F1 | Alfa Romeo Sauber, Leclerc: “La C37 è una grande macchina, ottenuti risultati impressionanti”

"Prestazioni positive nonostante la mancanza di aggiornamenti", ha aggiunto il monegasco

F1 | Alfa Romeo Sauber, Leclerc: “La C37 è una grande macchina, ottenuti risultati impressionanti”

Charles Leclerc è un rookie in Formula 1, e quest’anno oltre ad aver dimostrato il suo enorme talento, tanto da conquistare un posto in Ferrari nel 2019 ha avuto anche la fortuna di trovare una vettura assolutamente competitiva. La Sauber fino allo scorso anno ha sofferto tremendamente, ma da quando è arrivata la collaborazione con Alfa Romeo e Ferrari, il team di Hinwil ha letteralmente cambiato passo, con motori aggiornati e persone di spessore all’interno del team, con Luca Furbatto capo progettista e Simone Resta direttore tecnico da metà 2018, quindi la sua mano si vedrà maggiormente a partire dalla stagione 2019. Leclerc ha voluto dire la sua in merito alla potenza della sua prima vettura di Formula 1.

“La base di partenza della macchina è stata buona quest’anno – ha detto Leclerc. Penso che nelle prime tre gare non siamo riusciti a sfruttare appieno il potenziale della vettura. Una volta capito come perfezionare il bilanciamento abbiamo fatto un enorme passo in avanti, poi ci sono stati degli aggiornamenti durante la stagione che hanno reso la macchina ancora più forte. E’ impressionate il salto rispetto allo scorso anno, basti vedere i risultati. Abbiamo fermato gli aggiornamenti da un bel po’, ma stiamo mantenendo le stesse prestazioni, quindi è decisamente una macchina forte. Non ci aspettavamo di avere un finale di stagione così positivo dopo aver fermato lo sviluppo della vettura. Per il prossimo anno tutto questo sarà positivo, perché hanno avuto più tempo per sviluppare l’auto”.

F1 | Alfa Romeo Sauber, Leclerc: “La C37 è una grande macchina, ottenuti risultati impressionanti”
5 (100%) 4 votes
Leggi altri articoli in Alfa Romeo Sauber

Lascia un commento

2 commenti
  1. Zac

    20 novembre 2018 at 06:46

    “Non ci aspettavamo di avere un finale di stagione così positivo dopo aver fermato lo sviluppo della vettura.”
    Esattamente quello che fanno sempre le altre squadre. Cosa poi non del tutto vera, perché le modifiche non visibili, quelle non si fermano mai e nessuno se ne accorge.
    Non si capisce, poi, tutta questa soddisfazione per essere 14esimi e 17esimi in classifica piloti su 20 partenti, con entrambe le Haas con lo stesso motore davanti.
    Se prendiamo come riferimento piloti di assoluto valore, FA14 ha 50 punti e CL16 33punti.
    E questi sarebbero risultati impressionanti?
    Poi, se a qualcuno conviene fare lo spezzatino, finisce nel paradosso come Zenone di Elea.

    • mrwolf

      20 novembre 2018 at 15:39

      Considerando come stava l’anno scorso (ultima), senza soldi e con gravi carenze techniche, e’ stata la macchina che ha fatto il salto di qualita’ piu’ importante. Avanti cosi’.. prox anno si tifa per Giovinazzi!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati