Massa: “Se continuo a lottare per la Top 5 non devo preoccuparmi per il futuro”

Il ferrarista è indifferente alle voci di mercato

Dopo la firma di Webber con la Red Bull nulla cambia per il paulista: è consapevole che per ottenere la riconferma deve dimostrare di saper lottare per le posizioni di vertice e regalare punti per la classifica Costruttori
Massa: “Se continuo a lottare per la Top 5 non devo preoccuparmi per il futuro”

La F1 arriva a metà stagione con il GP di Germania e Felipe Massa fa il punto sul suo stato di forma e le sue prospettive in quello che con venti gare è il più lungo e faticoso campionato di F1 di sempre.

“Ho avuto buoni risultati di recente e la nostra vettura sta migliorando in tutti i campi, così non mi pesa essere arrivati a metà stagione”, ha spiegato il brasiliano della Ferrari. “Si vuole sempre continuare a correre, perché le prestazioni possono migliorare ulteriormente. Nel nostro caso, mi aspetto che il trend continui fino alla fase finale del campionato. Se ci sono difficoltà è nella natura umana lavorare e impegnarsi a fondo. Per fortuna, al momento, non siamo in quella posizione e non vedo l’ora di correre tutte le gare rimanenti, quindi il fatto che si tratta di una lunga stagione va bene per me. E’ sicuramente un campionato lungo, ma mi sto godendo il fatto che abbiamo molte gare rimanenti per ottenere dei buoni risultati”.

Massa attualmente è 13° nel Campionato Piloti, con gli stessi punti del suo ex compagno di squadra, Michael Schumacher. Anche se è molto indietro, Felipe ha ancora molto da dire in classifica. “Certo, il campionato piloti è ancora importante per me. Guardando a dove ero poco prima di Silverstone, mi rendo conto che ci sono un sacco di punti ancora disponibili per le prossime undici gare. E’ molto importante per me e voglio lottare per tornare nella Top 5. Questo potrebbe essere un obiettivo difficile da raggiungere, ma è sempre necessario imporsi delle sfide difficili. Inoltre, il Campionato Costruttori è molto importante per noi e cercherò di fare del mio meglio per aiutare la Ferrari. Ho lavorato al simulatore con i miei ingegneri per preparare le due gare in Germania e Ungheria. Non vedo l’ora di tornare a Hockenheim dopo la pausa di un anno. E’ una pista interessante e sono finito sul podio due volte e poiché la F2012 continua a migliorare, possiamo sperare di essere competitivi questo weekend, anche se questo campionato è stato così incerto da prevedere che non possiamo essere veramente sicuri di cosa possiamo aspettarci fino a quando non cominciamo a guidare”.

La notizia della scorsa settimana che Mark Webber ha firmato un prolungamento con la Red Bull per il 2013 non ha cambiato nulla nelle prospettive del paulista. “Certo che mantenere un occhio su ciò che sta accadendo agli altri piloti, è importante”, dice. “Ma l’unica cosa che conta per me è correre nello stesso modo di Silverstone. Nei due Grand Prix precedenti, a Montreal e Valencia, sarei stato assolutamente in grado di finire tra i primi cinque o sul podio, ma per varie ragioni non è successo. E’ da Monaco che sono in lizza per la Top 5 in ogni gara. Sono sicuro che guidare come faccio ora è l’unica cosa che posso fare per garantirmi il mio futuro. Che cosa succede nel mercato piloti non ha un effetto significativo sulla mia posizione. Se io continuo a lavorare come ho fatto a Silverstone, non mi sento troppo preoccupato per il mio futuro”, ha concluso il ferrarista.

Lorena Bianchi

Leggi altri articoli in Focus F1

Lascia un commento

30 commenti

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati