare a quando utilizzarla mentre combatti con altri piloti che hanno molta esperienza. Per essere un buon pilota devi adattarti alle diverse situazioni.

Leggi altri articoli in Alfa Romeo Sauber

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati