F1 | Incognita Honda, ma questo Max Verstappen è pronto per il titolo mondiale

Wolff ritiene il pilota della Red Bull non ancora pronto per il titolo mondiale, ma il rendimento di Max in questo campionato dice altro

F1 | Incognita Honda, ma questo Max Verstappen è pronto per il titolo mondiale

Le intemperanze, qualche scorrettezza o manovra al limite, un’aggressività talvolta smodata. Lasciarsi tutto alle spalle e, finalmente, crescere. Toccare il fondo con errori in successione a inizio anno per poi risalire, senza più fermarsi, anzi affermandosi, forse definitivamente, quale prima spina nel fianco degli eterni duellanti Hamilton e Vettel.

Questo, in breve, è Max Verstappen, l’ancora giovanissimo pilota di casa Red Bull, che dopo aver fallito per qualche centimetro il record di poleman più giovane della storia punta a soffiare – ancora a Vettel – quello di campione del mondo più giovane di sempre. A fine 2019 Max avrebbe poco più di 22 anni, mentre Vettel si è laureato campione a 23 primavere.

Dettagli, ma il cursus honorum dell’olandese parla chiaro: un miglioramento costante, un rendimento che in questo 2018 si è alzato, permettendogli di essere ancora in lotta per il terzo posto iridato ad una gara dal termine. Si può dire che Verstappen dal Canada in poi ha sbagliato ben poco, se non addirittura niente. Podi tanti, due vittorie perentorie (Austria e Messico) e una sfumata per colpe non sue (Brasile). Sempre duro nei duelli, protagonista suo malgrado di qualche episodio ancora dubbio (Suzuka) ma anche maturato nel corpo a corpo, con la costante di restare uno dei driver più difficile da superare, chiedere a Hamilton del GP di Austin, per fare un esempio.

Della velocità innata si sa, della capacità di inventarsi i sorpassi nei punti più impensabili anche. Spettacolare lo è sempre stato. L’unica perplessità, semmai, è sempre stata il caratterino ai limiti dell’incendiario, la tendenza ad esagerare, a strafare, a intestardirsi in condotte di gara controproducenti. Ma è una tendenza che è andata scemare, sempre più sfumata e lontana. Verstappen nella seconda parte di stagione ha fatto parlare di se solo per le prestazioni brillanti e per i risultati, più raramente per strafalcioni o passi falsi.

Quello di Verstappen sembra tanto il cambio di passo che ci si attendeva da un talento così cristallino, l’inversione di tendenza che può sparigliare le carte e allarmare i rivali. Toto Wolff, in recenti dichiarazioni, ha affermato che secondo lui Verstappen è ancora caratterialmente grezzo per il titolo mondiale, dovendo smussare alcuni spigoli. Considerazioni rispettabili, ma non del tutto condivisibili se consideriamo la freschezza del pilota e la lucidità e la costanza di rendimento in questo campionato.

L’unica incognita, bella grande, è rappresentata dalla competitività del pacchetto Red Bull-Honda. Se, come si augurano a Milton Keynes, il motore giapponese dovesse rivelarsi superiore al propulsore Renault allora ne vedremo delle belle, ed è impossibile scartare a priori Verstappen dalla lotta alle prime posizioni tacciandolo di immaturità. Qualora invece Honda continuasse a deludere, be’ per l’olandese che trascina folle intere agli autodromi l’unica chance di vittoria sarebbe cambiare colori. Prima o poi…

Antonino Rendina


F1 | Incognita Honda, ma questo Max Verstappen è pronto per il titolo mondiale
5 (100%) 5 votes
Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

2 commenti
  1. max02

    19 novembre 2018 at 22:24

    Toto ma che stai a di? Forse iniziano i timori? Forse anche voi della mersedes iniziate a capire che con Max siete fregati, e l ha capito anche hamilton, se il motore honda regge siete fregati tutti compreso hamilton. Max è una belva in pista

  2. idrija

    20 novembre 2018 at 08:49

    Lo dimostra l ultima gara….Che non e ancora pronto!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati