Toro Rosso, Key: “Barcellona pista adatta alla STR11”

"Daniil ha concluso un buon fine settimana"

Toro Rosso, Key: “Barcellona pista adatta alla STR11”

Il fine settimana del Gran Premio di Spagna è sempre speciale: è la prima gara dell’anno che si disputa in Europa. Il paddock è più affollato e ritornano camion e motorhome. Alla fine di quella che finora è stata una delle gare più belle dell’anno, Carlos Sainz ha conquistato un fantastico sesto posto, il suo miglior piazzamento di sempre in F1, e Daniil Kvyat, tornato a Faenza dopo la parentesi a Milton Keynes, ha consentito alla piccola squadra italiana di portare entrambe le vetture in zona punti, grazie al suo decimo posto. In un’inytervista al sito ufficiale della Toro Rosso, James Key, Direttore Tecnico, ha raccontato come è andato il fine settimana che ha visto salire la Scuderia al quinto posto della classifica costruttori.

Ecco le parole del tecnico inglese: “Abbiamo dovuto reagire rapidamente al ritorno di Daniil in squadra e siamo stati felici di dargli il benvenuto. È un pilota che abbiamo sempre apprezzato e, naturalmente, lo conosciamo bene: quindi non è stato difficile reintegrarlo nel team. La settimana prima della gara abbiamo preparato il suo sedile, aggiornandolo sui pulsanti del volante e le varie modalità del motore: tutte cose inevitabili quando si passa da una squadra all’altra. Ha svolto un’intera giornata al simulatore per prendere contatto con quella che sarebbe stata la sua vettura a Barcelona, facendo anche alcuni test di set-up”.

“Per quanto riguarda la pista di Barcelona – ha proseguito – prevedevamo che le sue caratteristiche si sarebbero adattate a noi, in quanto si gira con più alto carico rispetto alle ultime gare. Sapevamo di poter alzare un po’ di più il nostro carico, cosa che abbiamo fatto ed è andata bene. È interessante notare che ci sono diverse cose che si conoscono già, girando nei test invernali, ma non puoi utilizzare quei dati perché la pista cambia notevolmente. Le temperature più elevate in questo periodo dell’anno mutano i livelli di grip e le gomme si comportano in modo diverso. È una pista difficile, in particolare per gli pneumatici, quando la temperatura è alta”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati