Ecclestone: “Diritti umani in Azerbaijan? Ho la coscienza a posto”

Il patron della F1 si è detto tranquillo sulle questioni umanitarie a Baku

Ecclestone: “Diritti umani in Azerbaijan? Ho la coscienza a posto”

Continua a tenere banco la questione umanitaria nell’imminente GP d’Europa di Formula 1.

A riaccendere le polemiche è arrivato un recente documento di Amnesty International che ha sottolineato la situazione disastrosa del governo dell’Azerbaijan sul fronte diritti umani.

“L’arrivo dell’automobilismo mondiale a Baku non deve deviare l’attenzione dall’assalto del governo dell’Azerbaigian alla società civile del paese – ha detto Denis Krivosheev, vicedirettore del programma Europa e Asia di Amnesty – Al di là dello sfarzo, la realtà quotidiana è che le autorità chiudono le organizzazioni non governative e arrestano e minacciano i loro dirigenti”.

A replicare a queste dichiarazioni e alle polemiche delle scorse settimane è arrivato Bernie Ecclestone, pronto a difendere se stesso e il circus: “I diritti umani in Azerbaijan? Io ho la coscienza a posto”.

Il patron ha difeso la politica della Formula 1 e gli organizzatori del GP: “Nel momento in cui qualcuno mi dice quali sono i diritti umani – ha aggiunto – allo potremo verificare quando e dove vengono applicati. Per quanto ci riguarda non ci sono corse nel Paese dove ci sia corruzione. Gli azeri hanno fatto un eccellente lavoro”.

Manuel Lai

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

1 commento
  1. hero

    17 giugno 2016 at 09:10

    Perchè ha una coscienza? Non lo avrei mai immaginato…

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati