Red Bull contro lo strapotere Mercedes

Helmut Marko: "Mateschitz potrebbe lasciare la F1"

Red Bull contro lo strapotere Mercedes

All’indomani della prima prova del Mondiale F1 2015, inaugurata con una doppietta Mercedes, i capi di Woking sono passati al contrattacco dopo l’immediata richiesta per un cambio del regolamento da parte di alcuni – leggi Red Bull.
Sono in molti a pensare che a Melbourne lo spettacolo fornito agli appassionati non abbia giovato all’immagine di una Formula 1 già pesantemente in crisi di ascolti e adrenalina.
Solo quindici le monoposto presenti sulla griglia di partenza – delle 20 regolarmente iscritte – ridotte a 11 allo sventolare della bandiera a scacchi. Nel Circus si è subito scatenato il “panico”, rincarato dal fatto che il dominio incontrastato delle Frecce d’Argento sembra già essersi assicurato un pass anche per la stagione 2015.

Il terzo gradino conquistato da Sebastian Vettel non è bastato dunque a calmare gli animi.
Il vantaggio di Lewis Hamilton in qualifica è stato di 1s4 sui rivali e il britannico è stato poi accusato di essersi volutamente nascosto in gara, nonostante la Ferrari di Vettel sia passata sotto la bandiera a scacchi ben 34 secondi dopo il leader della corsa.
“Quello di ieri non era il vero passo della Mercedes“, ha dichiarato domenica l’ingegnere della Williams Rob Smedley. “Il vero passo è quello visto in Qualifica al sabato”.

Toto Wolff ha categoricamente negato il fatto che Hamilton e Rosberg non abbiano volutamente spinto al massimo durante la gara, ammettendo però che risparmiare la benzina fosse una priorità.
“Nico non ha mai avuto le armi per combattere contro Lewis”, ha spiegato il boss di Mercedes, “visto che su questo tracciato devi preservare il carburante”.

Mentre la stampa australiana archiviava il primo appuntamento della stagione nella cartella “Formulanoia”, Christian Horner ed Helmut Marko se la prendevano con Renault, minacciando che il patron della Red Bull Dietrich Mateschitz potrebbe lasciare la F1 per protesta contro le attuali regole.
“Sì”, ha messo in guardia Marko, “c’è il pericolo che Mateschitz perda la sua passione per la F1. I regolamenti tecnici sono incomprensibili, troppo complicati e costosi. Stanno uccidendo la Formula 1!”

A questo punto, Wolff non c’ha più visto: “Penso che debbano solo abbassare quella cavolo di testa, lavorare sodo e cercare di venirne fuori”, ha tuonato l’austriaco, suggerendo inoltre a Marko e ad Horner di portare i propri lamenti fuori dal paddock, dirigendosi invece verso il Muro del pianto a Gerusalemme.

Dello stesso parere anche Niki Lauda, che in merito alle critiche mosse a Mercedes a fine gara ha così replicato: “Quelli che continuano a criticare non hanno la minima idea di che cosa stanno parlando”, ha dichiarato la leggenda della F1. “Siamo tutti qui per portare il massimo in termini di tecnologia innovativa, miglior macchina e miglior motore, nel tentativo di vincere un gran premio”, ha spiegato Lauda all’agenzia di stampa austriaca APA.

“Questo è l’obiettivo in F1. Se gli altri sono qui per motivi differenti, ripeto, non sanno di che cosa stanno parlando”, ha insistito il presidente di Mercedes, secondo il quale non c’è stato nulla di sbagliato nell’immagine trasmessa dalla F1 domenica. “La Ferrari è tornata sul podio, quindi cosa c’è che non va? Tutte le lamentele arrivano dalla Red Bull solo perché sono infastiditi dal fatto che la loro macchina non funziona”.

Nina Stefenelli

Red Bull contro lo strapotere Mercedes
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in News F1

Lascia un commento

19 commenti
  1. michele

    16 marzo 2015 at 11:11

    Chi si abitua allo champagne del podio, poi e difficile che torni indietro.

    I team devono essere bravi anche quando cambia il vento.

    Ma qui ci servono troppi miliardi, e a queste condizioni conviene darsela a gambe.

  2. Mattia88f1

    16 marzo 2015 at 11:42

    Hehe…ti piace vincere facile? Però quando i distacchi abissali li dava la RB tutto ok? Dai siate seri, Mercedes è due anni che lavora bene? E’ giusto che sia li davanti…ecco il perchè la Ferrari (al netto di simpatie-antipatie) è la leggenda vivente della F1, perchè tra 20 anni se ci sarà ancora la F1 ci sarà ancora la Rossa, invece la RB no…ridicoli

    • and.90

      16 marzo 2015 at 12:17

      Ma smettetela, che quando era la Ferrari a frignare e a minacciare di smettere -perchè il regolamento era cambiato e non dominava più come gli anni passati- tutti che le davate ragione. Ora che lo fanno gli altri per gli stessi motivi invece tutti subito pronti e dar contro.
      Secondo me la Red Bull frigna (perchè comunque son d’accordo a defire sti comportamenti delle frignate, a prescindere da quale scuderia vengano) più che altro per l’unione di più fattori in contemporanea:
      1- motori osceni che da 2 anni la Renault rifila. E non che gli anni precedenti fossero particolarmente eccellenti, solo che erano più che bilanciati dal genio di Newey;
      2- il regolamente e le limitazioni da esso imposte, fanno obiettivamente Ca*are! Non c’è nulla di buono e di salvabile. Andrebbe preso tutto e buttato nel water. Ma d’altronde finchè rimangono al “potere” quei due ritardati di Ecclestone e Todt non si può sperare in miglioramenti.

      Comunque dovremmo tutti preoccuparci seriamente di queste minacce da parte della Red Bull. Pensate se davvero si ritirasse e venissero tolte di mezzo, di colpo, 4 (QUATTRO!!) vetture che, nel bene e nel male, son sempre lì in posizioni di riguardo. Cioè non stiam parlando di Marussia, Caterham, Jordan, Jaguar e scuderie varie dimenticabili e dimenticate. Qui si parla di 2 team di un certo livello! Se se ne vanno via loro chi rimane di competitivo? Ferrari, Mercedes, con un po’ di fortuna Williams e con (molte) preghiere la Mclaren. Si rischierebbe seriamente di far la fine della MotoGp. Rendiamocene conto.

      • lucaraikkonen

        16 marzo 2015 at 12:23

        Credo siano minacce per poter ottenere un cambio di regolamento in modo da rendere un po piu avvincenti le gare.. era noioso vedere dominare la ferrari(da ferrarista lo ammetto..) lo è stato vedere red bull vincere per 4 anni.. lo è ora vedere mercedes andar via gia al primo giro..

      • and.90

        16 marzo 2015 at 12:39

        Ti dò ragione… Certo che è completamente assurdo che ormai per cambiare un po’ lo spettacolo (e i vincitori) si deve ricorrere a modifiche drastiche nel regolamento.
        La colpa è certamente del regolamento stesso così stupido e restrittivo (e delle menti che l’hanno concepito).
        Cioè d’ora in avanti che si fa? Ogni tot anni si cambia tutto in modo da costringere tutti a ricominciar da capo, sperando che ciò significhi nuove scuderie vincitrici da lì in avanti? Che vaccata. Mi immagino i dialoghi al tavolo:
        “Dai ragazzi quest’anno il V6 turbo, la prossima volta usiamo i 4 cilindri boxer così magari viene a correre Subaru e vince un po’ anche lei; e poi passiamo al bicilindrico! Così Marchionne monta il twinair Fiat sulla Ferrari ed è contento. Eh! Che ideone che abbiamo noi della FIA/FOTA!!!”

      • fabry

        16 marzo 2015 at 13:21

        Non è concepibile vedere una gara come quella di ieri, sono 30 anni che guardo la formula 1, in televisione e nei circuiti, mai ho visto uno spettacolo di così basso livello. Credo che dovrebbe lamentarsi in primis la gente, non so come si possa pagare per vedere il nulla!

  3. 12cilindri

    16 marzo 2015 at 12:23

    a parte che gli piaceva vincere facile anche con dispositivi che aggiravano i regolamenti,ma ormai la f1 è a cicli un ciclo è passato con la ferrari ,poi red bull, ora mercedes il tutto per aumentare l’audience che vuole ecclestone,ma siamo veramente sicuri che questa f1 fatta da ecclestone e piena di milioni di regole del cavolo piaccia piu’ di prima,io penso proprio di no,ieri la mercedes ha giocato con gli altri team illudendoli che con i gettoni ,si possa recuperare,bisogna cambiare liberta’di sviluppo motore e telaio, in pensione il simulatore che costa un sacco di soldi ,e test in pista altrimenti la f1 è morta

    • maxdi

      16 marzo 2015 at 13:43

      Ottimo riassunto, anche io penso che tornare ai test liberi permetta molto più spettacolo e non cambi gli attuali costi, se non riducendoli addirittura.Di gp in gp si vedrebbero veri cambiamenti sulle monoposto, in termini di tempi sul giro; e i risultati non serebbero per nulla scontati, al di là di quello che sono le motorizzazioni o i regolamenti tecnici.

    • fabry

      16 marzo 2015 at 14:07

      Concordo, solo la parola “altrimenti” va tolta, la formula 1 è morta! Per riportarla in vita bisognerebbe tornare ai test liberi, chi non ha i soldi per farli pazienza, navigherà in fondo allo schieramento, sicuramente tra i primi dieci ci sarebbe molta più competizione.

  4. antonio6840

    16 marzo 2015 at 12:45

    Non sto qui a discutere se Rb oggi o Ferrari ieri abbiano ragione a lamentarsi; però un dato deve far riflettere un po’ tutti: negli ultimi anni non si è mai assistito a stagioni diverse dalle precedenti (ad eccezione dell’anno in cui ha vinto la Brawn GP, sappiamo tutti in che modo); ed infatti a cinque anni di dominio Ferrari si succedono anni di dominio RB, ora si profila un triennio (almeno) di dominio Mercedes.
    Con pieno merito degli uni e degli altri, per carità, però la competizione va un po’ a farsi benedire, non so quanto il pubblico sia ancora disposto ad accettare di sapere già all’inizio come andrà a finire….

  5. reaper

    16 marzo 2015 at 13:16

    “Lewis Hamilton in qualifica è stato di 1s4 sui rivali”

    1s4, cosa significa?
    è un nuovo modo di scrivere un valore di tempo?

  6. Alecx

    16 marzo 2015 at 13:28

    E’ stata una prima gara molto molto anomala: Kyvat fuori col cambio rotto prima della gara, Bottas fuori per il mal di schiena, Magnussen fuori per la rottura del motore prima della gara, Raikkonen fuori per un problema dovuto forse ai contatti in gara, Verstappen out col motore rotto. Diciamo che è stata tutta una serie di eventi incredibili che hanno determinato una gara cosi povera. Mi pare che la Red Bull abbia fatto due passi indietro e puo solo incolpare se stessa. Se le Mercedes si siano nascoste è difficile dirlo, molto difficile, l’unico modo per saperlo per gli altri è lavorare sodo e tentare di prenderli.

    La Red Bull mi pare che non gradisca proprio il fatto di non essere tra i primi come hanno fatto per 4 anni di fila e anche l’anno scorso sono stati la seconda forza. Che cambino motore l’anno prossimo ed evitino di fallire i crash test dei musi nuovi.

    Le loro lamentele sono lacrime di coccodrillo.

  7. michele

    16 marzo 2015 at 15:19

    Quando vincevate voi era tutto OK!

  8. Pedro33

    16 marzo 2015 at 15:22

    IO CONTINUO A NON CAPIRE PERCHE’ DURANTE L’ARCO DELL’ANNO NON SI POSSA CONTINUARE A SVILUPPARE UNA MACCHINA…!!! MA VI RICORDATE AI TEMPI DI SCHUMY QUANDO INIZIAVA IL MONDIALE E LA FERRARI ERA SEMPRE INDIETRO E POI GP DOPO GP SI VEDEVANO I MIGLIORMENTI PERCHE’ NON ERI FRENATO DA STE REGOLE E CONGELAMENTI DEL KAXXO! MA POI IL RUMORE DI STI MOTORI NON LO HANNO MIGLIORATO PER NIENTE…. E CMQ SONO MACCHINE LENTISSIME COMPRESE LE MERCEDES, IL RECORD DELLA PISTA E’ DI 1’23″529 alla media di 228.553 Km/h DI VETTEL NEL 2011 E DI 1’24″125 alla media di 226.933 Km/h. IN GARA DI SCHUMY QUINDI CHIODI A MARTELLO!

  9. IcePack

    16 marzo 2015 at 16:56

    la RB. dovrebbe ricordarsi quando era lei a dettare il strapotere, la Merz non ha nessuna colpa se altri non sono capaci di essere competitivi..poi il capitolo a parte ci sono queste nuove formule della PU a trazione mista , una F1 dovrebbe avere soltanto motori termici e basta , nessun recupero di energia nessun motore elettrico solo puro termico e basta. a concezione di ricurepo dell’ energia e motori ibridi come sono concepiti in F1 non hanno nessun futuro nelle case automobilistiche, sono solo puro screco di denaro e tecnologie. Invece dovrebbero dare la possibilità a quelle case automobilistiche che sono presenti in F1 e altre di avere a disposizione il circus della F1 per gareggiare (prima o dopo in GP) con le vetture concept pura trazione elettrica non soluzione diverse per l’ energia con l’ unico vincolo di peso totale e numero di giri da fare . Cosi ad ogni Gp F1 si potrebbe seguire anche la F-elettrica e gli sviluppi più compatibili con le esigenze odierne….

  10. luciano n

    16 marzo 2015 at 20:46

    Anch io seguo la f1 da decine di anni ma cosi non va. anche nel 2014 ho avuto al possibilita di vedere il gran permio di ungheria perche per motivi di lavoro normalmente nei giorni del gran premio mi trovo a circa 2.5 km dal circuito.quest anno sono andato via il venerdi dopo 40 minuti delle prove libere del venerdi,perche non tanto per il dominio percedes,i cicli si susseguono….ma non puoi obbligare una persona che ha sentito la melodia dei 12 cilindri o lo striilo dei 20000 giri dei 10 cilindri,ad ascoltare il passaggio di un tosaerba da 700 cavalli cosi e e il rumore delle f1 di oggi.

  11. luciano n

    16 marzo 2015 at 20:48

    mercedes scusate

  12. Dario

    16 marzo 2015 at 22:48

    personalmente ho voluto vedere il GP proprio per decidere se continuare a vedere la F1 o no. Mano male che non pago SKY mi spiace solo per chi ha speso i soldi per questa follia..La contuinuero’ a guardare? Certo che no…Ma che senso ha fare le F1 ibride quando gia’ sulle strade di tutti i giorni ci sono gia’?Cosa devono sperimentare? Volevano fare i fighi hanno fatto una cag….a.

  13. Gianca

    17 marzo 2015 at 16:02

    La gara di domenica è stata a dir poco strana, veder partire poche auto, poi alcune rompersi subito, distacchi tra i primi e i secondi abissali, tanto da non capire per cosa si gareggiasse….
    I motori ibridi sono un costo folle, e limitarne le modifiche a un numero di gettoni limitato spendibile entro una certa data è assolutamente folle, impedisce il recupero e il livellamento delle prestazioni, con il risultato di avere un campionato scontato e privo di ogni interesse. Di per se l’idea dell’ibrido non è malvagia, ma se non ci sono i soldi per svilupparlo liberamente, limitarne gli sviluppi per risparmiare è un errore, in questo modo si uccide la competizione. Una squadra può essere in dietro per errori e ritardi, ma deve avere la possibilità di recuperare, invece ora per REGOLAMENTO se sei in dietro ci devi rimanere!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati