Renault: “Vantaggi e svantaggi per la Honda in vista del 2015”

La casa giapponese porterà al debutto il suo V6 turbo un anno dopo la concorrenza

Renault: “Vantaggi e svantaggi per la Honda in vista del 2015”

La decisione della Honda di tornare in Formula 1 nel 2015, un anno dopo l’introduzione delle nuove regole sui motori, avrà aspetti positivi e negativi per la casa giapponese, secondo la Renault. Questa stagione vedrà l’inizio di una nuova era per i motori di F1 con l’introduzione dei nuovi turbo V6 e dei sistemi di recupero dell’energia al posto dei vecchi V8. Renault, Ferrari e Mercedes saranno i tre motoristi quest’anno mentre la Honda sarà fornitrice ufficiale della McLaren a partire dal 2015.

Secondo Remi Taffin, responsabile delle operazioni in pista di Renault, entrare nel 2015 permetterà alla Honda di concentrarsi sul 2015 senza la distrazione di dover limare i difetti di gioventù dei nuovi motori nel 2014.

“Si potrebbe dire che è un buon vantaggio ma qualcun altro potrebbe dire che non lo è. Avranno un anno in più per studiare il motore e forse arrivare nel 2015 con un motore molto più sviluppato ma allo stesso tempo anche noi svilupperemo il motore per il 2015, ci stiamo già lavorando, quindi la situazione è simile. E’ solo una questione di risorse, loro non devono concentrarsi sul 2014 e stanno pensando esclusivamente al 2015. Questo potrebbe essere un vantaggio perchè metteranno tutte le loro risorse, il budget e il personale sul 2015 mentre noi dobbiamo bilanciare tra le due stagioni”.

“Tuttavia loro non avranno una vettura per girare e non vedo come questo non possa essere uno svantaggio. Anche se in fabbrica si lavora al meglio, è sempre sulla vettura che è necessario validare tutto ciò che si è studiato in inverno e negli ultimi tre o quattro anni”.

Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

15 commenti
  1. gtv916c

    9 Gennaio 2014 at 19:58

    Le nuove regole rimescoleranno le regole ci sarà spazio per le squadre di centro classifica, anzi, no, la forbice tra chi ha i budget più alti e quelli che hanno budget più bassi aumenterà.
    Inoltre chi entrerà con nuovi motori nel 2015 avrà il vantaggio di aver avuto un anno in più, anzi no, non avrà avuto una macchina su cui lavorare quindi gli altri avranno un bel vantaggio.
    Mi sembra notare un po’ di confusione in giro.
    Insomma, mancano 65 giorni, 11 ore, 3 minuti e 21 secondi al primo giorno di scuola. O forse è l’esame di maturità…si dice che uscirà il tema su Schumacher…

    Chi ci capisce è un fenomeno.

  2. cpJack

    9 Gennaio 2014 at 20:14

    ehm ma veramente posso montarlo su un auto gt , anche s enon e’ la stessa cosa possono avere comunque dati importanti o addirittura su auto di una serie minore alla F1

  3. amico di frederick

    9 Gennaio 2014 at 20:19

    io spero solo che con il ritorno del turbo vengano fuori come a meta’ degli anni ottanta i pochi veri piloti esistenti in F1 e se lo meritano e scompaiano invece le molte mezze tacche che bazzicano il paddock grazie solo i loro sponsor e alle loro conoscenze ora si’ che vedremo chi sa guidare e chi e’ solo aria fritta e petro-dollari!

    • eiskalt

      9 Gennaio 2014 at 20:38

      beh considera cmq sia che la tecnologia oggi e molto piu avanzata degli anni 80 …. vabbe i motori ma allora lo sviluppo del aerodinamica e della mecchanica era molto incdietro ad oggi ed e ovvio che allora prevaleva molto il pilota otre che al motore ovvio. cmq sicuramente chi sapra addatarsi alle nuove auto avra un grosso vantaggio anche se avra una macchina minore 😉

      ricordiamo che un certo SENNA andava sulle curve 10 15 km/h piu veloce degli altri… ma non perche aveva una mecchanica migliore oppure l`aerodinamica migliore ma xke e proprio lui che era il migliore 🙂

      • Capitan red

        9 Gennaio 2014 at 20:54

        quand’è che si comincerà a dire che Senna camminava sull’acqua??..
        ogni campione ha la sua generazione….altrimenti cominciamo a dire che Fangio,Nuvolari ecc…erano superfenomeni che facevano le curve meglio di tutti..

      • eiskalt

        9 Gennaio 2014 at 20:57

        fanggio e nuvolari anche essi sono leggende. con le macchine che avevano erano davvero dei fenomeni… ovvio che oggi ci sono anche i fenomeni dico solo che e molto piu semplice diventarlo 😉

      • Doesntmatter72

        13 Gennaio 2014 at 12:47

        Senna era un grande, tuttavia ricordo anche un certo Schumacher dare un secondo a km (a SPA 7″ al giro) a tutti gli avversari…

        Insomma, i fenomeni ci sono stati sempre, non commettiamo l’errore di mitizzare i campioni del passato, rischiando di ignorare i presenti….

  4. Capitan red

    9 Gennaio 2014 at 20:55

    Trovo certi doscorsi ridicoli…la Honda sarebbe avvantaggiata ad entrare 1 anno dopo?…su quali basi? si potrà concentrare di più sul 2015?….
    come chiedersi qual’è il pilota che arriverà nel 2015 più preparato?…uno che starà 1 anno al simulatore o quello che si farà 1 anno di esperienza in pista in lotta con gli avversari?

    • hero

      11 Gennaio 2014 at 09:32

      La Honda nel 2014 non partecipa al mondiale è vero,ma molto probabilmente faranno numerosi test con una vettura prototipo,quindi gireranno anche loro…

      • Capitan red

        11 Gennaio 2014 at 21:54

        I test non sono gare vere contro avversari veri…per un pilota correre da solo in pista è diverso che correre fianco a fianco con avversari che ti chiudono le curve.
        la verità è che la Honda ha paura di fare figuracce al primo anno e quindi se ne sta ben nascosta.

  5. alfredvogler

    10 Gennaio 2014 at 10:45

    ok, ma i numeri di gara dei piloti quando escono?

  6. alfredvogler

    10 Gennaio 2014 at 11:14

    Nel 2015 con la McLaren Honda, oltre che quest’anno e quelli successivi naturalmente, Button correrà col 22.

    2 little ducks. #22#jenson22 my new race number guys, great memories

  7. mario

    10 Gennaio 2014 at 12:40

    Bisogna vedere come e’ strutturato il freezing dei motori.La Honda quando omologa il proprio motore?Oggi o poco prima di debuttare?Perche’ capite che se omologa il proprio V6 a fine 2014 ha un anno di tempo per lavorare liberamente.Mentre gli altri essendo soggetti gia’ al freezing potranno modiificare solamente l’8% dell’unita’potenza come recita il regolamento.C’e’ qualcuno che sa spiegare come funziona questa parte del regolamento?

    • eiskalt

      10 Gennaio 2014 at 15:40

      te lo spiego io … come la politica italiana 😆

  8. MARCO79

    10 Gennaio 2014 at 23:11

    sarà un bel caos ad inizio stagione a meno che i test non facciano emergere da subito come stanno le cose…ma sapete che nei test non è proprio tutto veritiero….la honda? non saprei sono un bel po di anni che non è in formula uno anche se le loro tecnologie sono avanzate avranno bisogno di un partner esperto e la mclaren lo è…speriamo in un campionato emozionante magari con vincitori nuovi…

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati