Arrivabene: “Sappiamo quali sono i problemi. Non molliamo”

Il team principal della Ferrari deluso dalla prestazione della Rossa

Arrivabene: “Sappiamo quali sono i problemi. Non molliamo”

Il Gran Premio di Germania non è stato particolarmente semplice per la Ferrari, sofferente per tutto il weekend. Dopo un sabato in cui sembravano esserci stati dei miglioramenti, in gara nuovamente il buio, con un quinto e un sesto posto finale. Lasciando da parte il risultato, ciò che ha lasciato i tifosi particolarmente delusi è stato il fatto che entrambe le Rosse non siano mai state in gara, mai in grado di contrastare la Mercedes o le Red Bull.

A conclusione della corsa a rilasciare le prime dichiarazioni è stato il team principal della Ferrari, Maurizio Arrivabene, visivamente insoddisfatto per la prestazione della sua squadra: “Non è certo la prestazione che dovrebbe avere una Ferrari. Su questo non ci sono dubbi”.

La Red Bull ora nel campionato costruttori è diventato un reale avversario, conquistando la seconda posizione proprio a discapito della Ferrari: “Vedo che loro hanno fatto degli ottimi progressi. Prima avevano un solo avversario, ora ne abbiamo due” ha detto Arrivabene.

Da team player, Vettel ha cercato di addossarsi parte delle colpe degli ultimi gran premi non all’altezza delle aspettative, indicando anche errori personali nel non riuscire a trovare l’esatta finestra di utilizzo dei pneumatici che non hanno permesso di ottenere il massimo possibile. Il team principal, invece, ha cercato di difendere il proprio pilota e l’operato dei meccanici in pista, consapevole che i problemi di questa vettura sono noti: “Vettel sa esattamente qual è il problema della macchina. Il problema non è Sebastian e né la gente qui in pista. Anzi solo un valore aggiunto che ci aiutano a camuffare durante il weekend i problemi che conosciamo“.

Arrivabene, però, dice che la Ferrari non mollerà, continuerà a cercare di migliorare per fare il massimo possibile e dare soddisfazioni nonostante la pazienza, in particolare quella dei tifosi, sia al limite: “Quando hai una Mercedes che se ne va e una Red Bull che ci ha superato, non puoi pensare a mollare. Non molleremo“.

Gianluca D’Alessandro

Arrivabene: “Sappiamo quali sono i problemi. Non molliamo”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

26 commenti
  1. flapanteriore

    31 luglio 2016 at 17:05

    Una sola parola
    Vergogna

    • M&M

      31 luglio 2016 at 17:25

      Condivido in pieno!!
      Peggio di così tra proclami e false aspettative non si può fare…
      Spero che da adesso a “sempre” imparino a tenere un profilo basso!!

    • stefanoabbadia

      1 agosto 2016 at 07:34

      Allison via, a parte il dramma personale (che rispetto) era gias egnato questo destino, unica cosa che non ho capito è perché non hanno richiamato Marmorini che alla fine..aveva ragione su tutto e tutti..lo dimostrano i fatti..poi non capisco perche si faccia finta di nulla decantando Binotto come il risolutore dei problemi PU, di fatto non ha fatto altro che mandare avanti le specifiche gia definite da Marmorini e poi approfondite e realizzate da AVL in Austria a Graz….temo che questa miopia (a mio modo di vedere) costerà cara…Binotto non è un progettista di PU ma un bravo motorista…nemmeno un DT o capo ufficio tecnico…credo che con il suo arrivismo pensionera presto Arrivabene…ma i risultati per altri due o almeno 3 anni…con il binocolo li vedremo se non prenderanno persone di spicco (che non vogliono venire o tornare a Maranello in questa situazione gestionale)
      questa è la mia opinione

  2. M&M

    31 luglio 2016 at 17:07

    A dirla tutta Vettel si ė addossato la colpa per l’ultimo giro fatto in Q3… Comunque cambia poco! Detto ciò ho sempre l’impressione che la strategia per Seb sia spesso fatta su Kimi e non sugli altri…

    • Gianluca D'Alessandro

      31 luglio 2016 at 17:39

      Vettel ha parlato di responsabilità personali durante la stagione (se leggi la sua intervista infatti parla di alcuni errori che gli sono costati qualche punto), quindi penso che si riferissero a questo più che al solo giro in Q3, almeno io l’ho intesa così 🙂

      Sul resto più o meno concordo.. Più che altro non è tanto fare gara su Kimi, ma è che non sono in grado di far gara sugli altri. Quando oggi ho sentito che volevano provare con Seb l’undercut su Verstappen mi è sembrato quasi assurdo visto che Max era avanti di circa 8 secondi.

      • M&M

        31 luglio 2016 at 18:04

        Onestamente l’intervista nn l’ho letta ma lo seguita in TV e se non ricordo male la domanda che gli è stata fatta riguardava la Q3.. Anche perchè tra rotture tamponamenti e forature non sono i 3/4 punti persi per un errore del pilota quelli che pesano in questo momento.

      • Gianluca D'Alessandro

        31 luglio 2016 at 18:14

        Guarda, ti lascio la domanda che ha fatto Giovannelli sulla Rai su cui mi sono basato 🙂

        “Vettel ha detto che nelle ultime gare non riusciva a trovare l’assetto ideale, che questa vettura ha un grande potenziale e può andare più forte, ma per anche colpa sua e dei meccanici non si riesce a trovare quella giusta finestra di utilizzo degli pneumatici”

        Poi comunque sicuramente non sono quei punti persi durante la prima parte di stagione ad aver fatto la differenza quando i problemi sono ben altri, ma penso che Seb voglia tenere su la squadra e fare da “scudo”

        Comunque ho sistemato leggermente così si comprende meglio cosa intendeva la domanda. Grazie mille della segnalazione, molto gentile, c’è sempre spazio per migliorare 🙂

  3. Raphael

    31 luglio 2016 at 17:37

    I grandi comandanti sono quelli che sanno quando ritirarsi per evitare una sconfitta più pesante, Arrivamale e Minchionne sapranno fare, e far fare, soldi ma solo questo. Almeno evitate di prendere per i fondelli la gente. Che schifo.

  4. albertone198

    31 luglio 2016 at 17:38

    sono allo sbando totale, ma che corrono a fare?
    capisco che le mercedes abbiamo avuto un vantaggio clamoroso con queste nuove norme come lo ebbero quelli della red bull, tra l’altro ammesso anche da newey, ma fare queste figure barbine noooo daiii…
    invece di fare compravendita di ingegneri, piloti, la ferrari farebbe bene a farsi rispettare dove conta davvero, cioè dove si comanda!
    e poi queste gomme pirelli sono una porcheria, ma che significato ha in F1 non cercare la prestazione assoluta, tutto per conservare le gomme, ahhh mi meraviglio di chi paga per vedere tale spettacolo!

  5. robyn

    31 luglio 2016 at 18:40

    MI RICOLLEGO A UNA FRASE FAMOSA DI ARRIVAMALE,

    COME DICEVA !!! TESTA BASSA

    ARRIVAMALE LA DEVI TENERE PER TUTTA LA VITA LA TESTA BASSA, X LA VERGOGNA CHE STAI PROVOCANDO IN CASA FERRARI.

  6. Ceppa

    31 luglio 2016 at 18:43

    E i tanto denigrati bibitari,…..vanno a prendersi il secondo posto…… !!!! Alla faccia della sfortuna, delle circostanze,dei proclami e delle tre vittorie di fila da qui in avanti. Quanto sono contento. E se potessi avere davanti ai miei occhi Mazzoni e tutti quei sfig.ti come lui!!!!! Aaaaaaaa che goduria che vivrei!!!! Mi devo accontentare di sapere che la classifica non ha tracce di Ferrari!!!!

  7. Clerfayt

    31 luglio 2016 at 19:17

    Domanda: C’era una volta la Ferrari?
    Amarcord: …e si correva in F1 e con i Prototipi.
    Bei tempi per noi che li abbiamo vissuti. Un saluto a tutti, meno che al Signor Marchionne.

  8. maury1970

    31 luglio 2016 at 19:28

    Parlare meno e lavorare di più, forse si ottiene qualcosa…

  9. aqua

    31 luglio 2016 at 20:08

    Sappiamo quali sono i problemi.
    Anche noi, siete tu e Marchionne

    • f1erally

      31 luglio 2016 at 21:17

      D’ accordissimo…

      due fighetti che con le corse non c’ azzeccano niente e pensare le prese per il culo che Marchonne fece a Montezemolo…

      Questo porterà la Ferrari a metà classifica, non quest’ anno “devono ringraziare la peggior annata della Williams” ma l’ anno prossimo sicuro!!

  10. Franco.Martini

    31 luglio 2016 at 20:23

    Addossare la colpa ad Arrivabene è inutile come lo fu ai tempi addossarla a Domenicali. Bisogna continuare a sperimentare nuove soluzioni ed evolvere la vettura senza avere fretta e senza la pretesa di dover vincere per forza e subito! La Ferrari trionferà ancora ma bisogna essere pazienti. Ricordatevi che lo sport così come la vita è fatto di alti e bassi, se uno ha vera passione per la Rossa e non è un becero tifoso da stadio resta fedele anche nei momenti difficili.

  11. bosco

    1 agosto 2016 at 02:13

    Imbarazzante

  12. pirotab2

    1 agosto 2016 at 02:59

    Sarebbe molto più apprezzabile avere più onestà riguardo ai tifosi ferraristi smettendo di prenderli in giro…”Sappiamo quali sono i problemi però sinceramente non sappiamo come risolverli perchè sono strutturali del progetto iniziale che non è risultato così performante come si pensava….” Dire qualcosa del genere sarebbe più accettabile credo… Si ammetterebbe la sconfitta e amen… Faremo di tutto per vincere il prossimo anno… e il prossimo… e il prossimo… prima o poi!!! Poveretti…

  13. teilor

    1 agosto 2016 at 09:40

    Ma scusate. In accordo con voi. Arrivabene e Marchionne hanno 1000 colpe .

    Ma Allison non ha colpe?

    Fatemi capire. La macchina è un cesso e la colpa è solo dei dirigenti?

    Chi progetta la macchina , per milioni di euro, la sbaglia e se ne disinteressa, con tutta la comprensione del caso, ma comunque fallisce; che ruolo ha in questa vicenda?

    Per me il maggiore colpevole è lui. Punto. E’ stato cacciato . I proclami fatti , sono stati fatti incautamente ma che la macchina sa un cesso è colpa di Allison e della sua cricca.

  14. f1erally

    1 agosto 2016 at 09:42

    non hanno progredito di un bel niente dalla presentazione della macchina, cioè la Red Bull era a 1,4 sec e si sono fatti prendere tutto!!

    una vergogna assoluta!!

    veramente grave grave grave grave…

    Alonso ci ha perso 5 anni per capire che le cose non sarebbero mai cambiate…

    Vettel state certi che già si starà pentendo di aver rinnovato con loro fino al 2018, per mè appena proverà la macchina nuova rescinderà il contratto rimettendoci anche soldi pur di andare via…

    • 12cilindri

      1 agosto 2016 at 15:17

      alonso ci ha perso cinque anni altri cinque li sta perdendo con la mclaren penso che a quarat’anni vincerà il suo prossimo mondiale

  15. piciacia

    1 agosto 2016 at 12:34

    comunque va be apparte la ferrari che è una delusione ed una vergogna assoluta, ma io non riesco a credere ne ora ne mai che la redbul abbia migliorato la macchina di almeno 1 secondo nel giro di pochi gran premi, La ferrari è secoli che ha gli stessi problemi e la redbul in 2 soli mesi riesce in pratica a lottare con mercedes, no ce qualcosa che non va e nessuno me lo toglie dalla testa. E ricordo che il salto di qualità avviene in concomitanza perfetta con l’arrivo del nuovo motore Renault, cio significa che il 90% del miglioramento è stato grazie al motore e allora mi chiedo come mai le due Renault gialle se pur con lo stesso motore montato nello stesso momento non hanno guadagnato neanche un decimo??? bhooooo, strano davvero strano

    • 12cilindri

      1 agosto 2016 at 15:26

      ricordi gli scarichi soffianti della red bull , forse avranno trovato qualche stratagemma ,fuori norma naturalmente,per essere così veloci, in primis, ed anche evidente l’alettone ultra flettente che addirittura in prova striscia per terra con una configurazione super rake che aumenta fortemente il carico aerodinamico ed incolla la macchina in pista sopratutto nei curvoni veloci, saranno fuori regolamento in qualcosa che noi non vediamo boh,ma sta di fatto che anche nell’aggirare il regolamento la ferrari ha dei limiti, anche lì purtroppo

  16. Fabio.bra

    1 agosto 2016 at 14:53

    È molto facile criticare, meno lo è fare, detto ciò, evito di commentare gli utenti che fanno facile ironia sul cognome dei dirigenti Ferrari e passo a far notare un paio di cose: durante il GP di Australia, dopo la seconda curva c’erano 2 Ferraro al comando. È mancato lo sviluppo? Sicuro come le tasse, ma vorrei provare a spostare il punto di vista leggermente di lato, tre anni fa le imbattibili Mercedes mangiavano letteralmente gli pneumatici, dopo un test illegale a cui nessuno si è più misteriosamente interessato boom! gestione perfetta.
    Secondo episodio, ad inizio stagione Helmut Marko minaccia di ritirare i 2 team dalla f1, ricordo a tutti che RB era molto spesso sorpassato dai torelli minori, guarda caso in un mese la Renault, senza spendere gettoni guadagna 20km/h sul dritto, a Baku dopo 5 giri avevano mangiato le gomme per aver scaricato l’aerodinamica, in Germania fanno più di 20 giri con la super software senza problemi.
    Ingegneria o politica?

  17. Radioattivo

    1 agosto 2016 at 16:50

    La RedBull non ha fatto proclami ha lavorata zitta zitta ed adesso è la 2a forza nel mondiale e si avvicinerà alla mercedes non appena gli danno altri 10-20cv in più dal renault.
    Io credo che la Ferrari ha grossi problemi sul motore e enormi sull’aereodinamica. in più ha persone al muretto che non capiscono un PIFFERO di strategia, perchè non ne prendono 1.
    Invece che andare a caccia di “geni”, “preferiscono” guardare in casa…ma il problema è che la volpe non arriva all’uva…e dice che non gli piace.

  18. 1ferrari2

    1 agosto 2016 at 22:16

    Ma perché se uno migliora è irregolare, mentre la Ferrari non ha portato nemmeno un pezzo sulla vettura è quella truffata.
    La redbull è migliorata perché adrian è tornato a tempo pieno infatti si è visto subito la quantità di pezzi in vettura, e vi dico che la redbull aspetta per il prox gp uno step aereodinamico importante, vedi tororosso. Quindi un Tim che sviluppa è irregolare. Allora la Ferrari pensasse a diventare anche lei irregolare

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati