GP Cina: Hamilton vince con furore

Doppietta Mercedes. Terzo gradino del podio per Vettel davanti a Kimi

GP Cina: Hamilton vince con furore

L’aveva detto Lewis Hamilton, “questo è il mio circuito”, e così è stato. Il pilota della Mercedes ha vinto il GP Cina 2015 davanti al compagno Nico Rosberg e alla Ferrari di Sebastian Vettel.
Una gara perfetta, concentrata, senza sbavature, e portata magistralmente a termine da leader dalla pole fino alla bandiera a scacchi. Praticamente in solitaria, il campione del mondo in carica si è portato così a casa la sua seconda vittoria stagionale, senza lasciare spazio agli avversari.
Ancora una splendente prestazione per entrambe le Ferrari, con Kimi autore di una bellissima partenza e, finalmente, di una gran gara senza intoppi.
Williams meglio del solito, ma ancora non riescono a tenere il passo dei rivali davanti. Bene invece le due Sauber, entrambe a punti, così come la Lotus di Grosjean, settimo.
Salva il salvabile Ricciardo, che dopo una pessima partenza riesce a risalire fino alla nona piazza e a portare a casa qualche punto. Ritiro invece per il compagno di squadra Kvyat. Dodicesima e tredicesima posizione per le due McLaren di Alonso e Button, che finalmente hanno visto il traguardo.

Cronaca – I primi dieci in griglia partono con la soft utilizzata in Qualifica, mentre tutti gli altri con soft nuove, eccetto Kvyat e Sainz con medie nuove. Lewis Hamilton non sbaglia la partenza e subito va a chiudere il compagno di squadra, che a sua volta si difende da Vettel, terzo. Dietro è lotta in famiglia tra le due Williams con Bottas che supera Massa e ad approfittarne è un sorprendente Kimi Raikkonen: il finlandese mette a segno una partenza da manuale e risale dalla sesta alla quarta piazza. Si brucia invece in partenza Ricciardo, che rotola da settimo fino a metà della griglia.
Al secondo giro Hamilton è al comando, seguito da Hamilton, Rosberg, Vettel, Raikkonen, Massa – che ha ripassato Bottas – Grosjean, Nasr, Ericsson, Maldonado, Verstappen, Hulkenberg, Kvyat, Perez, Alonso, Ricciardo e Button.

Dopo i primi 10 giri Hamilton è al comando e cerca di scappare da Rosberg, mentre dietro troviamo le due Ferrari di Vettel e Kimi, Massa, Bottas, Grosjean, Maldonado, Nasr e Verstappen.
Primo ritiro della giornata: è la Force India di Hulkenberg. Il primo pit stop è per la Sauber di Nasr che passa alla mescola media.

Le gomme soft cominciano a crollare e a conclusione del giro 13 Vettel torna ai box per montare la gialla nuova. Rientra al quinto posto alle spalle di Bottas. Sosta anche per Massa subito dopo, che rientra ottavo.
Al giro 16 il motore Renault di Kvyat prende fuoco e la Red Bull del russo parcheggia nella ghiaia.
Dopo il primo pit stop Hamilton è al comando seguito da Rosberg, Vettel, Kimi, Massa, Bottas, Maldonado, Grosjean, Nasr e Verstappen. Il tedesco della Toro Rosso sferra un sorpasso decisivo sulla Sauber e si porta in nona posizione.

Intanto Vettel sta spingendo come un dannato e si avvicina a Rosberg, portandosi a 1 secondo e mezzo, ma spingere troppo significherebbe “finire le gomme”, fa sapere ai suoi via radio. Entrambe le Rosse sono in coda alle Mercedes, mentre le Williams, con mescola dura, rimangono indietro.
Il cambio della Toro Rosso di Sainz fa i capricci e lo spagnolo rallenta visibilmente ma, una volta resettato, riesce a tornare a girare, in sedicesima posizione.
Intanto è battaglia per l’undicesima piazza tra Ericsson e Ricciardo, con l’australiano che alla fine riesce ad avere la meglio.

Giro 30 e secondo pit stop per Vettel, mentre Rosberg sta crollando e ha problemi all’anteriore sinistra. Vettel passa alla media e Nico viene richiamato ai box il giro successivo. Il tedesco della Mercedes rientra davanti alla Ferrari. Hamilton intanto è scappato via e un paio di giri dopo, guadagnato il vantaggio necessario, rientra ai box. Kimi ai box al giro 35 rientra al suo quarto posto dietro al compagno di squadra.
Vettel vede allontanarsi un po’ le Mercedes, mentre è la Ferrari del suo compagno di squadra ad avvicinarsi.

Al giro 41 Verstappen mette a segno un altro bel sorpasso e si prende l’ottava posizione su Perez. Quindi anche la Sauber di Nasr passa la Force India.
Al giro 43 le due Mercedes sono ormai volate via, con Hamilton sempre leader della corsa davanti a Rosberg, Vettel, Kimi – sempre più vicino al tedesco – Massa, Bottas, Grosjean, Verstappen, Nasr, Ericsson, Ricciardo, Perez e Button. Ricciardo al giro successivo riesce a sferrare l’attacco alla Sauber ed entra nella top ten.

A meno di dieci giri dalla fine le posizioni davanti sono congelate, mentre dietro è battaglia per la tredicesima piazza tra Button, Maldonado e Alonso: la McLaren dell’inglese passa la Lotus ma poi è di nuovo Maldonado a ripassare. Button non ci sta e ritenta il sorpasso, ma è un po’ troppo aggressivo e va a toccare la Lotus. I due si girano e ad approfittarne è Alonso che passa quindi entrambi. Al giro 52 Maldonado è costretto al ritiro.

Colpo di scena al giro 54, con la Toro Rosso di Verstappen che si inchioda sul rettilineo. Entra così la safety a due giri dalla fine.
Sventola la bandiera a scacchi ed Hamilton va a vincere, in regime di safety car, davanti a Rosberg, Vettel, Kimi, Massa, Bottas, Grosjean, Nasr, Ricciardo ed Ericsson.

F1 GP Cina – Tempi e risultati Gara

Pos. N. Pilota Team Distacco Tempo Giri
1 44 Lewis Hamilton Mercedes + 0″000 01:39.42.008 56
2 06 Nico Rosberg Mercedes + 0″000 + 00″714 56
3 05 Sebastian Vettel Ferrari + 0″000 + 02″988 56
4 07 Kimi Raikkonen Ferrari + 0″000 + 03″835 56
5 19 Felipe Massa Williams + 0″000 + 08″544 56
6 77 Valtteri Bottas Williams + 0″000 + 09″885 56
7 08 Romain Grosjean Lotus + 0″000 + 19″008 56
8 12 Felipe Nasr Sauber + 0″000 + 22″625 56
9 03 Daniel Ricciardo Red Bull + 0″000 + 32″117 56
10 09 Marcus Ericsson Sauber + 0″000 + 1 giro 55
11 11 Sergio Pérez Force India + 0″000 + 1 giro 55
12 14 Fernando Alonso McLaren + 0″000 + 1 giro 55
13 22 Jenson Button McLaren + 0″000 + 1 giro 55
14 55 Carlos Sainz Toro Rosso + 0″000 + 1 giro 55
15 28 Will Stevens Manor + 0″000 + 2 giri 54
16 98 Roberto Merhi Manor + 0″000 + 2 giri 54
17 33 Max Verstappen Toro Rosso + 0″000 + 4 giri 52
18 13 Pastor Maldonado Lotus + 0″000 + 8 giri 48
19 26 Daniil Kvyat Red Bull + 0″000 + 42 giri 00
20 27 Nico Hulkenberg Force India + 0″000 + 48 giri 08

Leggi altri articoli in Gran Premi

Lascia un commento

3 commenti
  1. Emanuele

    12 Aprile 2015 at 10:26

    Bella gara di hamilton perfetto tutto il we.
    Ottima anche la ferrari con i due piloti che hanno fatto il massimo.
    Gara comunque abbastanza noiosa

  2. AntonioX

    12 Aprile 2015 at 13:50

    Terzo a 18secondi dal primo (non considerando la sefty car al penultimo giro) vuol dire meno di mezzo secondo di distacco sul giro. I 2secondi e mezzo dell’anno scorso ormai sono solo un brutto ricordo

    • ILLINOISF1

      12 Aprile 2015 at 14:23

      Si può sapere la velocità della macchina di Vettel nel rettilineo,è anche quello di Kimi perché a occhio sembrava leggermente piu veloce

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati