F1 | Bottas: “Sostituire Rosberg è stata una grande responsabilità”

"Essere compagno di squadra di Lewis è difficile ma motivante"

F1 | Bottas: “Sostituire Rosberg è stata una grande responsabilità”

Ancora poche gare e poi Vallteri Bottas dovrà salutare Mercedes e iniziare una nuova sfida con Alfa Romeo. Il pilota finlandese, intervistato da Hypebeast, ha parlato di quanto è stato difficile nel 2017 prendere il posto di Nico Rosberg, campione del mondo 2016.

“E’ stata una grande responsabilità, ho preso il posto di un ragazzo che ha vinto il titolo e poi ha deciso di smettere. Ero il prossimo sulla lista, il team mi ha scelto, c’è stata molta pressione ma è stato un grande salto nella mia carriera e ho dovuto assicurarmi di poter sfruttare al massimo l’opportunità, di esibirmi e ottenere un nuovo contratto per l’anno successivo. E’ stato così per ogni stagione, perché in questo sport devi sempre metterti alla prova. Penso che con il passare degli anni, inizi a imparare come affrontarlo e fortunatamente per me, ci sono volute solo poche gare nella stagione per ottenere la mia prima vittoria, questo ha fatto guadagnare fiducia alla squadra”.

Nell’intervista poi, Bottas ha parlato di quanto è stato difficile ma al tempo stesso motivante, essere il compagno di squadra di Lewis Hamilton:

“Essere il compagno di squadra di Lewis non è facile perché è piuttosto veloce, sia in qualifica e soprattutto in gara. Mi fa spingere al limite, provare cose nuove perché so che devo dare assolutamente tutto ciò che posso se voglio batterlo. Quindi, in questo senso, non è facile ma è anche davvero motivante. Ad essere onesti, è stato anche molto piacevole. Siamo stati in grado di lavorare molto bene come squadra e se guardi indietro agli ultimi quattro anni, siamo riusciti a ottenere grandi cose come squadra, questo mi fa lavorare duramente”.

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati