Red Bull, Kvyat: “Oggi il migliore piazzamento della mia carriera in F1”

Per la prima volta da inizio stagione il team austriaco porta entrambe le monoposto nella top five

Red Bull, Kvyat: “Oggi il migliore piazzamento della mia carriera in F1”

Un buon weekend per la Red Bull a Monaco, che con il quarto e il quinto posto, rispettivamente di Kvyat e di Ricciardo, è riuscita per la prima volta a piazzare entrambe le monoposto nella top five, portando a casa punti importanti in ottica costruttori e avvicinandosi così alla Williams, terza in classifica generale ma senza alcun bottino sulle strade di Monte Carlo.
A dare una scossa alla classifica – e una mano alla Red Bull – ci ha pensato la safety car nelle fasi finali della gara, permettendo a Ricciardo di effettuare un secondo pit stop e montare così un nuovo set di supersoft.
L’australiano è riuscito così a guadagnare una posizione ai danni della Rossa di Kimi, proseguendo quindi con un sorpasso sul compagno di squadra – al quale ha però poi restituito la posizione, in accordo con il team – e agguantando quasi la Mercedes di Hamilton, prima che la bandiera a scacchi mettesse fine al sesto appuntamento del Mondiale.

Daniil Kvyat, quarto: “Sono felice per la gara di oggi. E’ il mio migliore piazzamento da quando sono in Formula 1 ed è anche un grande risultato per il team. Ho fatto una bella partenza e da lì in poi sono riuscito a controllare il resto della gara. Nelle fasi finali abbiamo scommesso facendo passare Daniel, per provare a lottare per il podio visto che aveva la gomma più fresca. Quando ci siamo resi conto che non ce l’avrebbe fatta, mi ha ridato la posizione all’ultimo giro, come da accordi via radio. Speriamo di mantenere questo slancio anche nelle prossime gare”.

Daniel Ricciardo, quinto: “E’ stata una buona gara oggi e un buon risultato per la squadra. Negli ultimi giri mi sono anche divertito un po’ cercando di avvicinarmi ad Hamilton e Vettel, per vedere se riuscivo a combattere per il podio. Sapevo di essere nella posizione di poter attaccare nelle fasi finali, e l’idea era esaltante. Il team ha lavorato bene, Daniil mi ha lasciato passare e io gli ho restituito il quarto posto quando ho visto che non sarei riuscito a prendere Lewis. Ho avuto un piccolo incidente con Kimi: è dura qui fare un sorpasso pulito senza toccarsi, per questo sono contento che i commissari non abbiano preso alcun provvedimento in merito e penso che alla fine i fans si siano goduti la battaglia. Nelle prossime gare proveremo a mantenere questo ritmo, sperando di rimanere nella top five”.

Nina Stefenelli

Leggi altri articoli in Interviste

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati