Tony Fernandes vince la prima battaglia nella disputa sul nome “Lotus”

Tony Fernandes vince la prima battaglia nella disputa sul nome “Lotus”

Il Team Lotus potrà continuare ad utilizzare il suo nome in Formula 1, lo ha stabilito l’Alta Corte di Londra nella disputa con il Gruppo Lotus.

Dopo settimane di deliberazione, la Corte ha dichiarato che, sebbene la squadra di Hingham abbia violato l’accordo di licenza con il Gruppo Lotus lo scorso anno, non c’era nulla che impediva la squadra corse di gareggiare sotto la bandiera di Team Lotus.

Il Team principal Tony Fernandes, ha dichiarato: “Siamo tutti felici che sia stato chiarito che noi siamo i legittimi proprietari del Team Lotus. Siamo sempre stati convinti che gli elementi di fatto che abbiamo presentato avrebbero portato a questa decisione e la sentenza di oggi conferma questa convinzione.”

“Siamo ovviamente delusi per la decisione del Gruppo Lotus, che aveva il diritto di terminare il contratto di licenza nel 2010. Siamo entrati in quel contratto in base al fatto che stavamo iniziando una collaborazione a lungo termine con il Gruppo Lotus, ma purtroppo hanno poi usato tecniche di violazioni nel processo di merchandising per prendere la licenza e cosi la nostra collaborazione è giunta alla fine.”

“Tuttavia, i miei colleghi azionisti ed io siamo convinti sostenitori che, quando si chiude una porta si apre un’altra porta. Nei primi giorni del nostro accordo ci siamo resi conto della sua risoluzione inevitabile e come gli avvenimenti hanno spiegato alla fine si è rivelato positivo per noi, con molte nuove strade che si aprono di conseguenza.”

“Abbiamo voluto sviluppare un rapporto a lungo termine con Gruppo Lotus per aiutarli a vendere più auto in giro per il mondo, ma quella porta ormai è chiusa e ora siamo lieti di poter rivolgere la nostra attenzione per garantire il successo di Caterham Cars sulle strade e del Team Lotus in pista”.

“Questi sono due marchi molto emozionanti e il loro futuro sviluppo, portando questi due marchi leggendari insieme sotto l’ombrello Caterham Team Lotus, ci vedrà introdurre nuove automobili Caterham e una serie di nuovi marchi Team Lotus nel mercato globale.”

Nella sua sentenza, il giudice Peter Smith ha dichiarato che Group Lotus ha il diritto di usare il nome ‘Lotus’ in F1, che il team Renault può continuare a utilizzare la sua livrea nera e oro, e che il Team Lotus deve pagare i danni per la violazione del contratto di licenza dello scorso anno.

Il Team Lotus può continuare quindi ad usare il suo nome. Tuttavia, il Gruppo Lotus ha deciso di presentare ricorso. In una dichiarazione, il costruttore di auto ha detto: ” il Team Lotus ha il diritto di continuare a correre in Formula 1 sotto il nome di Team Lotus, ma l’effetto della sentenza è che solo il Gruppo Lotus puo’ utilizzare il nome Lotus in proprio in F1.”

“Gruppo Lotus è preoccupato perche’ questo aspetto della sentenza causerà confusione agli occhi degli spettatori e il grande pubblico. La conseguenza è che Lotus Group sta cercando di ricorrere in appello in modo che il diritto di utilizzare il marchio Lotus in Formula 1 sia chiarito una volta per tutte, nell’interesse dello sport e dei tifosi. Group Lotus e il suo azionista Proton Holding Bhd sono fiduciosi per un esito positivo del ricorso “.

Sarah Price, capo dell’area legale di Gruppo Lotus, ha dichiarato: “Lotus Group è lieta che il suo diritto di correre con il nome di Lotus in F1 sia stato accolto e che i tentativi dei Convenuti per fermare cio’ siano falliti.”

“La controversia in corso con il Team Lotus è stata motivo di preoccupazione per tutti a livello di Gruppo Lotus. Nonostante il giudizio dettagliato ci sono problemi che richiedono un chiarimento e ci impegniamo a ottenere questa chiarezza, tanto necessaria per i numerosi fan del nostro marchio. Siamo estremamente grati per il supporto continuo. La decisione di ricorrere in appello non è stata presa alla leggera.”

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

12 commenti
  1. LucaR

    27 Maggio 2011 at 16:59

    Sarei felice se tuttavia ci fosse un chiarimento definitivo: in f1 ci deve esssere un unico team di nome Lotus.

  2. Davide

    27 Maggio 2011 at 17:10

    Secondo me sarebbe meglio se la Renault tornasse ad essere Renault, visto che come marchio non ha nulla da invidiare alla leggendaria Lotus.

  3. Fulcrum81 (tifo Jarno)

    27 Maggio 2011 at 17:12

    @ Luca R
    Sì, quello di Fernandes!

  4. LucaR

    27 Maggio 2011 at 17:28

    @Fulcrum81 (tifo Jarno)

    Certo!…quello vero!

  5. LucaR

    27 Maggio 2011 at 17:31

    @davide

    La renault (come marchio) non vale nemmeno la metà di quello delle Lotus!
    Cmq se dovesse perdere la denominazione Lotus, ne sarei felicissimo!

  6. iorek

    27 Maggio 2011 at 17:33

    giusto cosi’. fernandes ha tutti i diritti di usare il glorioso nome.

    la renault a mio avviso ci sta solo perdendo di immagine e correttezza sportiva

  7. Arturo

    27 Maggio 2011 at 18:20

    C’è del grottesco. Lotus e Team Lotus restano in pista.

  8. giov

    27 Maggio 2011 at 18:49

    Ma visto che ormai collaborano con la Caterham non fanno prima ad abbandonare il nome Lotus?

  9. LucaR

    27 Maggio 2011 at 19:57

    E perché mai??? Non è mica la stessa cosa! E poi loro sono pure dalla parte della ragione!

  10. Davide

    27 Maggio 2011 at 21:08

    @LucaR
    Guarda che la Lotus è stata una squadra che ha vinto dei campionati sotto Chapman e una volta scomparso il carismatico fondatore è scomparsa nell’anonimato, Renault ha vinto meno in F1 ma alle spalle ha una casa motoristica molto antica tra le più grandi al mondo e una lunghissima tradizione nel mondo delle corse, per cui tirando le somme se fossi in Gerard Lopez lascerei il marchio a Fernandes (come è giusto che sia, visto che aveva i diritti).

  11. Dekracap

    27 Maggio 2011 at 21:55

    @Davide
    Guarda che la Lotus Group paga per dare il nome e logo alla ex Renault, Lopez direi che ha ottimi motivi per sperare che la sua Lotus esca bene dalla diatriba, tornare a chiamarsi Renault non gli darebbe un soldo.

  12. Davide

    28 Maggio 2011 at 07:07

    Sotto questo punto di vista avete ragione.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati