Red Bull, Kvyat: “Quando sono arrivato avevo troppe aspettative, ora conta solo lavorare”

Il russo è della stessa idea di Ricciardo, la Red Bull dovrà lavorare sodo per migliorare passo dopo passo

Red Bull, Kvyat: “Quando sono arrivato avevo troppe aspettative, ora conta solo lavorare”

La parola d’ordine è concentrarsi. Sul lavoro da fare, sui particolari, gara dopo gara. Solo così il podio non sarà un obiettivo impossibile.

Questa l’idea di Daniil Kvyat. Il pilota russo, a margine della presentazione della livrea 2016 nell’evento organizzato a Londra con lo sponsor Puma, ha rilasciato alcune interessanti dichiarazioni sul suo team e su quelle che sono le sue speranze per l’imminente stagione.

“Il 2015 è stato un anno molto difficile, la squadra ha avuto molta pazienza. Eravamo partiti con ben altre aspettative e propositi, e ci siamo ritrovati molto più indietro di quanto ci aspettassimo ha raccontato KvyatL’inizio del mondiale 2015 è stato scioccante, poi pian piano siamo migliorati, ma abbiamo avuto troppi alti e bassi. Alcuni GP eravamo tra i primi e quello dopo facevamo zero punti. Una situazione deludente. La mia fiducia nel team è intatta, ho voglia di fare bene, ma talvolta bisogna lasciarsi alle spalle le aspettative e concentrarsi solo sul lavoro, ed è quello che farò. L’anno scorso abbiamo avuto troppi momenti no, quindi spero di vivere più momenti emozionanti nel 2016″

Antonino Rendina


Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati